Persone

George Mitchell

George Mitchell è un politico e dirigente d'azienda americano. Attualmente ricopre l'incarico di Inviato speciale per il Medio Oriente, affidatogli dall'amministrazione Obama per risolvere il conflitto arabo-israeliano.

Già in precedenza Mitchell si era occupato della questione mediorientale: agli inizi del 2000 infatti su incarico di Clinton aveva condotto uno studio sulle cause e sulle possibili soluzioni del conflitto, detta appunto relazione Mitchell.

Prima di questo importante incarico diplomatico Mitchel è stato dal 2004 al 2007 presidente della Walt Disney Company. George Mitchell ha inoltre avuto incarichi nei consigli di amministrazione di numerose altre aziende americane tra cui Xerox, Fedex e Staples.

In precedenza, dal 1995 al 2000, era stato Inviato speciale per il processo di pace in Irlanda. Grazie al suo impegno e ai suoi negoziati la situazione in Irlanda del Nord è notevolmente migliorata, tanto che per i suoi servizi è stato proposto per il premio Nobel per la pace.

Negli anni precedenti George Mitchell si era conquistato un ruolo importante all'interno della politica americana, tra le fila del partito democratico. Nominato per la prima volta senatore nel 1980, in sostituzione di un altro senatore dimissionario, è stato poi rieletto nel 1982 e 1988. In breve è diventato un punto di riferimento per i senatori democratici, assumendo anche l'incarico di capogruppo al senato. Durante gli anni da senatore si è battuto in particolare per far approvare leggi per l'assistenza sanitaria e sociale e per l'ambiente. Nel 2000 era stato anche preso in considerazione da Al Gore come candidato vicepresidente alle elezioni, preferendogli però Joe Lieberman. Di professione George Mitchell è un avvocato, ed è stato anche socio e presidente del grande studio legale DLA Piper.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su George Mitchell
    • News24

    Kerry a Netanyahu: pace a rischio

    Kerry ha anche giustificato e spiegato le ragioni per le quali l'amministrazione Obama si è astenuta per la prima volta in un voto contro Israele al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, una spiegazione che è sembrata più una "difesa" dopo le dure critiche emerse in Congresso sia in campo democratico che repubblicano e persino da George Mitchell, ex senatore democratico che ha svolto per anni un ruolo di inviato per la pace: «In quella risoluzione si riaffermavano principi ai quali l'America aveva...

    – Mario Platero

    • News24

    Kerry accusa Israele: mette a rischio la soluzione dei due Stati. Ma Trump è con Netanyahu

    Kerry ha anche giustificato e spiegato le ragioni per le quali l'Amministrazione Obama si è astenuta per la prima volta in un voto contro Israele al Consiglio di Sicurezza dell'Onu, una spiegazione che è sembrata più una "difesa" dopo le dure critiche emerse in Congresso sia fra democratici e repubblicani e persino da George Mitchell, ex senatore democratico che ha svolto per anni un ruolo di inviato per la pace: «In quella risoluzione si riaffermavano principi ai quali l'America aveva già...

    – di Mario Platero

    • News24

    Le occasioni di pace perse in Israele

    Quattro o cinque attentati e due o tre morti al giorno, qualche lancio saltuario di razzi, una sfiducia sempre più difficile da scalfire. Eppure, con tutto ciò

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Una lobby frena la rivoluzione dello shale

    L'industria ad alta intensità energetica e i cittadini osteggiano l'export spinto del nuovo gas - IL PETROLIO - La rigidità di Washington sull'oro nero fa il gioco della Cina: Pechino ha già fatto accordi con il Canada e con altri fornitori degli Stati Uniti

    – di Leonardo Maugeri

    • Agora

    Niente di nuovo dal fronte di Ramallah

    "La Primavera araba ha catturato parte dell'attenzione. Non era tempo di negoziati a lungo termine: era iniziato un dibattito sulla stabilità dell'intero mondo arabo, sulla natura dei regimi. In Europa e in America la gente aveva a che fare con i problemi economici". Lo diceva Salam Fayyad qualche giorno fa al giornale israeliano Yediot Ahronot: il premier palestinese giustificava le ragioni dell'inesistenza di un processo di pace, fermo dal settembre 2010.   Come dire: scusate se siamo occupati...

    – Ugo Tramballi

    • Agora

    Perché Obama ha preso atto che il miglior inviato in medio oriente è il tempo

    Una delle critiche rivolte al presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, dopo il suo recente nuovo discorso sul medio oriente è stata: non c'è un piano preciso per il dialogo tra Israele e Autorità nazionale palestinese. Certo, c'è l'affermazione di principio sul ritorno ai confini del 1967 - affermazione che ha provocato "il gelo" tra la Casa Bianca e il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, parzialmente sanato dal discorso di Obama all'Aipac - e poi c'è anche la naturale richiesta di garanz...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Pace in Medio Oriente, si riparte

    Colloqui ogni due settimane - La Clinton ai leader: il futuro è nelle vostre mani - PERCORSO A OSTACOLI - Netanyahu: «Occorrono concessioni reciproche e dolorose». Abu Mazen: stop alla trattativa se si riprende a costruire negli insediamenti

    – Dall'inviato Eliana Di Caro

1-10 di 31 risultati