Aziende

General Motors

General Motors (GM) è una casa automobilistica americana che comprende i marchi Chevrolet, Buick, GMC, Cadillac, Opel/Vauxhall (vendute al gruppo francese PSA il 6 marzo 2017), Holden, Baojun, Wuling, e Jiefang.

Il quartiere generale è a Detroit (Michigan) eil gruppo è quotato a Wall Street. Il ceo del gruppo è da marzo 2014 Mary Barra. Fondata nel 1908 la General Motors è uno dei più importanti gruppi automobilistici mondiali è stata tra le prime aziende statunitensi per fatturato e capitalizzazione (nel 2017 si posiziona al 135° posto ). Impiega 225.000 dipendenti ed è il terzo costruttore mondiale di auto dopo Volkswagen e Toyota .

Ultimo aggiornamento 06 marzo 2017

Ultime notizie su General Motors
    • Info Data

    Quanto guadagnano ogni secondo le più grandi aziende del mondo?

    Quanto guadagnano le più grandi aziende del mondo? Noi di InfoData abbiamo raccolto i dati riguardanti le prime 25 aziende a livello mondiale, in riferimento al reddito netto ottenuto nel 2016. Oltre a classificarle in base ai loro guadagni siamo andati alla ricerca di una stima che fosse il più possibile significativa. Il risultato della somma  dei profitti è 24 mila e 84 dollari. Non stiamo parlando di guadagni annuali o trimestrali. Il dato è infatti stato aggregato al secondo. Nella grafica...

    – Filippo Mastroianni

    • News24

    Le vie divergenti di Tesla e Ford verso la mobilità del futuro

    Il traguardo è stato differito di mese in mese, inducendo uno sconcerto crescente, fino a mettere in dubbio la capacità di Musk di produrre su scala industriale, ciò che ha incrinato le quotazioni di Tesla, in grado precedentemente di superare il valore di Ford e di insidiare il primato di General Motors nell’auto americana.

    – di Giuseppe Berta

    • News24

    General Motors

    Nel panorama del settore automotive General Motors è l'unico schieramento a essere capitanato da una donna: Mary Barra.

    • News24

    I destini incrociati dell'indotto italiano e di Fca

    Inoltre, una politica di forte pressione sulla riduzione dei costi verso i fornitori, decisa anche a causa delle politiche sviluppate in seno all'alleanza con General Motors, ha ridotto la redditività dei fornitori e minato il rapporto di fiducia:... Per un'azienda che “compra” componentistica per decine di miliardi di euro un taglio del genere libera risorse finanziare sufficienti per avviare il turnaround (i miliardi di General Motors per uscire dalla “put option”...

    – di Francesco Zirpoli*

    • Econopoly

    Le imprese crescono grazie agli eroi o alle regole? Marchionne e Riva, per esempio

    Se la crisi del settore automobilistico americano non avesse consentito a Fiat di acquistare Chrysler con denaro prestato dal governo americano - ma anche con il corrispettivo pagatole da General Motors per la risoluzione dell'accordo firmato da Fiat per "colpa" di Paolo Fresco - forse oggi la Fiat sarebbe in una situazione diversa: Marchionne incrociò un "cigno nero" (positivo) ed ebbe la capacità cavalcarlo.

    – Econopoly

    • Info Data

    Dazi, quanta Italia c'è nelle automobili che entrano nel mercato Usa?

    Inoltre, la grande maggioranza della produzione dell'automotive canadese e messicana vanta marchi statunitensi quali General Motors e Ford: non sorprende, dunque, che rispettivamente il 40% e il 23,3% del valore aggiunto di queste industrie derivi da sub-prodotti a stelle e strisce.

    – Infodata

    • Info Data

    Dazi, quanta Italia c'è nelle automobili che entrano nel mercato Usa?

    Inoltre, la grande maggioranza della produzione dell'automotive canadese e messicana vanta marchi statunitensi quali General Motors e Ford: non sorprende, dunque, che rispettivamente il 40% e il 23,3% del valore aggiunto di queste industrie derivi da sub-prodotti a stelle e strisce.

    – Infodata

    • News24

    Gros Pietro: «Marchionne era la sintesi perfetta di tattica e strategia»

    Entrai in consiglio nel giugno 2005, il divorzio da GM era stato consumato da poco e il futuro appariva in salita. ... Fiat era apparsa repulsiva a General Motors mentre era divenuta attraente quando Barak Obama si convinse ad affidare Chrysler a Torino.

    – di Laura Galvagni

    • News24

    Marchionne, il manager che cambiò Fiat e un po' l'Italia

    Il progetto di fusione con General Motors non incontra i favori del management di quest’ultima, delle classi dirigenti della Detroit Area e del Michigan, della presidenza americana e di Wall Street.

    – di Paolo Bricco

1-10 di 2011 risultati