Persone

Geert Wilders

Geert Wilders è un politico olandese, nato il 6 settembre 1963 a Venlo, fondatore e leader del Partito per la Libertà (Partij voor de Vrijheid PVV).
Si propone come candidato anti-sistema e ha iniziato la sua carriera politica già nei primi anni Novanta. Deputato per il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Vvd) dal 1998, nel 2004 venne poi espulso dal partito per le sue posizioni anti-islam radicali.

Nel 2006 fonda il Partito per la Libertà, formazione euroscettica di estrema destra, che fa il suo exploit elettorale alle elezioni europee del 2009 (17%) e nel 2010 alle legislative conquista il 15,4% delle preferenze. Nelle elezioni in Olanda di marzo 2017 Wilders sfida il premier Mark Rutte, che però viene riconfermato. Il Partito per la Libertà ottiene comunque 20 seggi collocandosi secondo partito, conquistandone dunque altri 8 rispetto alle precedenti elezioni, ma senza sfondare.

Al parlamento europeo i candidati del suo partito fanno parte del gruppo Europa delle nazioni e delle Libertà, insieme al Front National francese e alla Lega Nord.

Dal oltre dieci anni, vive sotto scorta insieme a sua moglie ungherese, 24 ore al giorno, cambiando continuamente casa, da quando è iniziata la sua battaglia politica non solo contro l'integralismo islamico, ma contro una religione considerata pericolosa per l'Occidente. Dopo l'assassinio del regista Theo Van Gogh a opera di un estremista islamico, Wilders è stato identificato come persona a rischio. Ha realizzato anche il film, “Fitna” nel 2008, il cui intento è denunciare il fondamentalismo.

Nel 2016 Wilders è stato condannato per aver incitato alla discriminazione contro i cittadini marocchini dei Paesi Bassi durante un comizio del 2014.

Prima di intraprendere la carriera politica ha lavorato nel ramo delle assicurazioni e dopo gli studi, dal 1981 al 1983, ha vissuto in Israele e Medio Oriente.

Ultimo aggiornamento 16 marzo 2017

Ultime notizie su Geert Wilders
    • News24

    Il «problema infernale» del nuovo disordine mondiale

    Contrapponendo un'identità nativista «alle minoranze e agli immigrati», scrive l'ex ministro degli Esteri israeliano Shlomo Ben-Ami, «i populisti di destra come Marine Le Pen in Francia, Frauke Petry in Germania e Geert Wilders nei Paesi Bassi... Sebbene Wilders abbia perso, i partiti vincitori, sottolinea Steven Nadler dell'Università del Wisconsin-Madison, «si sono appropriati di alcuni elementi del suo messaggio xenofobo». ...convinzione di Wilders «di essere impegnato in una...

    – di R. Frydman, S. Whatley, K. Murphy, J. Stein

    • News24

    Spagna immune dal virus xenofobo

    Non c'è una destra estrema alla vecchia maniera come il Front national di Marine Le Pen, non ci sono movimenti anti-Islam come quello di Geert Wilders in Olanda, non esiste nemmeno un partito imprevedibile e qualunquista come il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, non si vedono derive sovraniste ed euroscettiche come in Ungheria o in Polonia.

    – di Luca Veronese

    • News24

    Trump ora delude, retromarcia di Wall Street

    La Borsa Usa fa dietro-front. Anzi, fa "dietro-Trump". La correzione in corso degli indici azionari a Wall Street - l'S&p 500, ieri debole, perde il 2,2% da inizio mese - è infatti legata a stretto giro all'azione del presidente. Un primo consistente movimento al ribasso è partito il 15 marzo, dopo

    – Vito Lops

    • News24

    Borse, perché è partita la rotazione da Wall Street verso l'Europa

    La sconfitta dell'euroscettico Geert Wilders alle elezioni olandesi e l'avanzata nei sondaggi in Francia del candidato centrista Emmanuel Macron a discapito dell'anti-sistemica Marine Le Pen stanno rasserenando un po' gli animi degli investitori.

    – di Vito Lops

    • News24

    Europa, c'è ancora vita in questa vecchia ragazza

    Una tabella di marcia più realistica potrebbe prevedere le seguenti cose: seguendo il buon esempio degli elettori olandesi - che questa settimana hanno arginato a piè fermo la sfida populista del partito della Libertà di Geert Wilders -, al secondo turno delle loro elezioni per la presidenza del 7 maggio gli elettori francesi si schiereranno formando un fronte compatto per evitare che l'Europa intera sia colpita da un arresto cardiaco di tipo lepeniano; la questione del debito greco è in...

    – di Timothy Garton Ash

    • News24

    Dall'Olanda arriva un segnale per tutti i populisti d'Europa

    l'Olanda non è stata piegata dal populista Wilders. ... Detto questo il voto olandese ha dato un segnale positivo: il Paese in larga maggioranza ha appoggiato i partiti filo-europei pur senza sconfiggere quello di Geert Wilders.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Piazza Affari vola sopra quota 20mila

    Il sistema elettorale proporzionale del Paese forniva infatti sufficienti garanzie sul fatto che Geert Wilders non avrebbe avuto i numeri per formare un governo (perché non avrebbe trovato alleati).

    – Andrea Franceschi

    • News24

    Olanda, la strada di Rutte è subito in salita

    «Non è stata la rivoluzione populista che Geert Wilders sperava», spiega Claes de Vreese, professore di Comunicazione politica all'Università di Amsterdam, che pure sottolinea come il Partito della libertà abbia guadagnato 5 seggi rispetto al 2012,... Wilders, da parte sua, ha rivendicato i risultati ottenuti: «Eravamo il terzo partito, ora siamo il secondo. ... Infine va forse considerata quella che è un po' la debolezza strutturale di Wilders, già in passato fortissimo nei sondaggi e poi...

    – dall'inviato Michele Pignatelli

    • News24

    Erdogan, rabbia per la sentenza Ue sul velo: «E' una crociata»

    E' sempre più alto il livello di tensione fra Turchia e Unione europea. Dopo il voto in Olanda hanno esternato sia il presidente Recep Tayyip Erdogan che il ministro degli esteri Mevlut Cavusoglu. Con la sentenza della Corte di giustizia europea sulla possibilità di vietare il velo islamico nei

    – di Alberto Annicchiarico

    • News24

    Exit poll in Olanda: trionfa il premier Rutte, Wilders solo terzo

    AMSTERDAM - Il premier uscente Mark Rutte avrebbe ottenuto il maggior numero di seggi, battendo il populista Geert Wilders, che arriva solo terzo. ... I?sondaggi, dopo settimane in cui sembrava destinato alla vittoria il Pvv, il Partito per la libertà anti-Islam ed euroscettico di Wilders, erano meno sicuri, e vedevano una rimonta del Vvd, il partito liberal-conservatore del premier Rutte, e l'emergere di diverse possibili sorprese.

    – dall'inviato Michele Pignatelli

1-10 di 208 risultati