Persone

Geert Wilders

Geert Wilders è un politico olandese, nato il 6 settembre 1963 a Venlo, fondatore e leader del Partito per la Libertà (Partij voor de Vrijheid PVV).
Si propone come candidato anti-sistema e ha iniziato la sua carriera politica già nei primi anni Novanta. Deputato per il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Vvd) dal 1998, nel 2004 venne poi espulso dal partito per le sue posizioni anti-islam radicali.

Nel 2006 fonda il Partito per la Libertà, formazione euroscettica di estrema destra, che fa il suo exploit elettorale alle elezioni europee del 2009 (17%) e nel 2010 alle legislative conquista il 15,4% delle preferenze. Nelle elezioni in Olanda di marzo 2017 Wilders sfida il premier Mark Rutte, che però viene riconfermato. Il Partito per la Libertà ottiene comunque 20 seggi collocandosi secondo partito, conquistandone dunque altri 8 rispetto alle precedenti elezioni, ma senza sfondare.

Al parlamento europeo i candidati del suo partito fanno parte del gruppo Europa delle nazioni e delle Libertà, insieme al Front National francese e alla Lega Nord.

Dal oltre dieci anni, vive sotto scorta insieme a sua moglie ungherese, 24 ore al giorno, cambiando continuamente casa, da quando è iniziata la sua battaglia politica non solo contro l'integralismo islamico, ma contro una religione considerata pericolosa per l'Occidente. Dopo l'assassinio del regista Theo Van Gogh a opera di un estremista islamico, Wilders è stato identificato come persona a rischio. Ha realizzato anche il film, “Fitna” nel 2008, il cui intento è denunciare il fondamentalismo.

Nel 2016 Wilders è stato condannato per aver incitato alla discriminazione contro i cittadini marocchini dei Paesi Bassi durante un comizio del 2014.

Prima di intraprendere la carriera politica ha lavorato nel ramo delle assicurazioni e dopo gli studi, dal 1981 al 1983, ha vissuto in Israele e Medio Oriente.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Geert Wilders
    • News24

    L'Europa e il virus dell'estremismo

    In modo palese o camuffato, l'Europa non smette di sbandare a destra. Quasi tutti lo chiamano populismo, un modo per condannare, denigrandoli, i partiti anti-sistema che stanno facendo terra bruciata ai tradizionali, autori della politica del dopoguerra, oggi in costante perdita di consensi.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Il potere delle donne

    La scorsa settimana, con una raffica di tweet, il presidente americano Donald Trump ha accusato Carmen Yulín Cruz, sindaco di San Juan, Puerto Rico, di "scarsa leadership" dopo che quest'ultima aveva osato criticare la risposta del governo federale Usa all'uragano Maria. Il capriccioso cinguettio

    – di Stuart Whatley, Ken Murphy, Jonathan Stein e Roman Frydman

    • News24

    Evangelici e progressisti insieme nel nuovo governo olandese

    Accordo raggiunto in Olanda per un nuovo governo, a 208 giorni dalle elezioni legislative del 15 marzo: un record che quantomeno eguaglia quello del 1977. Ma l'intesa per un nuovo esecutivo di centrodestra - che, salvo ripensamenti dell'ultim'ora, sarà ufficializzata domani dal premier in carica

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Tasse, lingua inglese e sconti. Così l'Olanda attira 100mila studenti l'anno

    «Un piccolo paese con grandi opportunità». Lo slogan scelto dai Paesi Bassi per sponsorizzarsi come meta per gli international students, gli studenti internazionali, non è esattamente dei più originali. Eppure il messaggio sembra aver fatto il suo dovere: nel 2016-2017, lo scorso anno accademico,

    – di Alberto Magnani

    • News24

    A Cernobbio tutti fiduciosi (ma non troppo) su Italia ed Europa

    «Fiducia, ma non troppo». A volerla sintetizzare con poche parole o con un concetto semplice e stringato, l'edizione 2017 del consueto workshop The European House - Ambrosetti di Cernobbio la si potrebbe definire forse in questo modo. In riva al Lago di Como non si respira più, nonostante il meteo

    – di Maximilian Cellino

    • News24

    Le molte facce del populismo che vince anche se perde

    C'è un'opinione condivisa secondo la quale la minaccia populista sta scomparendo nelle democrazie europee, tra cui quella italiana. Nulla di più sbagliato. I movimenti o i partiti populisti continuano ad essere attori permanenti della politica europea. Sotto forma di un nazionalismo populista sono

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Il maxi-rally dell'euro. Ecco perché in un mese ha fatto +5% sul dollaro

    Dalla vittoria di Emmanuel Macron al primo turno delle elezioni francesi di un mese fa l'euro si è apprezzato del 5% sul dollaro, del 7% sullo yen e del 3% sulla sterlina. In questi giorni la moneta unica si è consolidata oltre la soglia di 1,12 dollari. Chi alla fine del 2016 aveva scommesso sulla

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Per i mercati Russiagate non fa rima con Watergate

    Il fatto è che gli investitori stanno aspettando da diverso tempo un'occasione buona per portare a casa i profitti incamerati nell'ultimo semestre. Dalla vittoria di Trump dello scorso novembre le Borse europee sono salite del 18%, Wall Street del 14%. In questo trend all'insù sono però mancati i

    – di Vito Lops

    • News24

    Da Coblenza al Louvre, il declino dei populisti Ue

    Sono passati appena tre mesi e mezzo dal raduno dei leader euroscettici a Coblenza, in Germania. Eppure le istantanee di quel meeting - una sorta di "internazionale europea del populismo", chiamata a raccolta dall'ambizioso movimento tedesco Alternative für Deutschland (AfD) all'indomani

    – di Michele Pignatelli

1-10 di 221 risultati