Persone

Geert Wilders

Geert Wilders è un politico olandese, nato il 6 settembre 1963 a Venlo, fondatore e leader del Partito per la Libertà (Partij voor de Vrijheid PVV).
Si propone come candidato anti-sistema e ha iniziato la sua carriera politica già nei primi anni Novanta. Deputato per il Partito Popolare per la Libertà e la Democrazia (Vvd) dal 1998, nel 2004 venne poi espulso dal partito per le sue posizioni anti-islam radicali.

Nel 2006 fonda il Partito per la Libertà, formazione euroscettica di estrema destra, che fa il suo exploit elettorale alle elezioni europee del 2009 (17%) e nel 2010 alle legislative conquista il 15,4% delle preferenze. Nelle elezioni in Olanda di marzo 2017 Wilders sfida il premier Mark Rutte, che però viene riconfermato. Il Partito per la Libertà ottiene comunque 20 seggi collocandosi secondo partito, conquistandone dunque altri 8 rispetto alle precedenti elezioni, ma senza sfondare.

Al parlamento europeo i candidati del suo partito fanno parte del gruppo Europa delle nazioni e delle Libertà, insieme al Front National francese e alla Lega Nord.

Dal oltre dieci anni, vive sotto scorta insieme a sua moglie ungherese, 24 ore al giorno, cambiando continuamente casa, da quando è iniziata la sua battaglia politica non solo contro l'integralismo islamico, ma contro una religione considerata pericolosa per l'Occidente. Dopo l'assassinio del regista Theo Van Gogh a opera di un estremista islamico, Wilders è stato identificato come persona a rischio. Ha realizzato anche il film, “Fitna” nel 2008, il cui intento è denunciare il fondamentalismo.

Nel 2016 Wilders è stato condannato per aver incitato alla discriminazione contro i cittadini marocchini dei Paesi Bassi durante un comizio del 2014.

Prima di intraprendere la carriera politica ha lavorato nel ramo delle assicurazioni e dopo gli studi, dal 1981 al 1983, ha vissuto in Israele e Medio Oriente.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Geert Wilders
    • News24

    Le molte facce del populismo che vince anche se perde

    Marine Le Pen, Beppe Grillo, Geert Wilders, Victor Orban, Beata Szydlo e Robert Fico, tra gli altri, hanno differenze tra di loro, eppure condividono la stessa visione unitaria e totalistica del popolo.

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Il maxi-rally dell'euro. Ecco perché in un mese ha fatto +5% sul dollaro

    Dalla vittoria di Emmanuel Macron al primo turno delle elezioni francesi di un mese fa l'euro si è apprezzato del 5% sul dollaro, del 7% sullo yen e del 3% sulla sterlina. In questi giorni la moneta unica si è consolidata oltre la soglia di 1,12 dollari. Chi alla fine del 2016 aveva scommesso sulla

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Per i mercati Russiagate non fa rima con Watergate

    Il fatto è che gli investitori stanno aspettando da diverso tempo un'occasione buona per portare a casa i profitti incamerati nell'ultimo semestre. Dalla vittoria di Trump dello scorso novembre le Borse europee sono salite del 18%, Wall Street del 14%. In questo trend all'insù sono però mancati i

    – di Vito Lops

    • News24

    Da Coblenza al Louvre, il declino dei populisti Ue

    Sono passati appena tre mesi e mezzo dal raduno dei leader euroscettici a Coblenza, in Germania. Eppure le istantanee di quel meeting - una sorta di "internazionale europea del populismo", chiamata a raccolta dall'ambizioso movimento tedesco Alternative für Deutschland (AfD) all'indomani

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Basterà Macron a salvare l'Europa?

    Sono in molti a pensare che la prossima domenica, a Parigi, si deciderà il futuro dell'Unione europea. La Francia è un paese indispensabile per la Ue. Quest'ultima, senza la Francia, non potrebbe esistere. Una Francia anti-europeista lascerebbe la Germania in un vuoto politico. Con una Francia

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Macron e i conti in sospeso dell'Italia

    Sotto la crosta spessa e assordante dei populismi d'assalto, da qualche mese in Europa si sentono voci e voti in controtendenza, una traccia sottile che continua e ingrossarsi e probabilmente scriverà la storia di un'altra Europa e di un altro europeismo: pragmatico e confederale, business-like.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Le spinte anti-sistema che agitano anche Roma

    Queste presidenziali di Francia non saranno come le altre, che pure spesso sono state drammatiche e combattute. Due le ragioni: questa volta, per la vita o per la morte, il futuro dell'Europa e del consustanziale asse franco-tedesco passeranno di lì. Senza scappatoie possibili. E mai come questa

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Il «problema infernale» del nuovo disordine mondiale

    Nel suo libro "A Problem from Hell": America and the Age of Genocide (ed. italiana "Voci dall'inferno: l'America e l'era del genocidio", Baldini Castoldi Dalai, 2004 ), che uscì nel 2002 e vinse il Premio Pulitzer l'anno successivo, Samantha Power condannava l'inazione degli Stati Uniti nel

    – di R. Frydman, S. Whatley, K. Murphy, J. Stein

    • News24

    Spagna immune dal virus xenofobo

    In Spagna non esiste una destra xenofoba. Eppure dall'inizio della grande crisi economica, ormai dieci anni fa, nel Paese iberico si sono sommate le condizioni ideali per far crescere i movimenti nazionalisti e neofascisti. Come disuguaglianze economiche e sociali; aumento dei flussi migratori (o

    – di Luca Veronese

    • News24

    Trump ora delude, retromarcia di Wall Street

    La Borsa Usa fa dietro-front. Anzi, fa "dietro-Trump". La correzione in corso degli indici azionari a Wall Street - l'S&p 500, ieri debole, perde il 2,2% da inizio mese - è infatti legata a stretto giro all'azione del presidente. Un primo consistente movimento al ribasso è partito il 15 marzo, dopo

    – Vito Lops

1-10 di 215 risultati