Aziende

Gazprom

Gazprom è una delle più grandi aziende del mondo dell'energia. É una società russa di energia e incentrata su esplorazione geologica, produzione, trasporto, stoccaggio, trasformazione e commercializzazione di gas e di altri idrocarburi, nonché di energia elettrica, di calore e distribuzione di energia.

Con il 50,002%, la Russia possiede la quota di controllo di Gazprom. Gazprom controlla il sistema di trasporto del gas più grande del mondo, con condotte di 171 mila chilometri. Nel mondo la società gestisce 165 imprese di distribuzione, 445,3 mila chilometri di gasdotti e il trasporto di 164,3 miliardi di metri cubi di gas naturale. Gazprom è il solo fornitore di Bosnia-Erzegovina, Estonia, Finlandia, Macedonia, Lettonia, Lituania, Moldavia e Slovacchia, oltre a fornire il 97% del gas della Bulgaria, 89% dell'Ungheria, l'86% della Polonia, quasi i tre quarti di quello della Repubblica Ceca, il 67% della Turchia, il 65% dell'Austria, circa il 40% della Romania, il 36% della Germania, il 27% dell'Italia e il 25% della Francia. Gazprom inoltre controlla società bancarie, di assicurazioni, mediatiche, di costruzioni, agricole e la squadra di calcio dello Fc Zenit San Pietroburgo.

L’azienda è nata nel 1989, quando il Presidente russo Mikhail Gorbačëv ha unito i ministeri del petrolio e del gas come parte delle sue riforme economiche, nominando Gazprom ente responsabile per la produzione, la distribuzione e la vendita di gas.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Gazprom
    • NovaOther

    Soluzione supercritica per l'anidride carbonica

    Allam è stato anche insignito nel 2012 del Global Energy Prize per il suo lavoro innovativo sulla generazione elettrica da gas e in quanto presidente del comitato scientifico del premio, che viene assegnato ogni anno da Vladimir Putin in persona, sarà a Torino la prossima settimana per parlare al Global Energy Prize Summit, l'appuntamento annuale sui temi dell'energia sostenuto da Gazprom.

    – Elena Comelli

    • News24

    Sanzioni Usa e Siria, crollano il rublo e la Borsa di Mosca

    Commentando l'attacco chimico lanciato sabato su una delle ultime roccaforti della resistenza presso Damasco, Donald Trump ha chiamato in causa la Russia di Vladimir Putin preannunciando «un alto prezzo da pagare», e una risposta americana entro 48 ore: ma il fronte siriano è tornato a incendiarsi

    – di Antonella Scott

    • News24

    Trump: sanzioni alla cerchia di Putin. Colpito il re dell'alluminio Deripaska

    Citando una serie di «attività maligne» attribuite alla Russia di Vladimir Putin, il Tesoro americano ha aperto un nuovo fronte che può colpire duramente l'economia russa: mentre la lista nera degli oligarchi e dei dirigenti posti sotto sanzioni che congelano i loro patrimoni milionari negli Stati

    – di Antonella Scott

    • News24

    La Gran Bretagna convince Usa e Ue: la Russia è «persona non grata»

    La Russia persona non grata. La Gran Bretagna ha convinto buona parte dei Paesi europei, oltre a Stati Uniti, Norvegia e Canada, alleati Nato: il coinvolgimento di Mosca nel tentato omicidio di Serghej Skripal, avvelenato il 4 marzo scorso insieme alla figlia Yulia con gas nervino, è l'unica

    – di Antonella Scott

    • News24

    I miliardari russi in terra ostile a «Londongrad»

    Il giorno in cui la primo ministro britannica Theresa May ha espulso 23 diplomatici russi per indignazione nei confronti del Cremlino, i banchieri della City a Londra erano impegnati ad annotare alacremente le commissioni relative all'emissione di bond russi per svariati miliardi di dollari. Poche

    – di Joshua Chaffin

    • News24

    Spia avvelenata in Inghilterra, Europa e Usa espellono più di 100 diplomatici russi

    Fronte comune di Europa e Stati Uniti contro la Russia, più di cento diplomatici russi dichiarati persona non grata. Solidali con la Gran Bretagna, 16 Paesi Ue - tra cui anche Italia, Francia, Spagna e Germania - hanno annunciato la decisione coordinata di espellere un certo numero di diplomatici

    – di Antonella Scott

    • News24

    Serie A, Milan: la Procura indaga Mr Li

    Non c'è pace per il Milan. Se Gattuso ha sistemato il lato sportivo, con la squadra che ora viaggia su ritmi alti e mette in fila risultati soddisfacenti, è il lato societario che desta nei tifosi più di una preoccupazione. La Procura di Milano, come rivela la Gazzetta dello Sport, starebbe

    – a cura di Datasport

    • News24

    Serie A, Milan: Gazprom smentisce ipotesi d'acquisto

    Il futuro del Milan è sempre più incerto. Tra fallimenti cinesi veri o presunti e rifinanziamenti da parte di Li, i tifosi sono sempre più disorientati. Ora si è aggiunto un nuovo capitolo, quello che vede come protagonista l'uzbeko Usmanov, boss della Gazprom. Il suo portavoce ha smentito alcune

    – a cura di Datasport

    • News24

    Europa divisa su Nord Stream 2, sui gasdotti rischio di scontro istituzionale

    Europa sempre più divisa sulle rotte del gas e in particolare sul raddoppio del Nord Stream, che trasporta le forniture russe direttamente in Germania attraverso il Mar Baltico. Il comitato Industria ed energia dell'Europarlamento ha approvato un emendamento alla Direttiva Gas ancora più drastico

    – di Sissi Bellomo

    • News24

    Il capitalismo degli amici nella Russia senza riforme

    MOSCA - Ha fatto quattro passi, e poi una foto di gruppo con i tecnici che lo accompagnavano proprio mentre a Londra Theresa May puntava il dito contro di lui: se c'è un luogo che simboleggerà per sempre il confronto tra la Russia e l'Occidente, quello sarà il ponte di Kerch. O, come lo chiamano

    – dal nostro inviato Antonella Scott

1-10 di 1057 risultati