Persone

Gandhi

Gandhi è stato un politico e filosofo indiano, simbolo della lotta non violenta e della disobbedienza civile. Da giovane Gandhi studia in Inghilterra, come avvocato, e viene poi mandato in Sudafrica per seguire alcune cause per un’impresa. In Sudafrica Gandhi entra in contatto con le ingiustizie dell’apartheid e con quelle vissute dagli indiani immigrati. In quel periodo comincia a interessarsi alla causa degli oppressi e ad attivarsi politicamente. Partecipa a diverse proteste e viene più volte imprigionato. Tornato in India compie un viaggio attraverso tutto il paese per conoscerne l’anima e i bisogni. Pian piano diventa leader dell’opposizione all’impero britannico. La protesta si organizza sempre nella forma della disobbedienza civile e della lotta non violenta. Gandhi ha sempre rifiutato qualunque forma di violenza, condannando aspramente gli eccessi a cui alle volte gli indiani si lasciavano andare nei confronti degli oppressori inglesi. Progressivamente Gandhi diventa una figura di sempre maggior importanza nel panorama politico indiano. Nel 1919 è eletto al Parlamento indiano e comincia a guidare il movimento per l’indipendenza dall’Inghilterra, sempre all’insegna della non violenza e della disobbedienza civile. Un esempio lampante del suo approccio è la cosiddetta “marcia del sale”, organizzata per protesta contro la tassa sul sale, in cui cammina insieme agli altri sostenitori per oltre 300km per arrivare al mare e lì estrarre il sale, disobbedendo alle ordinanze inglesi. Durante gli anni di protesta Gandhi è stato più volte arrestato e ha passato diversi anni in prigione. Nel 1948 viene ucciso da un fanatico indù che gli rimprovera le concessioni fatte ai Musulmani. Gandhi ha ispirato con il suo esempio tantissimi altri attivisti politici, da Martin Luther King a Nelson Mandela. La sua personalità era così forte e integra che venne definito dal poeta Tagore “mahatma”, ossia grande anima.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Gandhi
    • News24

    L'evitabile declino dei partiti tradizionali

    Sotto la debole leadership dinastica di Sonia Gandhi (vedova del primo ministro Rajiv Gandhi che fu assassinato, nipote di Nehru e figlio del primo ministro Indira Gandhi) e di suo figlio Rahul, ora il Congresso sembra incapace di mantenere persino... Da Nehru a Indira e Rajiv Gandhi a Rahul, l'attuale incapace rappresentante del partito, la famiglia Gandhi ha visto la leadership e il controllo del Congresso come un diritto di nascita inalienabile, indipendentemente dalle capacità o dalle...

    – di Nina L. Khrushcheva

    • NovaCento

    Di «e» di «o» e di altre sciocchezze

    ...le montagne di Gandhi, che al mio cuore di aspirante ribelle raccontavano mondi e possibilità che mi parevano molto più interessanti del cristianesimo, in particolare dopo aver letto Perché non sono cristiano di Bertrand Russel.

    – Vincenzo Moretti

    • News24

    Se l'Europa non interviene in Catalogna

    Ha parlato a lungo ieri a Bruxelles ma non ha convinto quasi nessuno nei panni del nuovo Gandhi illegalmente spogliato di poteri legittimi da una sorta di colpo di Stato spagnolo.

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    L'India alla ricerca di un ruolo sullo scenario globale

    Di recente, Rahul Gandhi, uno dei leader politici indiani più noti (ora all'opposizione con il partito del Congresso), ha tenuto importanti seminari negli Usa, ma la platea era quasi esclusivamente formata da indiani emigrati.

    – di Carlo Carboni

    • News24

    Il mito del Grande uomo

    Anche se in tempi recenti e meno recenti, sono state le donne, da Indira Gandhi a Margaret Thatcher, ad assumere il ruolo attribuito all'uomo forte, quello, cioè, di governare con autorità, decisione, energia, ed efficacia di risultati, rimanendo per anni al potere col consenso dei governati.

    – di Emilio Gentile

    • News24

    E il Sole disse al vento: chi di noi è più forte?

    «Chi è benevolo non è portato alla vendetta, ma alla comprensione», scriveva Aristotele. E molti secoli dopo (1942) Gandhi: «Dobbiamo guardare in faccia il mondo con calma e occhi aperti, anche se gli occhi del mondo oggi sono iniettati di sangue». Per Martha C. Nussbaum, di cui sta per uscire per

    – di Martha C. Nussbaum

    • News24

    Parità di genere lontana nell'India che boccia il divorzio lampo

    C'è stata Indira Gandhi, primo ministro tra il 1966 e il 1977 e poi ancora tra il 1980 fino a quando fu assassinata nel 1984. ... E c'è Sonia Gandhi, leader del Partito del Congresso, e Mamata Banerjee, governatrice del West Bengal dal 2011.

    – di Gianluca Di Donfrancesco

    • News24

    L'India sceglie un dalit come nuovo presidente

    Kovind (71 anni), ex governatore del Bihar, è un membro del gruppo oltranzista e paramilitare hindu, Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss), dalle cui fila uscì l'assassino di Gandhi e che è stato messo al bando per tre volte dalla vita pubblica: la prima, appunto nel 1948, quando Nathuram Godse uccise il Mahatma; poi nella seconda metà degli anni '70, durante lo stato di emergenza nazionale dichiarato da Indira Gandhi; infine nel 1992, dopo la distruzione della moschea di Babri Masjid, che diede...

    – di Gianluca Di Donfrancesco

1-10 di 379 risultati