House Ad
House Ad

Funding bancario

Il "funding bancario" consiste nell'approvigionamento di denaro da parte degli istituti. Un denaro che verrà poi utilizzato negli impieghi. Complice la recente crisi di fiducia, le banche hanno iniziato a non prestarsi più denaro tra loro, provocando così un rilevante problema di liquidità e la conseguente stretta ai prestiti. Gli alti rendimenti sui conti deposito servono proprio a raccogliere più denaro possibile presso la clientela.

(Aggiornato il 25 aprile 2012 )

Ultime notizie su Funding bancario

News24

Carige, la sfida: più efficacia nel credito. Ipotesi cessione 500 milioni di sofferenze

22/09/2014 07:08

Il trend ribassista del titolo (di Andrea Gennai)

News24

Ghizzoni (UniCredit): Priorità agli investimenti

19/09/2014 06:35

Ghizzoni: patto banche-imprese per la ripresa

News24

«Banche, svalutare di più per rilanciare il credito»

16/09/2014 06:35

«E' profondamente sbagliato pensare che la contrazione del credito in Italia sia responsabilità dell'Eba. Ciò che stiamo facendo punta esattamente al contrario:

News24

Il credito torna ai privati se qualche rischio va al pubblico

13/09/2014 09:15

Il credito alle imprese riprenderà a crescere se i rischi verranno in parte trasferiti ai bilanci pubblici. Questa è la linea tracciata da alcune delle misure

News24

Creval allarga il perimetro: più ricavi da risparmio gestito, consulenza e carte di credito

18/08/2014 06:44

L'analisi tecnica su Creval (di Andrea Gennai)

News24

La Bce prepara il «bazooka» della liquidità: da settembre ossigeno alle imprese

03/08/2014 02:52

Dopo ventisei mesi di contrazione del credito al settore privato nell'area dell'euro, una contrazione che recentemente si è attenuata, ma non si è interrotta,

News24

Intervista a Jamie Dimon (Jp Morgan): «Più credito alle imprese per la crescita Ue»

03/07/2014 06:36

La crisi è alle spalle ma servono regole certe per attrarre capitali

News24

«Tutte le ragioni perché la Bce non basta»

17/06/2014 11:09

TOKYO - Le misure di allentamento monetario varate dalla Banca centrale europea il 5 giugno scorso sono insufficienti per provocare una sensibile espansione

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9