Persone

Fulvio Roiter

Fulvio Roiter è nato il 1º novembre del 1926 a Meolo (VE) ed è deceduto a Venezia il 18 aprile del 2016, è stato un fotografo italiano.

Nato a Meolo, paese dell'entroterra veneziano, dopo una prima formazione come perito chimico, dal 1947 Roiter si è dedicato alla fotografia, privilegiando per venticinque anni circa l'uso del bianco e nero.

Attivo dal 1948 a Venezia con il circolo "La gondola", ha frequentato assiduamente Paolo Monti.

Fotografo professionista dal 1953, il suo primo reportage avvenne in Sicilia Roiter, che pubblicò (1954) su «Subjektive Photographie» e su «Camera».

Alcune sue foto vengono pubblicate a Losanna, in Svizzera, su «Les petites des hommes» con testi di Gilbert Cesbron e pubblica, sempre a Losanna, «Venise à fleur d'eau» con testo di Claude Roy.

Nel 1955 Roiter pubblica «Ombrie Terre de Saint Francois» con il quale vince il Premio Nadar nel 1956.

Nel 1957 è il suo viaggio in Brasile dove documenta la nascita della capitale Brasilia, scoprendo anche la foresta amazzonica.

Nel 1968 inizia la collaborazione con la casa editrice Atlantis di Zurigo.

A partire dagli anni Sessanta è un susseguirsi di pubblicazioni relative ai viaggi in Brasile, Turchia, Algeria.

Vengono anche pubblicati i volumi relativi alla Spagna e alla Tunisia ed esce «Venezia viva», cui segue «Essere Venezia». Nel 1981 ha fondato la casa editrice Dagor Books e con testi di Geno Pampaloni e Maurizio Scaparro pubblica rispettivamente «Firenze e Toscana» e «Carnevale a Venezia».

Gli anni Novanta rappresentano grossi movimenti di sintesi e la sua raccolta antologica «Visibilia» pubblicata con Vita e Pensiero ne è l'esempio.

Con i testi di Enzo Biagi ha pubblicato da Rizzoli «Viaggio italiano» e per l'editore Marsilio con testi di Fosco Maraini «Nuvolario».

Ha collaborato con le più importanti riviste di fotografia del mondo. Tra i suoi titoli principali «Venise à fleur d'eau» (1954); «Ombrie terre de Saint François» (1955); «Andalousie» (1957); «Naquane» (1966); «Essere Venezia» (1977); «Laguna» (1978); «Cantico delle creature» (1982); «Visibilia» (1992); «La mia Venezia» (1994); «Vaticano» (1997); «Il nuvolario» (1998); «Champagne» (1999); «Viaggio italiano» (1999); «Sardegna. Tutti i colori della luce» (2005). Tra i riconoscimenti più importanti l'ampia mostra personale, tenutasi a Bologna, dal titolo «Ring» (1994).

Ricoverato per una lunga malattia presso l'ospedale di Venezia, si è spento nella serata del 18 aprile 2016.

Fulvio Roiter era sposato con la fotoreporter belga Louise Embo.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Fulvio Roiter
    • News24

    Addio a Fulvio Roiter. Era sua la più bella Venezia in bianco nero

    Le monache in piazza San Marco, le fughe dei sottoporteghi e le prospettive ardite delle architetture uniche della Serenissima; e ancora il campanile della grande Basilica sotto una coltre di neve e Venezia che si eterna nella magia dei suoi scatti in bianco e nero. Giovani fidanzati in laguna e

    – Stefano Biolchini

    • News24

    Omaggio a Mario De Biasi

    Nel giro minimo di 36 scatti, misura antica come la pertica o la versta, Mario De Biasi era passato da -65° a un picco di +50°. Nel breve spazio di un provino il grande fotogiornalista - ricordato da una bella mostra curata da Paolo Morello nella Galleria Studio di Palazzo Moncada di Paternò, a

    • News24

    Passi e scatti di Roiter

    Aveva letto il ritaglio giusto, poche battute sul «Gazzettino» che annunciavano la nascita del Circolo Fotografico La Gondola. E come succede nei film, e in quegli anni del dopoguerra quando i destini erano così aperti, Fulvio Roiter, ventunenne, aspirante fotografo, decise di lasciare Meolo e

    • Luxury 24

    A Venezia dieta, benessere e Art Nouveau

    Al Grande Albergo Ausonia & Hungaria del Lido si perde peso e ci si rilassa seguiti dal maestro Alain Messegué

    – di Evelina Marchesini