Persone

Fulvio Roiter

Fulvio Roiter è nato il 1º novembre del 1926 a Meolo (VE) ed è deceduto a Venezia il 18 aprile del 2016, è stato un fotografo italiano.

Nato a Meolo, paese dell'entroterra veneziano, dopo una prima formazione come perito chimico, dal 1947 Roiter si è dedicato alla fotografia, privilegiando per venticinque anni circa l'uso del bianco e nero.

Attivo dal 1948 a Venezia con il circolo "La gondola", ha frequentato assiduamente Paolo Monti.

Fotografo professionista dal 1953, il suo primo reportage avvenne in Sicilia Roiter, che pubblicò (1954) su «Subjektive Photographie» e su «Camera».

Alcune sue foto vengono pubblicate a Losanna, in Svizzera, su «Les petites des hommes» con testi di Gilbert Cesbron e pubblica, sempre a Losanna, «Venise à fleur d'eau» con testo di Claude Roy.

Nel 1955 Roiter pubblica «Ombrie Terre de Saint Francois» con il quale vince il Premio Nadar nel 1956.

Nel 1957 è il suo viaggio in Brasile dove documenta la nascita della capitale Brasilia, scoprendo anche la foresta amazzonica.

Nel 1968 inizia la collaborazione con la casa editrice Atlantis di Zurigo.

A partire dagli anni Sessanta è un susseguirsi di pubblicazioni relative ai viaggi in Brasile, Turchia, Algeria.

Vengono anche pubblicati i volumi relativi alla Spagna e alla Tunisia ed esce «Venezia viva», cui segue «Essere Venezia». Nel 1981 ha fondato la casa editrice Dagor Books e con testi di Geno Pampaloni e Maurizio Scaparro pubblica rispettivamente «Firenze e Toscana» e «Carnevale a Venezia».

Gli anni Novanta rappresentano grossi movimenti di sintesi e la sua raccolta antologica «Visibilia» pubblicata con Vita e Pensiero ne è l'esempio.

Con i testi di Enzo Biagi ha pubblicato da Rizzoli «Viaggio italiano» e per l'editore Marsilio con testi di Fosco Maraini «Nuvolario».

Ha collaborato con le più importanti riviste di fotografia del mondo. Tra i suoi titoli principali «Venise à fleur d'eau» (1954); «Ombrie terre de Saint François» (1955); «Andalousie» (1957); «Naquane» (1966); «Essere Venezia» (1977); «Laguna» (1978); «Cantico delle creature» (1982); «Visibilia» (1992); «La mia Venezia» (1994); «Vaticano» (1997); «Il nuvolario» (1998); «Champagne» (1999); «Viaggio italiano» (1999); «Sardegna. Tutti i colori della luce» (2005). Tra i riconoscimenti più importanti l'ampia mostra personale, tenutasi a Bologna, dal titolo «Ring» (1994).

Ricoverato per una lunga malattia presso l'ospedale di Venezia, si è spento nella serata del 18 aprile 2016.

Fulvio Roiter era sposato con la fotoreporter belga Louise Embo.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Fulvio Roiter
    • News24

    Addio a Fulvio Roiter. Era sua la più bella Venezia in bianco nero

    Le monache in piazza San Marco, le fughe dei sottoporteghi e le prospettive ardite delle architetture uniche della Serenissima; e ancora il campanile della grande Basilica sotto una coltre di neve e Venezia che si eterna nella magia dei suoi scatti in bianco e nero. Giovani fidanzati in laguna e

    – Stefano Biolchini

    • News24

    Omaggio a Mario De Biasi

    Passaggi estremi fin da allora, ma che Paolo Morello ha saputo riavvicinare, studiando l'intera corrispondenza di De Biasi, dai telegrammi di Enzo Biagi agli scambi con Fulvio Roiter.

    • News24

    Passi e scatti di Roiter

    E come succede nei film, e in quegli anni del dopoguerra quando i destini erano così aperti, Fulvio Roiter, ventunenne, aspirante fotografo, decise di lasciare Meolo e spostarsi a Venezia, almeno per quella serata, che diventerà poi una notte,... Inizia come un romanzo picaresco il piacevolissimo saggio che Roberto Mutti dedica a Fulvio Roiter, per la collana di fotografia di Bruno Mondadori. ... Non solo perché nel 1953, caricato sul treno un Garelli Mosquito, Roiter scende un mese in...

    • Luxury 24

    A Venezia dieta, benessere e Art Nouveau

    Al Grande Albergo Ausonia & Hungaria del Lido si perde peso e ci si rilassa seguiti dal maestro Alain Messegué

    – di Evelina Marchesini