Persone

Frauke Petry

Frauke Petry è nata il 1° settembre del 1975 a Dresda ed è stata leader del partito di destra Alternative für Deutschland (AfD). Laureata in chimica, con studi all'università di Reading (Gran Bretagna) e Göttingen, ex imprenditrice, ha preso il controllo del movimento politico il 4 luglio del 2015. L'AfD nato come partito di posizioni liberali e antieuro è stato fondato nel 2013 da Bernd Lucke, macroeconomista dell'Università di Amburgo, che l'ha poi abbandonato. A lei si deve la svolta populista, anti immigrati e anti Merkel, che le ha permesso di conquistare sempre più consensi.

Dopo i buoni risultati alle europee del 2014 (7%) e nelle successive elezioni locali, il 4 settembre 2016 alle elezioni regionali in Meclemburgo, collegio elettorale di Angela Merkel, la Cdu, il partito della cancelliera, con il 19% dei voti è stato superato dall'Alternativa per la Germania con il 20,8%. Secondo Frauke Petry la polizia dovrebbe, in situazioni estreme, poter sparare ai rifugiati che vogliono illegalmente superare i confini nazionali, vietare alle donne di indossare i niqab e i burqa in pubblico. E' favorevole al possesso delle armi, al carcere a 12 anni (e non a 14) al ritorno al nucleare e si batte contro l'impoverimento della piccola borghesia.

A seguito delle elezioni legislative del 24 settembre dove AfD si è collocato al terzo posto con il 12,64% dei voti ottenendo 94 deputati al parlamento, Frauke Petry ha lasciato la guida del partito in contrasto con l'ala estremista formata da Alice Weidel e Alexander Gauland (i due capilista).

Ha avuto quattro figli dal matrimonio con un pastore evangelico da cui ha divorziato. Parla fluentemente inglese e ha una relazione con il compagno di partito ed eurodeputato Marcus Pretzell. Suona l'organo e dirige e canta in un coro.

Ultimo aggiornamento 02 ottobre 2017

Ultime notizie su Frauke Petry
    • News24

    Il potere delle donne

    La scorsa settimana, con una raffica di tweet, il presidente americano Donald Trump ha accusato Carmen Yulín Cruz, sindaco di San Juan, Puerto Rico, di "scarsa leadership" dopo che quest'ultima aveva osato criticare la risposta del governo federale Usa all'uragano Maria. Il capriccioso cinguettio

    – di Stuart Whatley, Ken Murphy, Jonathan Stein e Roman Frydman

    • News24

    AfD, la dissidente Petry al Bundestag da «outsider»

    Frauke Petry, ex leader di AfD, ha annunciato ieri a Dresda la decisione di lasciare il partito, dopo aver reso noto, il giorno prima, di non voler entrare nel gruppo parlamentare. La Petry ha annunciato di voler rinunciare anche al ruolo di capogruppo nel Landtag della Sassonia. Scelta analoga era

    • News24

    Estremismo e vecchi partiti, la Germania somatizza i mali dell'Europa

    Nell'autunno 2014 un quarantenne che a volte si traveste da Hitler a volte si fa selfie con la maglietta «Moet & cocaine» invitava a passeggiate notturne gli abitanti di Dresda. A volte sono accorsi in cinquemila, a volte in venticinquemila. Marciavano per l'Occidente e contro l'immigrazione

    – di Angela Manganaro

    • News24

    AfD «troppo estremista», la presidente Petry abbandona il gruppo parlamentare

    Era stata lei, a gennaio, a ospitare il raduno dei leader populisti di destra a Coblenza, in Germania, istantanea dei timori di un'ondata euroscettica e xenofoba che minacciava di travolgere l'Europa. Oggi, all'indomani di un'affermazione senza precedenti per Alternative für Deutschland alle

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Da Coblenza al Louvre, il declino dei populisti Ue

    Sono passati appena tre mesi e mezzo dal raduno dei leader euroscettici a Coblenza, in Germania. Eppure le istantanee di quel meeting - una sorta di "internazionale europea del populismo", chiamata a raccolta dall'ambizioso movimento tedesco Alternative für Deutschland (AfD) all'indomani

    – di Michele Pignatelli

    • News24

    Le spinte anti-sistema che agitano anche Roma

    Queste presidenziali di Francia non saranno come le altre, che pure spesso sono state drammatiche e combattute. Due le ragioni: questa volta, per la vita o per la morte, il futuro dell'Europa e del consustanziale asse franco-tedesco passeranno di lì. Senza scappatoie possibili. E mai come questa

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    La crisi dei populisi tedeschi di AfD, in calo e senza leadership

    Lacerato da lotte interne, incerto sulla direzione da prendere, svuotato dalla svolta di Angela Merkel sui rifugiati e in cerca di una nuova leadership. Arriva malconcio al congresso di Colonia il partito Alternative für Deutschland, AfD. Da dicembre scorso a oggi i consensi per la formazione

    – di Roberta Miraglia

    • News24

    Il «problema infernale» del nuovo disordine mondiale

    Nel suo libro "A Problem from Hell": America and the Age of Genocide (ed. italiana "Voci dall'inferno: l'America e l'era del genocidio", Baldini Castoldi Dalai, 2004 ), che uscì nel 2002 e vinse il Premio Pulitzer l'anno successivo, Samantha Power condannava l'inazione degli Stati Uniti nel

    – di R. Frydman, S. Whatley, K. Murphy, J. Stein

    • News24

    La vera sfida per l'Europa è l'Unione federale

    E' probabile che la Dichiarazione di Roma del prossimo 25 marzo (per i sessant'anni dei Trattati) celebrerà il principio dell'Europa a più velocità. Dopo tutto, è un principio così ambiguo che può essere interpretato a seconda delle convenienze.Serve ai quattro grandi Paesi (Germania, Francia,

    – di Sergio Fabbrini

    • Agora

    Si fa largo l'internazionale... nazionalista

    Nell'epoca del maltrattamento delle parole e del loro significato, come gli alternative facts o la post truth, tratte dal lessico degli spin doctors per stendere un velo pietoso sulle "bugie", si sta facendo largo molto più pericolosamente un ossimoro (la combinazione di due concetti dal significato opposto, con l'effetto di creare un paradosso ndr) ossia l'idea che il nazionalismo possa avere un risvolto internazionale, che è logicamente la sua negazione. Perché questo concetto funzioni, è nece...

    – Marco Niada

1-10 di 33 risultati