Persone

Franco Roberti

Franco Roberti è nato il 16 novembre del 1947 a Napoli ed è un magistrato italiano, attualmente Procuratore nazionale antimafia.

Vinto il concorso in magistratura, è stato nominato uditore giudiziario nel 1975, quindi ha rivestito l'incarico prima di pretore, presso il mandamento di Borgo San Lorenzo (FI) poi

di giudice presso il Tribunale di Sant'Angelo dei Lombardi (AV), per diventare poi a partire dal 16 settembre del 1982 sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.

Tra l'11 gennaio del 1993 ed il 27 agosto del 2011, è stato sostituto procuratore nazionale antimafia presso la Direzione Nazionale Antimafia, quando è stato nominato procuratore aggiunto della Repubblica di Napoli.

A partire dal 16 aprile del 2009 ha assunto il ruolo di procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, con funzioni di coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia.
Il 25 luglio del 2013 è stato nominato dal Consiglio Superiore della Magistratura, Procuratore nazionale antimafia, incarico ufficialmente assunto a partire dal 6 agosto del 2013.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Franco Roberti
    • News24

    Agguato Puglia, Roberti: «Non è mafia di serie B»

    Lo ha detto il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti alla trasmissione '6 su Radio 1' della Rai per commentare l'agguato di ieri nelle campagne di San Marco in Lamis nel foggiano in cui è stato ucciso un boss mafioso e altre tre persone.

    • News24

    Dove le mafie riciclano in silenzio

    Hanno provato a spiegarlo, agli italiani e ai tedeschi, Franco Roberti e Francesco Curcio, rispettivamente capo e sostituto della Procura nazionale antimafia.

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Rosy Bindi, dopo le dichiarazioni della figlia di Borsellino, faccia subito luce sui nomi dei massoni negli elenchi nisseni e siciliani dal '90

    Amati lettori di questo umile e umido blog, continuo ad onorare la memoria del giudice Paolo Borsellino (e dunque anche del suo collega di vita e di morte Giovanni Falcone, unitamente alle loro scorte) con una nuova analisi. Anche quella odierna (così come quella degli ultimi due giorni) trae spunto dalle dichiarazioni, rese per il venticinquennale della strage di via D'Amelio, da Fiammetta Borsellino, figlia del giudice, secondo la quale, come ha dichiarato al giornalista del Corriere della Se...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Fiammetta Borsellino, massoneria e verità negata sulla strage di Via D'Amelio/2 La "massoneria mafiosa di Stato" nelle parole dei pentiti

    Amati lettori di questo umile e umido blog, continuo ad onorare la memoria del giudice Paolo Borsellino (e dunque anche del suo collega di vita e di morte Giovanni Falcone, unitamente alle loro scorte) con una nuova analisi. Anche quella odierna (così come quella di ieri e quella di domani) trae spunto dalle dichiarazioni, rese per il venticinquennale della strage di via D'Amelio, da Fiammetta Borsellino, figlia del giudice, secondo la quale, come ha dichiarato al giornalista del Corriere della...

    – Roberto Galullo

    • Agora

    Fiammetta Borsellino, massoneria e verità negata sulla strage di Via D'Amelio/1 La ricostruzione parte dall'indagine "Sistemi criminali"

    Amati lettori di questo umile e umido blog, anche oggi e nelle prossime ore continuerò ad onorare la memoria del giudice Paolo Borsellino (e dunque anche del suo collega di vita e di morte Giovanni Falcone, unitamente alle loro scorte) con nuove analisi. Quella di oggi (e quella dei prossimi giorni) trae spunto dalle dichiarazioni, rese per il venticinquennale della strage di via D'Amelio, da Fiammetta Borsellino, figlia del giudice, secondo la quale, come ha dichiarato al giornalista del Corri...

    – Roberto Galullo

    • News24

    Terrorismo, Roberti: «Siamo ad alto rischio attentati»

    Lo ha ribadito il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti a "l'intervista" di Maria Latella su Sky Tg24 sottolineando però che ogni giorno viene svolta una «attività di prevenzione capillare» per ridurre al minimo i rischi.

    • News24

    La mafia imprenditrice gode di ottima salute

    Nell'affrontare il capitolo più interessante, quello della corruzione, lo ribadiscono, loro malgrado, il capo della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti e il sostituto procuratore Francesco Curcio.

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Il potere amministrativo delle mafie

    Già, perché la relazione 2017 della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo (Dna) che viene presentata oggi al Senato dal Procuratore nazionale Franco Roberti e dalla presidente della Commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi, torna a chiedere a gran voce - con la speranza che non sia un grido disperato nel deserto - che la corruzione diventi un'aggravante dell'articolo 416 bis del codice penale, quello sull'associazione di stampo mafioso.

    – di Roberto Galullo

1-10 di 164 risultati