Persone

Franco Roberti

Franco Roberti è nato il 16 novembre del 1947 a Napoli ed è un magistrato italiano, attualmente Procuratore nazionale antimafia.

Vinto il concorso in magistratura, è stato nominato uditore giudiziario nel 1975, quindi ha rivestito l'incarico prima di pretore, presso il mandamento di Borgo San Lorenzo (FI) poi

di giudice presso il Tribunale di Sant'Angelo dei Lombardi (AV), per diventare poi a partire dal 16 settembre del 1982 sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.

Tra l'11 gennaio del 1993 ed il 27 agosto del 2011, è stato sostituto procuratore nazionale antimafia presso la Direzione Nazionale Antimafia, quando è stato nominato procuratore aggiunto della Repubblica di Napoli.

A partire dal 16 aprile del 2009 ha assunto il ruolo di procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, con funzioni di coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia.
Il 25 luglio del 2013 è stato nominato dal Consiglio Superiore della Magistratura, Procuratore nazionale antimafia, incarico ufficialmente assunto a partire dal 6 agosto del 2013.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Franco Roberti
    • News24

    Terrorismo, Roberti: «Siamo ad alto rischio attentati»

    Lo ha ribadito il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti a "l'intervista" di Maria Latella su Sky Tg24 sottolineando però che ogni giorno viene svolta una «attività di prevenzione capillare» per ridurre al minimo i rischi.

    • News24

    La mafia imprenditrice gode di ottima salute

    Nell'affrontare il capitolo più interessante, quello della corruzione, lo ribadiscono, loro malgrado, il capo della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti e il sostituto procuratore Francesco Curcio.

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Il potere amministrativo delle mafie

    Già, perché la relazione 2017 della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo (Dna) che viene presentata oggi al Senato dal Procuratore nazionale Franco Roberti e dalla presidente della Commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi, torna a chiedere a gran voce - con la speranza che non sia un grido disperato nel deserto - che la corruzione diventi un'aggravante dell'articolo 416 bis del codice penale, quello sull'associazione di stampo mafioso.

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Italo-marocchino il terzo killer

    Una falla nell'antiterrorismo britannico potrebbe pesare sull'attentato al London Bridge, che ha provocato sei morti e 48 feriti. Il servizio segreto interno aveva informazioni sui terroristi Youssef Zaghba, italo-marocchino con madre residente in provincia di Bologna, e Khuram Butt, entrambi

    – Ivan Cimmarusti

    • News24

    Migranti, Roberti (Antimafia): su navi ong salga polizia giudiziaria

    Le navi delle ong «dovrebbero accettare di far salire a bordo un ufficiale di polizia giudiziaria che, senza intralciare le operazioni di soccorso, possa fare il lavoro tipico della polizia giudiziaria: serve un punto di equilibrio tra salvezza delle vite in pericolo ed accertamento delle

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    La nuova Cosa nostra: silente e mercatista

    Venticinque anni dopo la strage di Capaci - nella quale il 23 maggio 1992 persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie e i tre agenti di scorta - capisci che Cosa nostra è cambiata. E se è cambiata lo ha fatto per tenere fede al proprio codice genetico, in grado di evolvere e anticipare

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Bambini e ragazzi sulla nave della legalità nel giorno di Falcone e Borsellino

    «Abbiamo parlato molto di Falcone, di Borsellino e degli uomini della loro scorta: un risultato l'abbiamo raggiunto: non chiamano più i poliziotti "infami"». Bartolomeo Perna, preside dell'Istituto comprensivo Parco verde di Caivano provincia di Napoli, accompagna la V elementare a Palermo per far

    – di Patrizia Maciocchi

    • News24

    Lo sprint mercatista di Cosa nostra

    L'insegnamento investigativo del «grande amico» dell'Fbi Giovanni Falcone - secondo il quale per scoprire la mafia bisogna seguire i soldi - continua a vivere nel Federal bureau of investigation.

    – di Roberto Galullo

1-10 di 158 risultati