Persone

Franco Roberti

Franco Roberti è nato il 16 novembre del 1947 a Napoli ed è un magistrato italiano, attualmente Procuratore nazionale antimafia.

Vinto il concorso in magistratura, è stato nominato uditore giudiziario nel 1975, quindi ha rivestito l'incarico prima di pretore, presso il mandamento di Borgo San Lorenzo (FI) poi

di giudice presso il Tribunale di Sant'Angelo dei Lombardi (AV), per diventare poi a partire dal 16 settembre del 1982 sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.

Tra l'11 gennaio del 1993 ed il 27 agosto del 2011, è stato sostituto procuratore nazionale antimafia presso la Direzione Nazionale Antimafia, quando è stato nominato procuratore aggiunto della Repubblica di Napoli.

A partire dal 16 aprile del 2009 ha assunto il ruolo di procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, con funzioni di coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia.
Il 25 luglio del 2013 è stato nominato dal Consiglio Superiore della Magistratura, Procuratore nazionale antimafia, incarico ufficialmente assunto a partire dal 6 agosto del 2013.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Franco Roberti
    • News24

    Nuova strage di migranti: 34 morti, «molti bambini»

    Oggi alla Procura nazionale antimafia e antiterrorismo, guidata da Franco Roberti, si svolge una maxi-riunione con le procure territoriali e le direzioni distrettuali antimafia interessate all'immigrazione, i rappresentanti di Frontex, Europol, Eurojust, i massimi dirigenti delle forze dell'ordine e gli alti gradi di Marina militare e Guardia costiera.

    – Marco Ludovico

    • News24

    La nuova Cosa nostra: silente e mercatista

    Venticinque anni dopo la strage di Capaci - nella quale il 23 maggio 1992 persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie e i tre agenti di scorta - capisci che Cosa nostra è cambiata. E se è cambiata lo ha fatto per tenere fede al proprio codice genetico, in grado di evolvere e anticipare

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Bambini e ragazzi sulla nave della legalità nel giorno di Falcone e Borsellino

    «Abbiamo parlato molto di Falcone, di Borsellino e degli uomini della loro scorta: un risultato l'abbiamo raggiunto: non chiamano più i poliziotti "infami"». Bartolomeo Perna, preside dell'Istituto comprensivo Parco verde di Caivano provincia di Napoli, accompagna la V elementare a Palermo per far

    – di Patrizia Maciocchi

    • News24

    Lo sprint mercatista di Cosa nostra

    L'insegnamento investigativo del «grande amico» dell'Fbi Giovanni Falcone - secondo il quale per scoprire la mafia bisogna seguire i soldi - continua a vivere nel Federal bureau of investigation.

    – di Roberto Galullo

    • Agora

    Mafia: cosa resta del metodo Falcone? Chiacchiere, distintivi e un sistema da cambiare

    Ogni volta è una meraviglia. Non si capisce quanto vera, genuina. "La mafia ha cambiato pelle" dice questo o quel politico, questo o quel magistrato.  O addirittura, negli ultimi tempi, "La mafia è stata sconfitta". Punto e basta. Anzi addirittura il problema è ora l'antimafia. Potrebbe essere un'idea sbarazzarci anche di quella. In fondo basta il sospetto o il racconto di qualche pentito per tenere aperto un  procedimento all'infinito. Chissà cosa ne avrebbe detto Giovanni Falcone che invece su...

    – Nino Amadore

    • News24

    Oltre mille studenti sulla Nave della Legalità diretta a Palermo

    "Gli uomini passano le idee restano e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini". Le gambe sulle quali cammina l'idea della legalità sono quelle dei 70mila studenti che, a Palermo e nelle piazze d'Italia, si incontreranno martedì 23 per ricordare le stragi di Capaci e di via D'Amelio,

    – di Patrizia Maciocchi

    • News24

    Nuova sede Dia a Milano, a due passi da Piazza Affari

    Via Cordusio 4, due passi da Piazza Affari a Milano. Sarà evocativo o forse no del principio di vita professionale del giudice Giovanni Falcone secondo il quale per dare la caccia ai mafiosi bisogna seguire il percorso dei soldi, fatto sta che proprio lì la Dia (Direzione investigativa antimafia)

    – di Roberto Galullo

    • News24

    Il piano di Roberti su migranti e Ong

    Sui nuovi traffici di migranti scatta il piano della Dna. Per il 25 maggio il procuratore nazionale, Franco Roberti, ha convocato a Roma una maxi-riunione. A via Giulia, sede della direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, arriveranno i magistrati delle direzioni distrettuali antimafia e i

    – di Marco Ludovico

    • Info Data

    Magistratura: pensionamenti, organici e nuovi arrivi. Ecco i numeri

    Dei 136 magistrati ordinari che usciranno quest'anno 26 sono presidenti di tribunale, 6 presidenti di corte d'appello, 6 procuratori della Repubblica, 7 procuratori generali presso la corte d'appello, oltre al procuratore nazionale antimafia Franco Roberti. Per i giudici amministrativi, invece, tra i 57 già pensionati, 51 dei quali per i nuovi limiti di età, ci sono l'ex presidente Giorgio Giovannini e otto presidenti di sezione del Consiglio di Stato, più 14 presidenti dei Tar. Sul fronte del...

    – Il Sole 24 Ore del Lunedì

    • News24

    In aula alla Camera il ddl sulle toghe in politica

    Le toghe dopo l'esperienza in politica. E' iniziata in aula alla Camera la discussione generale sul disegno di legge relativo alla candidabilità, alla eleggibilità e al ricollocamento dei magistrati che abbiano ricoperto incarichi politici. Un testo che è stato modificato in commissione alla Camera

1-10 di 152 risultati