Persone

Francesco Rutelli

Francesco Rutelli è nato il 14 giugno del 1954 a Roma ed è un politico italiano che ha rivestito numerosi incarichi.

Ha conseguito la maturità classica presso il Liceo Classico statale Socrate di Roma e si è iscritto presso la Facoltà di Architettura dell'Università La Sapienza di Roma, senza però portare a termine gli studi.

Dal 1980 al 1981 è stato Segretario del Partito Radicale.

E' stato deputato alla Camera nella IX, X, XI, XIV e XV legislatura e Senatore della repubblica nella XVI legislatura.

Nel 1993 è stato Ministro dell'Ambiente del Governo Ciampi.

Tra il 1993 ed il 2001 è stato Sindaco di Roma.

Dal 2002 al 2007 è stato Presidente di Democrazia e Libertà - La Margherita.

Tra il 2008 ed il 2010 ha rivestito la carica di Presidente del COPASIR.

Dal 2006 al 2008 è stato, nel Governo Prodi, Vicepresidente del Consiglio e Ministro dei beni e delle attività culturali.

Dal 2009 è presidente di Alleanza per l'Italia.

Attualmente è cofondatore e presidente del Partito Democratico Europeo (PDE) presso il Parlamento europeo e Presidente della Fondazione Centro per un Futuro Sostenibile.

Francesco Rutelli inizia la sua carriera politica nei radicali, venendo eletto due volte in Parlamento e ricoprendo la carica di segretario regionale, per poi entrare nella segreteria nazionale.

Nel 1989 Rutelli lascia il partito radicale e promuove la nascita del partito dei Verdi Arcobaleno, con il quale ricopre l’incarico di Ministro per l’Ambiente sotto il governo Ciampi.
Dal 1993 al 2001 Francesco Rutelli è sindaco di Roma, per due mandati consecutivi. Sotto la sua amministrazione nel 2000, ha luogo a Roma l’anno del Giubileo, evento che contribuisce significativamente a rilanciare ll’immagine della città a livello internazionale.
Nel 2004 fonda con François Bayrou il Partito Democratico Europeo in seno al Parlamento Europeo, al quale era stato eletto nel 1999.

Nel 2006 ottiene l'incarico di vicepresidente del Consiglio e di Ministro per i Beni Culturali nel governo Prodi.
Nell’aprile 2008 si candida nuovamente alle elezioni comunali di Roma per succedere a Walter Veltroni, ma viene sconfitto dal concorrente Gianni Alemanno.
Il 27 ottobre del 2009, in seguito all’elezione di Pierluigi Bersani, Rutelli abbandona il Partito Democratico, per avvicinarsi alle posizioni di centro di Pierferdinando Casini e fonda il movimento Alleanza per l’Italia.

Il 19 gennaio del 2013 annuncia che non si candiderà alle elezioni politiche italiane del 2013.

Francesco Rutelli è sposato con la giornalista Barbara Palombelli, i due hanno quattro figli, di cui uno naturale Giorgio e tre adottivi, Francisco, Serena e Monica.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

ARGOMENTI CORRELATI: Elezioni | Francesco Rutelli | Pd | Roma | Barbara Palombelli | Pierluigi Bersani | Partito Radicale | Partito dei verdi | Libertà | Gianni Alemanno | La Margherita | Pierferdinando Casini | Università La Sapienza | Walter Veltroni | Alleanza | Governo Prodi | François Bayrou | COPASIR | Camera dei deputati |

Ultime notizie su Francesco Rutelli
    • News24

    Youtuber, premi Oscar e artisti delle immagini invadono Roma per «Videocittà»

    Non esiste a livello internazionale un evento del genere», ha chiarito il presidente di Anica Francesco Rutelli, che ne è l’ideatore. ... Ci confronteremo con Antonio Monda - ha detto Rutelli - Uno deifilm più importanti sarà proiettato al Colosseo. ... «Roma è pronta per un evento così innovativo - ha assicurato Rutelli -.

    – di Marzio Bartoloni

    • News24

    A Roma nasce Videocittà: set, realtà virtuale e un «drive in» al Colosseo

    I mestieri vecchi e nuovi del cinema e dell'audiovisivo con un viaggio nei set. Ma anche realtà virtuale, una maratona di serie tv, competizioni nei videogames (gli E-sports) e videomapping (la rilettura attraverso potenti proiettori delle facciate di palazzi e monumenti romani scansionati

    – di Marzio Bartoloni

    • News24

    Istruzione: Vincenzo Spadafora

    Se non sarà sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vincenzo Spadafora, già Garante dell'infanzia e adolescenza è indicato come papabile ministro dell'Istruzione. E' considerato l'eminenza grigia dietro Luigi Di Maio. Spadafora comincia nel 1998 come segretario particolare di Andrea Losco,

    • News24

    M5S-Lega: chi sono Spadafora e Giorgetti, le eminenze grigie di Di Maio e Salvini

    Luigi Di Maio e Matteo Salvini, leader in pectore del probabile nuovo governo M5S-Lega sono da giorni al centro della cronaca politica. Quel che si conosce meno è la squadra che affianca i due esponenti politici. In particolare i due "consigliori" dei giovani leader: Vincenzo Spadafora ( Di Maio) e

    – di Manuela Perrone e Mariolina Sesto

    • News24

    Consultazioni, attacco al record di Amato (83 giorni)

    Due giri di consultazioni guidati dal Quirinale, due mandati esplorativi (uno con supplemento temporale) affidati ai presidenti di Senato e Camera: la crisi che si è aperta con le elezioni del 4 marzo sta scalando la classifica delle trattative più lunghe per la formazione  di un governo dopo il

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    L'ufficio del renziano Marcucci e gli affari della famiglia toscana

    Il vertice di giovedì scorso in un luogo non istituzionale tra renziani ha riportato alla memoria quanto raccontò l'ex premier nel suo Oltre la rottamazione ricostruendo le vicende che nel 2013 lo portarono a Palazzo Chigi. «Quel giorno - svelò Renzi presentando il libro - chiamo Letta e insieme

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Elezioni 2018: Casini, Bonino e Prestigiacomo i decani del nuovo Parlamento

    Alle elezioni politiche del 1983 la Democrazia cristiana portò alla Camera due esordienti: uno si chiamava Sergio Mattarella; l'altro, più giovane (28 anni), era Pier Ferdinando Casini. Un quarto di secolo dopo il primo si ritrova al Quirinale a ricoprire il più alto ruolo istituzionale, il secondo

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Zingaretti e la prospettiva di un Pd vincente che guarda a sinistra

    Il numero magico è 201.784. La quantificazione dell'effetto Zingaretti. Il riconfermato governatore della Regione Lazio ha preso infatti oltre 200mila consensi in più rispetto a quanto preso, sempre in regione, dalla coalizione di centrosinistra e Liberi e Uguali alle politiche. Ora per l'ex

    – di Andrea Marini

    • News24

    Cinema, un 2017 «orfano» di Zalone: crollano (-44%) i biglietti venduti

    Un altro anno di calo per il cinema italiano, con un 2017 che rispetto all'anno precedente ha fatto segnare un calo del 44% dei biglietti venduti (e 89 milioni di euro di incasso mancati) rispetto al 2016. Una debacle che si conferma anche al box office in generale, dove le pellicole, non solo di

    – di Andrea Biondi

1-10 di 846 risultati