Persone

Francesco Rutelli

Francesco Rutelli è nato il 14 giugno del 1954 a Roma ed è un politico italiano che ha rivestito numerosi incarichi.

Ha conseguito la maturità classica presso il Liceo Classico statale Socrate di Roma e si è iscritto presso la Facoltà di Architettura dell'Università La Sapienza di Roma, senza però portare a termine gli studi.

Dal 1980 al 1981 è stato Segretario del Partito Radicale.

E' stato deputato alla Camera nella IX, X, XI, XIV e XV legislatura e Senatore della repubblica nella XVI legislatura.

Nel 1993 è stato Ministro dell'Ambiente del Governo Ciampi.

Tra il 1993 ed il 2001 è stato Sindaco di Roma.

Dal 2002 al 2007 è stato Presidente di Democrazia e Libertà - La Margherita.

Tra il 2008 ed il 2010 ha rivestito la carica di Presidente del COPASIR.

Dal 2006 al 2008 è stato, nel Governo Prodi, Vicepresidente del Consiglio e Ministro dei beni e delle attività culturali.

Dal 2009 è presidente di Alleanza per l'Italia.

Attualmente è cofondatore e presidente del Partito Democratico Europeo (PDE) presso il Parlamento europeo e Presidente della Fondazione Centro per un Futuro Sostenibile.

Francesco Rutelli inizia la sua carriera politica nei radicali, venendo eletto due volte in Parlamento e ricoprendo la carica di segretario regionale, per poi entrare nella segreteria nazionale.

Nel 1989 Rutelli lascia il partito radicale e promuove la nascita del partito dei Verdi Arcobaleno, con il quale ricopre l’incarico di Ministro per l’Ambiente sotto il governo Ciampi.
Dal 1993 al 2001 Francesco Rutelli è sindaco di Roma, per due mandati consecutivi. Sotto la sua amministrazione nel 2000, ha luogo a Roma l’anno del Giubileo, evento che contribuisce significativamente a rilanciare ll’immagine della città a livello internazionale.
Nel 2004 fonda con François Bayrou il Partito Democratico Europeo in seno al Parlamento Europeo, al quale era stato eletto nel 1999.

Nel 2006 ottiene l'incarico di vicepresidente del Consiglio e di Ministro per i Beni Culturali nel governo Prodi.
Nell’aprile 2008 si candida nuovamente alle elezioni comunali di Roma per succedere a Walter Veltroni, ma viene sconfitto dal concorrente Gianni Alemanno.
Il 27 ottobre del 2009, in seguito all’elezione di Pierluigi Bersani, Rutelli abbandona il Partito Democratico, per avvicinarsi alle posizioni di centro di Pierferdinando Casini e fonda il movimento Alleanza per l’Italia.

Il 19 gennaio del 2013 annuncia che non si candiderà alle elezioni politiche italiane del 2013.

Francesco Rutelli è sposato con la giornalista Barbara Palombelli, i due hanno quattro figli, di cui uno naturale Giorgio e tre adottivi, Francisco, Serena e Monica.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Francesco Rutelli
    • News24

    La lotta infinita dei monumenti alla ricerca del decoro perduto

    Una contrapposizione che riguarda non solo i monumenti della capitale e che rimonta, senza andare troppo in là nel tempo, almeno al 2007, quando ministro dei Beni culturali era Francesco Rutelli, che mise a punto una direttiva per contrastare... L'ordinanza di Rutelli

    • Info Data

    Le ultime dieci scissione della sinistra italiana (dal 1921 a oggi)

    Due partiti già in coalizione sotto la bandiera comune dell'Ulivo alla politiche 1996 e 2001 (con candidati premier Romano Prodi e Francesco Rutelli) e dell'Unione nel 1996 (Romano Prodi candidato premier). ... Francesco Rutelli lascia il partito e, nel novembre 2009, fonda Alleanza per l'Italia.

    – Filippo Mastroianni

    • News24

    L'Italia sul «treno del futuro» a guida cinese

    Si svolgerà, infine, in parallelo, anche la prima riunione Plenaria del Forum Culturale presieduta da Ding Wei, vice ministro della Cultura, già Ambasciatore cinese in Italia in occasione dell'anno della cultura cinese in Italia e da Francesco Rutelli.

    – di Rita Fatiguso

    • News24

    Taxi e mercato, Autorità in campo

    E non sempre usano modi gentili: restano storici gli insulti e i cappi sventolati all'indirizzo di Francesco Rutelli e Walter Tocci quando cercarono - dopo anni di inerzia amministrativa - di aumentare le licenze, rivedere il sistema tariffario e imporre alcune innovazioni e alcuni controlli al settore.

    – di Giorgio Santilli

    • Agora

    Electorali's Karma

    Forza Europa a Milano, con Emma Bonino, Benedetto Della Vedova, Francesco Rutelli e Mario Monti, sabato, presente anche Giorgio Gori, sindaco di Bergamo (e aspirante candidato alla presidenza della Lombardia?), ha rimesso la palla dell'integrazione continentale al centro di un dibattito (per una volta) dai toni positivi. Centristi per l'Europa a Roma, con Pierferdinando Casini, il ministro Gian Luca Galletti e il deputato Gianpiero D'Alia, ha fatto più o meno la stessa cosa. Perfino l'intervista...

    – Daniele Bellasio

    • News24

    Il cinema cresce al botteghino, ma segnano -38% gli incassi di Natale senza Zalone

    Alla presentazione dei dati, introdotta dal presidente dell'Anica, Francesco Rutelli, sono intervenuti i presidenti dell'Anec, Luigi Cuciniello, dell'Anem, Carlo Bernaschi, della Sezione Distributori Anica, Andrea Occhipinti, della Sezione Produttori Anica, Francesca Cima, l'amministratore delegato di Cinetel, Richard Borg, e il direttore generale Cinema del ministero dei Beni Culturali, Nicola Borrelli.

    • Info Data

    Cinema, riforma al rush finale. Il grande schermo in cifre

    Francesco Rutelli, da metà ottobre nuovo presidente Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche AudiovisiveMultimediali) si dice fiducioso sull'esito della riforma del cinema.

    – Infodata

    • News24

    Cinema: la riforma è al rush finale

    Francesco Rutelli, da metà ottobre nuovo presidente Anica, Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali, non si scompone. ... Francesco Rutelli, 62 anni, è così arrivato alla guida dell'Anica, salutato nel brindisi di fine anno dell'associazione dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini e dal presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, a testimonianza del collegamento sempre più stretto fra cultura e sviluppo economico.

    – di Andrea Biondi

    • News24

    La statua dell'Efebo torna a Sutri

    «Moltiplicare l'idea di museo diffuso - ha sottolineato Francesco Rutelli che, per primo, portò la statua da Roma a Sutri - è un bene per l'Italia perché, a differenza del resto del mondo in cui i musei sono centralizzati, noi abbiamo circa 4.400 piccoli musei: la sfida è trasformare gradualmente il nostro patrimonio diffuso in economia per il Paese».

1-10 di 818 risultati