Persone

Francesco Amirante

Francesco Amirante è nato a Napoli il 16 aprile del 1933 ed è un magistrato italiano e Presidente emerito della Corte Costituzionale.

E' stato il 33esimo Presidente della Corte, in carica dal 25 febbraio 2009 al 7 dicembre 2010, successore di Giovanni Maria Flick e predecessore di Ugo de Siervo.

Laureato all’Università di Napoli, Francesco Amirante entra in magistratura nel 1958 ed ottiene la carica di pretore in diverse città d’Italia. Trascorre anche alcuni anni presso la sezione fallimentare del tribunale di Napoli.

Nel 1980 Francesco Amirante passa alla Corte di Cassazione e dal 1987 diventa componente fisso delle sezioni unite della Suprema Corte.

Nel 2001 Amirante viene eletto alla Corte costituzionale nella quota riservata alle supreme magistrature ordinaria ed amministrativa; ha assunto le sue funzioni dopo aver giurato al Quirinale il 7 dicembre dello stesso anno, entrando così a Palazzo della Consulta.

Il 14 novembre 2008, è stato nominato Vicepresidente della Corte dal suo predecessore Giovanni Maria Flick.

Il giorno della sua elezione il neo presidente ha dichiarato che la Corte avrebbe affrontato «molto rapidamente» la questione della norma che impone la distruzione delle intercettazioni considerate irregolari.

Dopo aver firmato nel 2004 la sentenza di bocciatura del Lodo Schifani, nel 2009 è stato chiamato a pronunciarsi, questa volta in in qualità di Presidente, sul lodo Alfano.

Le polemiche seguite alla bocciatura del lodo Alfano, hanno indotto Amirante a dichiarare, come riportato in molti quotidiani nazionali: "Quando una Corte o un Tribunale costituzionale dichiara l'illegittimità di una legge non compie nulla di strano, o peggio di illegittimo, ma emette una decisione che rientra nello svolgimento del principale dei suoi compiti istituzionali. Forse ora la vera bizzarria potrebbe consistere nel meravigliarsene".

E' stato insignito, per mano del Presidente della Repubblica, dell'onoreficienza di Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016