Persone

Flavio Tosi

Flavio Tosi è nato il 18 giugno del 1969 a Verona ed è un politico italiano attualmente sindaco di Verona.

Si è diplomato presso il Liceo Ginnasio Statale Scipione Maffei di Verona ed ha esercitato la professione di tecnico informatico, prima di dedicarsi interamente all'attività politica.

Nel 1994 è stato eletto Consigliere comunale di Verona, dove ha assunto il ruolo di capogruppo del gruppo consiliare della Lega Nord.

Tra il 1997 ed il 2003 è stato Segretario provinciale della Lega Nord - Liga Veneta.

Nell'aprile del 2000 viene eletto Consigliere Regionale della Regione Veneto, dove ricopre l'incarico di capogruppo della Liga Veneta fino al 2002. Viene poi rieletto alle elezioni successive del 2005, ottenendo 28.000 voti, il maggior numero di preferenze tra tutti i candidati. Quindi viene nominato Assessore Regionale alla Sanità, carica che ricopre fino al 25 giugno 2007, quando si dimette per assumere la carica di Sindaco di Verona.

Contestualmente alla carica di sindaco ha rivestito dal 2008 quella di Presidente della Liga Veneta.

Nel 2012 viene rieletto, col 57% dei voti, sindaco di Verona.

Il 3 giugno del 2012 viene eletto nuovo Segretario nazionale della Liga Veneta.

Il 6 ottobre del 2013 Tosi lancia, dal Palabam di Mantova, la Fondazione "Ricostruiamo il Paese", con l'obiettivo di organizzare le primarie nazionali di Centro Destra e sostenere la sua candidatura a leader della coalizione.

Nel maggio 2014 si candida alle elezioni europee per la Lega Nord nella Circoscrizione Italia Nord-Orientale. Fin dall'inizio Tosi parla di una candidatura di servizio che lo rende comunque, con 100.000 preferenze, il politico più votato a Verona e provincia ed il secondo più votato in Regione Veneto. Coerentemente con quanto annunciato, tuttavia, Tosi rinuncia al seggio europeo e continua la sua attività di Sindaco di Verona.

Nel febbraio del 2015 avanza la possibilità di candidarsi a presidente della Regione Veneto, entrando in netto contrasto sia con la linea politica di Matteo Salvini che con quella della Lega, che intende ricandidare il presidente uscente Luca Zaia.

Alla possibilità manifestata da Tosi di candidarsi quale presidente della regione Veneto - con una coalizione composta dall'NCD di Alfano, da Italia Unica di Passera e (probabilmente) dall'area di Forza Italia facente capo a Fitto - Salvini reagisce con l'espulsione di Tosi dalla Lega, avvenuta lo scorso 10 marzo. Inoltre il 2 marzo 2015 viene nominato dal consiglio federale leghista un commissario ad acta della Liga Veneta, il 6 marzo il consiglio federale della Liga veneta, guidata da Tosi, respinge il commissariamento ma Salvini replica dichiarando che il commissariamento resta.

Il 9 marzo del 2015 il consiglio federale leghista decide l'assoluta incompatibilità tra la qualità di tesserato alla Fondazione Riscostruiamo l'Italia e quella di membro della Lega Nord, tuttavia Tosi rifiuta di lasciare la Fondazione.

Il 14 marzo del 2015 ufficializza la sua scelta di scendere in campo per candidarsi, autonomamente, alla carica di Governatore della regione Veneto.

E' stato sposato con Stefania Villanova.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Flavio Tosi
    • News24

    La sconfitta di Lady Tosi evita al leader una nuotata nell'Adige

    Perché Patrizia Bisinella è anche la compagna del sindaco uscente Flavio Tosi e dopo una militanza di 15 anni nelle file dellaLega, ha ... Perché Patrizia Bisinella è anche la compagna del sindaco uscente Flavio Tosi e dopo una militanza di 15 anni nelle file dellaLega, ha condiviso con lui l'uscita dal Carroccio dopo quella che definisce «l'ingiusta espulsione» subita da Flavio Tosi.

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    Il centrodestra vince in 16 capoluoghi. Cadono le "roccaforti rosse"

    Ma lo schema unitario è vincente anche a Monza (dove Dario Allevi si impone con il 51,3%), Lodi (dove Sara Canova Passa con il 56,,9%), nell'"ex Stalingrado" d'Itlia Sesto San Giovanni (vince Roberto Di Stefano con il 58,6%), Asti (dove il candidato di centrodestra Maurizio Rasero sconfigge al ballottaggio con il 54,9% quello del M5s) e Verona, dove Federico Sboarina trionfa con il 58,1% su Patrizia Bisinella, compagna dell'ex sindaco Flavio Tosi e sostenuta anche dal Pd.

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    A Nord sfide aperte, test chiave a Genova

    E guarda con attenzione al Veneto, dove Matteo Renzi, rimasto defilato, si è speso per sostenere a Verona Patrizia Bisinella, la compagna di Flavio Tosi (ex leghista ora numero uno di Fare).

    – Manuela Perrone

    • News24

    Ballottaggi: centrodestra avanti in 12 capoluoghi, centrosinistra in 6

    Come quella di Verona dove Federico Sboarina, di centrodestra, pur essendo in vantaggio di quasi sei punti potrebbe essere superato al secondo turno da Patrizia Bisinella, la compagna dell'ex sindaco Flavio Tosi, se il centrosinistra (come ha già annunciato di voler fare) dirotterà su di lei tutti i suoi voti.

    – di Mariolina Sesto

    • News24

    Lo strano caso di Verona e del "derby" tra le due destre

    Su una sponda dell'Adige la «continuità» incarnata da Patrizia Bisinella, senatrice del gruppo misto, specchio dei 10 anni di amministrazione di Flavio Tosi nonché compagna del sindaco uscente. ... Verona è stata amministrata ininterrottamente da otto sindaci della Dc dal 1951 al 1994, prima di due giunte di Forza Italia con Michela Sironi, un intermezzo di centrosinistra di cinque anni dal 2002 al 2007 dell'avvocato Paolo Zanotto e gli ultimi dieci anni con il doppio mandato di Flavio Tosi,...

    – di Alberto Magnani

    • News24

    A Verona scontro interno al centrodestra, decisivi i voti di Pd e M5S

    Sarà un confronto tutto interno al centrodestra quello che interesserà domenica prossima 25 giugno il ballottaggio per scegliere il nuovo sindaco di Verona. Da una parte Federico Sboarina (appoggiato da Lega Nord, Forza Italia, Battiti Verona Domani e Fratelli d'Italia), dall'altra Patrizia

    – di Andrea Marini

    • News24

    Comunali, occhi puntati già sui ballottaggi del 25 giugno: ecco le sfide

    Passo indietro del M5S (in tutte le grandi città non arriva al ballottaggio) al primo round delle elezioni amministrative 2017 mentre il Centrodestra registra una buona affermazione, in particolare a Genova, e il Pd tiene ma senza brillare. E' questa la sintesi del riusltato uscito dalle urne in

    – di Vittorio Nuti

    • News24

    M5S fuori dal ballottaggio nelle grandi città. Il Pd tiene, sorpresa centrodestra

    Leoluca Orlando (centrosinistra), in testa a Palermo, viaggerebbe verso la riconferma avendo superato, secondo le prime proiezione, il 40% (necessario a Palermo per vincere al primo turno). Debacle M5S, fuori dal ballottaggio nei 4 capoluoghi di Regione al voto (Genova, L'Aquila, Palermo e

    – di Andrea Marini

    • News24

    Comunali, chiuse le urne. Affluenza al 60,07%

    Affluenza in calo in questo turno di elezioni comunali per eleggere consigli e sindaci di 1004 città. Il 60,07% è andato a votare; nel 2012, alla stessa ora, nelle omologhe aveva votato il 66,85%. Lo scorso anno, il 6 giugno del 2016, alle comunali aveva votato il 62,14% degli aventi diritto.

    – di Redazione Online

1-10 di 430 risultati