Persone

Flavio Cattaneo

Flavio Cattaneo è nato il 27 giugno del 1963 a Rho (MI) ed è un dirigente pubblico e privato italiano. Il 21 luglio 2017 dopo solo 16 mesi, l’ad di Telecom Italia, si è dimesso.

Laureatosi in architettura presso il Politecnico di Milano, si è specializzato in finanza presso la SDA Bocconi School of Management.

Dopo essere stato imprenditore edile nell'azienda di famiglia, ricopre varie cariche dirigenziali, (fiera di Milano e Aem-A2A) nel 2003 è Direttore Generale della Rai e dal 1º novembre 2005 al 27 maggio 2014 ricopre la carica di Amministratore delegato di Terna S.p.A.

Nel 2014 entra nel consiglio d'amministrazione di Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A., dove nel 2015 viene eletto, dal consiglio di amministrazione, nuovo amministratore delegato della società (ruolo che lascia dopo l'incarico in Telecom). Il 21 settembre 2017 il ritorno in azienda come amministratore delegato, che investirà anche 15 milioni di euro nella società del treno ad alta velocità per salire al 5,1% del capitale.

Il 30 marzo del 2016 è stato nominato, in seguito alle dimissioni del precedente amministratore Marco Patuano, il nuovo amministratore delegato di Telecom Italia. Il 21 luglio 2017 ha lasciato “in modo consensuale” come recita il comunicato la società controllata da Vivendi. Al manager sono stati accordati 25 milioni di buonuscita.

Flavio Cattaneo è stato insignito dell'onorificienza di Cavaliere del lavoro (Roma, 2011) e dal 29 gennaio del 2011 è sposato con l'attrice Sabrina Ferilli.

Ultimo aggiornamento 22 settembre 2017

Ultime notizie su Flavio Cattaneo
    • News24

    La rete unica e i nuovi intrecci azionari

    Quando Tim propose di acquistare Metroweb, Cdp e F2i fecero richieste che Flavio Cattaneo definì «irricevibili»; la quota di Tim fu acquisita da Enel per 715 milioni, più del valore di libro, evidentemente perché considerata necessaria al progetto alternativo.

    – di Franco Debenedetti

    • Agora

    Telecom, Assogestioni si astiene dalla lista: i proxy advisor contro Vivendi

    Assogestioni non presenterà una lista di minoranza per il Cda di Telecom Italia. La decisione è stata presa all'unanimità ed è arrivata dopo che, uno dietro l'altro, tutti i proxy advisor, grandi consulenti dei fondi nelle assemblee delle società quotate, si sono schierati a favore del progetto di «proxy fight» portato avanti dal fondo Ellliott. L'impressione è che si stia costituendo un fronte compatto dei fondi comuni. La decisione di non presentare una lista da parte di Assogestioni consente...

    – Carlo Festa

    • News24

    Telecom, privatizzazione mal riuscita. Ora l'Italia volta pagina

    l cosiddetto "piano Rovati" porta la data del 5 settembre 2006. Ventisette cartelle zeppe di numeri per dimostrare perché a Telecom conviene privarsi della rete, consegnarla allo Stato e quotarla in Borsa. Si parlava della rete nella sua interezza, 25-30 miliardi di valore con i quali l'ex

    – di Antonella Olivieri

    • News24

    Per Italo pronto lo sbarco nel mercato britannico

    Dopo il passaggio di Italo al fondo americano Global Infrastructure Partner, che ha messo sul piatto 2 miliardi di euro per il 100% del capitale, la società si prepara a sbarcare nel mercato inglese e conquista il "passaporto" per partecipare alle gare bandite per il trasporto ferroviario sul

    – di Celestina Dominelli

    • News24

    L'Antitrust contro Tim: sulla rete abuso di posizione dominante

    Telecom sotto accusa per abuso di posizione dominante sulla rete d'accesso, alla vigilia della presentazione in cda del piano per la separazione volontaria dell'infrastruttura. L'Antitrust ha esteso la procedura già avviata il 28 giugno scorso su Cassiopea (il piano di investimenti in fibra, ora

    – di Antonella Olivieri

    • News24

    Telecom Italia, l'Antitrust manda la finanza negli uffici del gruppo

    Nuova ispezione della Guardia di finanza negli uffici di Telecom Italia, questa volta su disposizione dell'autorità Antitrust presieduta da Giovanni Pitruzzella. La "visita" non riguarda la bolletta a 28 giorni, ma è mirata all'incumbent delle tlc e riguarda in particolare la rete d'accesso. Nel

    – di Antonella Olivieri

    • News24

    Cattaneo punta 100 milioni su un futuro da imprenditore

    Nessuno lo aveva preso sul serio quando Flavio Cattaneo diceva che ci aveva «smenato» a lasciare Ntv per Telecom, soprattutto quando lo hanno visto andarsene con una assegno da 25 milioni (lordi) dopo nemmeno un anno. Eppure i fatti gli hanno dato ragione. Se fosse rimasto alla guida di Italo non

    – di Antonella Olivieri

    • Agora

    Della Valle a gamba tesa sull'addio a Italo: ho incassato ma non volevo vendere e non ero in consiglio per oppormi

    E, come in tutte le vicende di questo tipo, non poteva mancare la voce dissenziente dopo la cessione di Italo agli americani di Gip. A conferma che c'era stata una spaccatura tra i soci del gruppo privato dei treni, è sceso in campo l'azionista Diego Della Valle, socio fondatore di Italo-Ntv con il 17,14% del capitale, a dire la sua sulla vicenda: ""Per quanto mi riguarda - afferma in un comunicato - la società Ntv era giusto quotarla e sempre secondo il mio pensiero il nucleo storico di imprend...

    – Carlo Festa

1-10 di 471 risultati