Persone

Filippo Grandi

Filippo Grandi è nato nel 1957 a Milano ed è un diplomatico italiano.

E' stato nominato Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), assumerà l'incarico a partire dal 1º gennaio del 2016.

Dal 20 gennaio del 2010 al 29 marzo del 2014 è stato Commissario Generale dell' Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l'Occupazione (UNRWA).

Grandi si è laureato in filosofia presso l'Università di Venezia e la Statale di Milano e si è perfezionato presso l'Università Gregoriana di Roma.

E' entrato nell'UNHR a partire dal 1988 ed ha servito diversi paesi, quali Sudan, Siria, Turchia ed Iraq.

Tra il 1996 ed il 1997 è stato Coordinatore del campo per l'UNHCR e delle Nazioni Unite e attività umanitarie nella Repubblica democratica del Congo.

Dal 1997 al 2001 ha lavorato presso l'Ufficio Esecutivo dell'UNHCR a Ginevra, prima come assistente speciale, poi per conto del capo di stato maggiore.

Dal 2001 al 2004 è stato Capo Missione all'Alto Commissariato per i Rifugiati (UNHCR).

Il 12 novembre del 2015 è stato nominato Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, succedendo nella carica al portoghese António Guterres. La sua nomina deve essere adesso confermata in sede di assemblea generale, la presa di possesso dell'incarico è prevista per il 1° genniao del 2016.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Filippo Grandi
    • News24

    Il futuro dei rifugiati passa dall'istruzione

    Dei 17,2 milioni di persone che l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati è responsabile di proteggere, circa la metà hanno meno di 18 anni: una generazione di giovani, già defraudata della propria infanzia, rischia di non avere neanche un futuro.

    – di Filippo Grandi

    • News24

    Sbarchi, si accentua il calo: -18%. Ong Moas sospende soccorsi: «Troppe incertezze»

    Continua e si accentua il calo dei flussi migratori dalla Libia. Un calo iniziato a luglio, impennatosi ad agosto e in proseguimento a settembre. Gli ultimi dati del Viminale aggiornati al 4 settembre (99.846 arrivi) segnano una flessione del 17,7% dall'inizio dell'anno rispetto al corrispondente

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Migranti, sbarchi in calo del 10% da inizio anno. Ad agosto flessione record dell'85%

    Diminuiscono i flussi di migranti dalla Libia. E calano anche le vittime in mare. Gli ultimi dati del Viminale aggiornati al 30 agosto accentuano il forte calo già registrato a luglio. Gli sbarchi registrati ad agosto sono stati 3.235 (il dato mensile più basso dell'anno) rispetto allo stesso mese

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Migranti, Viminale: 83.360 sbarchi da inizio 2017, +18,71%. Unhcr: tragedia in atto

    Numeri in crescita, che lo scorso fine settimana hanno segnato una punta record di 12.600 migranti e rifugiati, secondo una stima rilanciata oggi dall'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi, che a Ginevra ha definito il susseguirsi degli sbarchi in Italia una «tragedia in atto», resa ancora più drammatica dal numero dei dispersi in mare, che l'organizzazione umanitaria stima in almento 2.030 dall'inizio dell'anno.

    • News24

    Migranti, circa 200 dispersi in due naufragi

    Non si ferma il flusso di partenze di migranti dalla Libia. Crescono gli sbarchi (+38,5%), ma anche le vittime. E' di oggi la notizia, riportata dal portavoce dell'Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni) Flavio Di Giacomo, di almeno 113 persone sono disperse in mare dopo il naufragio

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    «La carestia peggiore dal 1945». L'allarme Africa della Croce Rossa

    Mentre il mondo ascolta con timore la guerra di parole fra il presidente Trump e la Nord Corea e gli sviluppi poco amichevoli tra Stati Uniti e Russia su Siria, sorte di Assad e armi chimiche, l'Africa affronta in silenzio «la carestia più grave dal 1945». Se si tira una linea che parte dal Nord

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Profughi, un dramma per 65 milioni

    E' difficile stabilire se la giornata mondiale del rifugiato sia una ricorrenza nel melodrammatico calendario occidentale per scuotere le coscienze e i governi o una commemorazione per quelli che non ce l'hanno fatta ad arrivare da questa parte, neppure da clandestini. Lo stesso Alto commissario Onu

    – Alberto Negri

    • News24

    L'allarme Onu: mai così alto il numero di profughi nel mondo

    Sono in fuga da guerre e persecuzioni, in Paesi come la Siria, il Burundi o l'Afghanistan, e al termine del viaggio molti trovano soltanto muri, ostilità e ancora sofferenza. Nel 2015, scrive il rapporto annuale pubblicato nella Giornata mondiale dei profughi dall'Agenzia delle Nazioni Unite per i

1-10 di 18 risultati