Persone

Filippo Grandi

Filippo Grandi è nato nel 1957 a Milano ed è un diplomatico italiano.

E' stato nominato Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), assumerà l'incarico a partire dal 1º gennaio del 2016.

Dal 20 gennaio del 2010 al 29 marzo del 2014 è stato Commissario Generale dell' Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l'Occupazione (UNRWA).

Grandi si è laureato in filosofia presso l'Università di Venezia e la Statale di Milano e si è perfezionato presso l'Università Gregoriana di Roma.

E' entrato nell'UNHR a partire dal 1988 ed ha servito diversi paesi, quali Sudan, Siria, Turchia ed Iraq.

Tra il 1996 ed il 1997 è stato Coordinatore del campo per l'UNHCR e delle Nazioni Unite e attività umanitarie nella Repubblica democratica del Congo.

Dal 1997 al 2001 ha lavorato presso l'Ufficio Esecutivo dell'UNHCR a Ginevra, prima come assistente speciale, poi per conto del capo di stato maggiore.

Dal 2001 al 2004 è stato Capo Missione all'Alto Commissariato per i Rifugiati (UNHCR).

Il 12 novembre del 2015 è stato nominato Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, succedendo nella carica al portoghese António Guterres. La sua nomina deve essere adesso confermata in sede di assemblea generale, la presa di possesso dell'incarico è prevista per il 1° genniao del 2016.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Filippo Grandi
    • News24

    Migranti, circa 200 dispersi in due naufragi

    Non si ferma il flusso di partenze di migranti dalla Libia. Crescono gli sbarchi (+38,5%), ma anche le vittime. E' di oggi la notizia, riportata dal portavoce dell'Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni) Flavio Di Giacomo, di almeno 113 persone sono disperse in mare dopo il naufragio

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    «La carestia peggiore dal 1945». L'allarme Africa della Croce Rossa

    Mentre il mondo ascolta con timore la guerra di parole fra il presidente Trump e la Nord Corea e gli sviluppi poco amichevoli tra Stati Uniti e Russia su Siria, sorte di Assad e armi chimiche, l'Africa affronta in silenzio «la carestia più grave dal 1945». Se si tira una linea che parte dal nord

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Profughi, un dramma per 65 milioni

    E' difficile stabilire se la giornata mondiale del rifugiato sia una ricorrenza nel melodrammatico calendario occidentale per scuotere le coscienze e i governi o una commemorazione per quelli che non ce l'hanno fatta ad arrivare da questa parte, neppure da clandestini. Lo stesso Alto commissario Onu

    – Alberto Negri

    • News24

    L'allarme Onu: mai così alto il numero di profughi nel mondo

    Sono in fuga da guerre e persecuzioni, in Paesi come la Siria, il Burundi o l'Afghanistan, e al termine del viaggio molti trovano soltanto muri, ostilità e ancora sofferenza. Nel 2015, scrive il rapporto annuale pubblicato nella Giornata mondiale dei profughi dall'Agenzia delle Nazioni Unite per i

    • News24

    Migranti, flop Ue sui ricollocamenti Alfano: «Nuovi hotspot galleggianti»

    «Hot spot galleggianti». Su navi o piattaforme, nel canale di Sicilia, sono allo studio centri in grado di identificare i migranti soccorsi prima dell'arrivo sulla terraferma. Verifiche sui dati anagrafici, rilievi fotosegnaletici, impronte. L'annuncio è del ministro dell'Interno in una conferenza

    – Marco Ludovico

    • News24

    L'intesa Ue-Turchia alla prova dei diritti umani

    Bruxelles - E' un'intesa preliminare quella che la Turchia e i Ventotto hanno raggiunto nella notte di lunedì dopo 12 ore di negoziato. L'obiettivo è di arginare l'arrivo in Europa di migranti provenienti dal Vicino Oriente, togliendo ogni incentivo all'attraversamento del Mediterraneo. La bozza di

    – di Beda Romano con un'analisi di Ugo Tramballi e un articolo di Vittorio Da Rold

1-10 di 12 risultati