Aziende

Feltrinelli

Nata nel 1954 a Milano, la casa editrice Feltrinelli ha preso il nome da quello del suo fondatore Giangiacomo Feltrinelli. Sorta sulle ceneri dell’editore Colip (Cooperativa del Libro Popolare, attivo tra il 1949 e il 1954), dal quale ha rilevato la prestigiosa collana “Universale Economica”, Feltrinelli si è connotata fin dall’inizio della sua attività come realtà editoriale all’avanguardia, riuscendo a pubblicare per prima in Italia, già alla fine degli anni Cinquanta, alcuni libri considerati dei capolavori della letteratura mondiale: tra questi “Il dottor Zivago” di Boris Pasternak e “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Nei decenni successivi Feltrinelli ha continuato l’opera di pubblicazione di autori d’avanguardia, come Gabriel Garcia Marquez, Charles Bukowski, Marguerite Duras e Isabelle Allende. Nel 1957 a Pisa ha invece aperto la prima libreria a marchio Feltrinelli: oggi sono invece 26 i punti vendita, sparsi per le principali città italiane, comprese Torino, Napoli, Milano e Roma. Nel 2005, per la gestione delle diverse attività imprenditoriali collegate al marchio Feltrinelli, si è costituita la Holding Effe 2005 che ha unito in sé il controllo sia della casa editrice che delle Librerie Feltrinelli. Successivamente è stato creato il negozio virtuale via internet lafeltrinelli.it: si tratta di un portale che distribuisce tutti i prodotti disponibili nel catalogo Feltrinelli (libri, dvd e cd musicali) e che svolge anche la funzione di aggregatore di opinioni, consigli e informazioni sui prodotti offerti, scambiate direttamente dagli utenti secondo le modalità del social networking. Nel 2008 viene acquisita la maggioranza di Pde (Promozione Distribuzione Editoria), catena che con i suoi 5.000 punti vendita è la seconda realtà distributiva italiana. Altre case editrici che sono controllate dalla holding Feltrinelli sono Apogeo, Kowalski, Eskimosa e Gribaudo.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Feltrinelli
    • News24

    Ecco i «magnifici cinque» del Campiello 2018

    Per arrivare al quinto nome è stato necessario, come da regolamento, procedere al ballottaggio tra i libri più votati nelle precedenti tornate: la Postorino, con Le assaggiatrici (Feltrinelli), poi entrato in cinquina con 6 voti, Giorgio Falco con Ipotesi di una sconfitta (Einaudi) e Gian Mario Villalta con Bestia da latte (SEM), questi ultimi due rimasti invece fuori.

    – di Roberto Carnero

    • Tecnici24

    Ai nastri di partenza la Milano Arch Week 2018

    Urbania, uno sguardo sul futuro delle città: questo il titolo dell'edizione 2018 di Milano Arch Week che, dopo il successo dello scorso anno, da domani 23

    – dalla Redazione

    • Agora

    Week end lungo a Milano sotto il segno dell'architettura

    Vi consiglio Milano e l'Arch Week, per trascorrere nel capoluogo meneghino un week end lungo con architettura e design. Di seguito le indicazioni e la nota sulla manifestazione. Https://www.milanoarchweek.eu/ Da mercoledì 23 a domenica 27 maggio torna Milano Arch Week, la settimana di eventi dedicati all'architettura e al futuro delle città, con la direzione artistica di Stefano Boeri. La manifestazione è promossa dal Comune di Milano, dal Politecnico di Milano e dalla Triennale di Milano, in c...

    – Vincenzo Chierchia

    • News24

    La nemica oltre la siepe

    Marion, la bianca, ha speso buona parte delle sue energie per tenere in riga la sua vita, per rispondere alle sempre più insidiose domande dei suoi figli mentre il Sudafrica si contorceva per espellere l'apartheid. Hortensia, la nera, si è consumata invece detestando sé stessa e gli altri, a

    – di Lara Ricci

    • News24

    Salone del libro, le cinque cose da vedere oggi

    Se ieri era stato difficile scegliere i cinque appuntamenti più interessanti del Salone del libro di Torino, oggi farlo sarebbe davvero un peccato. Dunque abbiamo deciso di allargarci un po': ecco i cinque, anzi otto, incontri da seguire, al lettore il compito di sdoppiarsi. Si comincia alle 11

    – di Lara Ricci

    • NovaCento

    Fake News and Post-Truths? The "real" issue is how democracy is faring lately

    In the end, despite our steadfast efforts to avoid treading in the footpaths of trend-issues, systematically fueled and fed by the media and social networks, we have practically been "forced" to speak about them, due to the repeated requests and stimuli we have received. Nevertheless, I will attempt to frame these issues within a more ample discourse, trying, as ever, to highlight correlations and levels of connection, and taking care not to fall into the error of using slogans or trivializing t...

    – Piero Dominici

    • News24

    Verso la cinquina del Campiello, «premio specchio del Paese»

    "Se si va a guardare l'ultima dozzina di vincitori del Campiello, si vedrà che il premio rispecchia l'umore del Paese: il prevalere della dimensione privata o di quella pubblica, i momenti in cui domina la paura o in cui si è portati ad avere fiducia, o ancora l'emergere di ansie sociali. Un giorno

    – di Eliana Di Caro

    • NovaCento

    Generosità e riconoscimento ai tempi della Rete

    Una breve riflessione - al termine della quale potrete leggere un vecchio contributo e, come sempre, riferimenti bibliografici - su questioni che reputo importanti, profondamente indicative della qualità degli spazi relazionali e comunicativi. E - sia chiaro, almeno per chi scrive - la "colpa", come per altre tematiche, non è del web e/o dei social. Le questioni e le ragioni legate alla statica ed alla dinamica dei gruppi e dei sistemi sociali sono più profonde e complesse. Affondano nei corpi s...

    – Piero Dominici

    • NovaCento

    Memorie dalla televisione italiana degli anni Ottanta e Novanta

    Nell'immagine: un momento della cerimonia di conferimento della Laurea Honoris Causa in Televisione, Cinema, Produzione Multimediale a Mike Bongiorno. A sinistra: Rosario Fiorello, showman italiano. A destra: Mike Bongiorno, showman italo-americano (1924 - 2009). Milano, Università IULM, 14 dicembre 2007. In Italia, è stata la televisione ad introdurre gli italiani nella modernità. Gli anni Ottanta e Novanta, in particolare, furono l'età dell'oro dell'intrattenimento televisivo in Italia, con ...

    – Gabriele Caramellino

    • NovaCento

    Fare comunicazione e marketing sul web

    Ovviamente, classifiche come quella qui sopra non sono la verità assoluta. Ma forniscono indicazioni utili sulle aziende che stanno lavorando sulla propria reputazione. Al giorno d'oggi, infatti, avere e mantenere una buona reputazione è diventato essenziale per le imprese. Per raggiungere questo risultato è necessario un mix di fattori, tra i quali la comunicazione, il marketing, il management. All'interno dell'universo delle aziende, quelle che si occupano di creare contenuti di intrattenime...

    – Gabriele Caramellino

1-10 di 1105 risultati