Aziende

Feltrinelli

Nata nel 1954 a Milano, la casa editrice Feltrinelli ha preso il nome da quello del suo fondatore Giangiacomo Feltrinelli. Sorta sulle ceneri dell’editore Colip (Cooperativa del Libro Popolare, attivo tra il 1949 e il 1954), dal quale ha rilevato la prestigiosa collana “Universale Economica”, Feltrinelli si è connotata fin dall’inizio della sua attività come realtà editoriale all’avanguardia, riuscendo a pubblicare per prima in Italia, già alla fine degli anni Cinquanta, alcuni libri considerati dei capolavori della letteratura mondiale: tra questi “Il dottor Zivago” di Boris Pasternak e “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Nei decenni successivi Feltrinelli ha continuato l’opera di pubblicazione di autori d’avanguardia, come Gabriel Garcia Marquez, Charles Bukowski, Marguerite Duras e Isabelle Allende. Nel 1957 a Pisa ha invece aperto la prima libreria a marchio Feltrinelli: oggi sono invece 26 i punti vendita, sparsi per le principali città italiane, comprese Torino, Napoli, Milano e Roma. Nel 2005, per la gestione delle diverse attività imprenditoriali collegate al marchio Feltrinelli, si è costituita la Holding Effe 2005 che ha unito in sé il controllo sia della casa editrice che delle Librerie Feltrinelli. Successivamente è stato creato il negozio virtuale via internet lafeltrinelli.it: si tratta di un portale che distribuisce tutti i prodotti disponibili nel catalogo Feltrinelli (libri, dvd e cd musicali) e che svolge anche la funzione di aggregatore di opinioni, consigli e informazioni sui prodotti offerti, scambiate direttamente dagli utenti secondo le modalità del social networking. Nel 2008 viene acquisita la maggioranza di Pde (Promozione Distribuzione Editoria), catena che con i suoi 5.000 punti vendita è la seconda realtà distributiva italiana. Altre case editrici che sono controllate dalla holding Feltrinelli sono Apogeo, Kowalski, Eskimosa e Gribaudo.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Feltrinelli
    • News24

    Il De André (in romanesco) «divide» ma batte anche la Champions League

    Prima di contestare tutto quello che leggerete in questo articolo, dovrete per forza concordare su alcuni numerini: la prima puntata della fiction dedicata a Fabrizio De André, trasmessa martedì su Rai 1, ha vinto la battaglia della prima serata con 6,1 milioni di spettatori e uno share del 24,3

    – di Francesco Prisco

    • Agora

    Il tempo che non abbiamo per i nostri vecchi

    Annegano in un niente gli anziani, i nostri vecchi. Un canale della televisione che non si sintonizza più, un contrattempo idiota, un acciacco, una bolletta poco chiara. Fanno tenerezza. Chiedono attenzione, come i bambini. Sono autocentrati, forse anche egoisti, insistenti, noiosi. Il loro problema è "il" problema: non capiscono, devi ripetere, con pazienza, enorme pazienza. E rassicurarli. E agire subito. Hanno sempre più anni sulle spalle, l'aspettativa di vita si allunga. E' una riflessione d...

    – Francesco Antonioli

    • News24

    I tifosi del Sei Nazioni entrano gratis al museo

    Per il NatWest Sei Nazioni, a Roma rugby fa rima con cultura. In occasione del torneo 2018, i tifosi della Nazionale italiana di rugby e delle squadre avversarie potranno contare sulla partnership tra Federazione italiana rugby e il ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e

    – di Flavia Carletti

    • NovaCento

    La Corea del Nord, spiegata da Loretta Napoleoni

    Nell'immagine: presentazione del libro Kim Jong-un. Il nemico necessario. Corea del Nord 2018. Da sinistra: Loretta Napoleoni (autrice del libro Kim Jong-un. Il nemico necessario. Corea del Nord 2018), Frediano Finucci (giornalista televisivo La7). Roma, 30 gennaio 2018, libreria Feltrinelli situata nella Galleria Alberto Sordi. Da alcuni anni, la Corea del Nord è tra i Paesi più discussi al mondo, soprattutto perché il regime dittatoriale che la governa vuole dotarsi di armi nucleari. Per sa...

    – Gabriele Caramellino

    • Agora

    Tre ingredienti per un buon giallo: prendete un giovane ammazzato, Milano coperta di neve e un giornalista che assomiglia a un amico mio (#ilcasokellan)

    "Where shall I begin, please your Majesty?" "Begin at the beginning - the king said very gravely - and go on till you come to the end: then stop". Ho sempre pensato che questa citazione di Lewis Carroll c'entrasse in qualche modo anche con il giornalismo, che in fondo è un modo di raccontare storie. Per questo non mi sono affatto stupita di trovarne una nuova versione ("Steno si impegnò a cancellare dal proprio volto ogni segno di impazienza. 'Ti ascolto', disse. 'Da dove comincio?'. 'Da dove ...

    – Francesca Milano

    • News24

    Cos'è il tempo? Una poesia

    Niente è tanto difficile da spiegare ai bambini quanto il tempo. Immersi come sono nell'eterno presente dell'infanzia, a concetti incomprensibili come il passato, il futuro, la morte, la nascita - non esistere ancora e non esistere più - reagiscono con una sassaiola di domande tanto semplici da

    – di Lara Ricci

    • News24

    «Le assaggiatrici» di Hitler e quel prezzo che devi pagare per salvarti

    «Fino a che punto è lecito spingersi per sopravvivere? ». E' la domanda che leggiamo nel risvolto di copertina de Le assaggiatrici di Rosella Postorino, da poche settimane in libreria per Feltrinelli (pp.287, 17 euro). Ma è la domanda che ognuno di noi si è posto almeno una volta. Per ogni dolore

    – di Serena Uccello

    • Econopoly

    I giovani, l'esodo delle competenze e la miopia dei politici

    Con l'intervento di Carlo Calenda e Marco Bentivogli, pubblicato da Il Sole 24 Ore, le competenze sono entrate a far parte della campagna elettorale. Poche illusioni però, tutto rischia di restare confinato in un ambito elitario, lontano dagli umori della popolazione e dal fulcro mediatico della campagna stessa. Ma nonostante la latitanza della politica sui temi, è doveroso essere ostinati e costanti per alimentare il dibattito e far capire l'importanza delle competenze nel mondo che ci circonda...

    – Francesco Bruno

    • Agora

    L'orchestra che vince la barbarie: la favola di Paolo Rumiz per diventare grandi in pace

    E' una storia di venti, buoni e cattivi, La regina del silenzio di Paolo Rumiz, giornalista di «Repubblica» e autore di molti libri che hanno analizzato la nostra contemporaneità e la Storia che ci sta alle spalle, accompagnandola a volte con la trama del sogno o dell'incubo mitteleuropeo, che da triestino si porta dentro. Figli di un sogno sono i venti di questa fiaba, che si chiamano Invernone, Burja, Ustria e Severnaja, Brisa, Ilarione, Severino e Basilio; portano presentimenti e notizie prima...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 1078 risultati