Ultime notizie:

Fed

    • Econopoly

    Ci risiamo: è boom dei subprime, a 4 ruote

    E' alquanto sorprendente tornare negli Usa, da dove la Grande Recessione si è originata, e trovare di nuovo parole dimenticate dalle cronache, come subprime, cartolarizzazioni, ABS, e tutto l'arsenale che informò le cronache di allora. Il fatto è che si tende a dimenticare che i meccanismi lungo i quali la rinascita dell'economia si è articolata dopo la crisi sono simili a quelli che l'hanno provocata. Questo spiega perché la ripresa celi ampie zone zeppe di rischi, che crescono all'ombra della d...

    – Maurizio Sgroi

    • News24

    La danza dell'euro sull'asse franco-tedesco

    Euro forte, dollaro debole. La spiegazione è semplice: le buone notizie europee, che vengono da un lato da Draghi, dall'altro da Macron e Merkel, hanno sui mercati dei cambi maggior presa delle buone notizie Usa: la politica fiscale di Trump e la normalizzazione della politica Fed.

    – di Donato Masciandaro

    • News24

    Dieci grafici essenziali per capire come si muoveranno i mercati

    Inflazione e rischio crack del mercato obbligazionario. Questi sono i principali fattori di rischio per i mercati secondo il 36% dei grandi gestori che hanno partecipato al consueto sondaggio mensile tra gli operatori effettuato da Bank of America Merrill Lynch. Un elemento nuovo che non era emerso

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    S&P: la Bce non alzerà i tassi prima di fine 2019, tapering al via in ottobre

    La Bce non alzerà i tassi di interesse fino alla seconda metà del 2019, mentre il programma di acquisto di asset noto come quantitative easing verrà ridotto a partire dal quarto trimestre di quest'anno, per terminare all'inizio del prossimo. Queste le previsioni di S&P Global Ratings, annunciate

    – di Paolo Paronetto

    • News24

    Borse e bond: perché ora tutto (o quasi) dipende dai titoli di Stato Usa

    Piazza Affari potrebbe chiudere oggi l'undicesima seduta consecutiva in rialzo. Wall Street non si ferma più: ogni giorno macina record con i suoi tre principali indici (Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq). Il tutto nell'anno in cui solo sei Paesi sugli oltre 200 che compongono il pianeta dovrebbero

    – di Vito Lops

    • Econopoly

    Il boom dei lavoratori inattivi in America è siesta forever o un grosso problema?

    C'è molto da imparare osservando la curiosa evoluzione del mercato del lavoro statunitense ed è una buona prassi seguirne le vicissitudini, innanzitutto perché l'andamento dell'occupazione è uno dei punti di riferimento della Fed. I dati sul lavoro contribuiscono a definire la politica monetaria Usa che, ci piaccia o meno, ha effetti globali. Ma non è l'unico motivo per cui è opportuno ragionarci sopra. Gli andamenti che vediamo all'opera in questo paese somigliano notevolmente a quelli osservat...

    – Maurizio Sgroi

    • News24

    «Per i mercati si avvicina una svolta epocale»

    «Sul mercato si pensa che il cambio di passo delle politiche monetarie possa non essere problematico, perché quando è stata la Fed a ritirare gli stimoli e ad alzare i tassi non ci sono stati contraccolpi su Borse e bond. Ma questa volta è diverso: nel 2018 per la prima volta tutte le maggiori

    – Morya Longo

    • News24

    Bce e Germania spingono euro e listini. Sterlina al top su dollaro

    La Bce che prepara la fine del quantitative easing e il patto di governo Cdu-Spd in Germania spingono l'euro (massimi da tre anni a 1,2127) e i listini azionari continentali tutti positivi in chiusura. Piazza Affari ha guadagnato lo 0,53% nel FTSE MIB proseguendo la serie positiva del nuovo anno:

    – di E. Micheli e A.Fontana

1-10 di 8124 risultati