Aziende

Fao

La sigla Fao (Food and Agriculture Organization of the United Nations) è quella che identifica l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura. Fondata nel 1945 a Quebec City, in Canada, la Fao ha avuto, fin dall’inizio della sua opera, il mandato di aiutare ad accrescere i livelli di nutrizione, aumentare la produttività agricola, migliorare la vita delle popolazioni rurali e contribuire alla crescita economica mondiale. E' un'assemblea internazionale nella quale i rappresentanti degli stati partecipanti dibattono le politiche mondiali legate a queste importanti tematiche. La Fao ha la sua sede operativa a Roma ed è presieduta dal senegalese Jacques Diouf che è in carica dal 1993 e ha la funzione di direttore generale. Il lavoro dell’organizzazione è controllato dalla Conferenza degli Stati Membri che, riunendosi ogni due anni, verifica l’applicazione del programma di lavoro precedentemente approvato e ne stila uno nuovo per il biennio successivo. Sono otto i dipartimenti nei quali la Fao è suddivisa: Amministrazione e Risorse Finanziarie, Agricoltura e Difesa del Consumatore, Sviluppo Sociale ed Economico, Pesca e Acquacultura, Foreste, Comunicazione, Gestione delle Risorse Naturali e Tecniche di Cooperazione. Inoltre la Fao è strutturata per operare “sul campo” con sedi in circa 80 paesi: esistono poi uffici regionali per diverse aree mondiali (in Thailandia, Ghana, Cile ed Egitto) e uffici di collegamento per le operazioni internazionali (a Ginevra in Svizzera, a Washington negli Usa, a Bruxelles in Belgio e a Yokohama in Giappone). Nella Fao sono impiegati circa 3.600 funzionari che prestano la loro opera tra la sede centrale e le sedi distaccate. Periodicamente la Fao pubblica rapporti analitici che contengono informazioni globali, statistiche e proiezioni sulla situazione mondiale delle foreste, della pesca, dell’agricoltura e della nutrizione.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Fao
    • Info Data

    La pesca (nel senso del frutto) è in crisi. Il Global Peach Index

    Sebbene la primavera sia iniziata da soli pochi giorni, e con l'estate ancora lontana, c'è un dato che riguarda uno dei protagonisti della stagione estiva che nel corso degli ultimi 50 anni ha davvero invertito una tendenza storica. Nel dettaglio, si parla della pesca, o più precisamente, sia di pesca sia di nettarine. Secondo uno studio pubblicato dalla FAO (Food and Agriculture Organization) che ha raccolto i dati a partire dall'inizio degli anni '60, durante l'ultimo mezzo secolo si è verif...

    – Fabio Fantoni

    • Info Data

    La pesca (nel senso del frutto) è in crisi. Il Global Peach Index

    Sebbene la primavera sia iniziata da soli pochi giorni, e con l'estate ancora lontana, c'è un dato che riguarda uno dei protagonisti della stagione estiva che nel corso degli ultimi 50 anni ha davvero invertito una tendenza storica. Nel dettaglio, si parla della pesca, o più precisamente, sia di pesca sia di nettarine. Secondo uno studio pubblicato dalla FAO (Food and Agriculture Organization) che ha raccolto i dati a partire dall'inizio degli anni '60, durante l'ultimo mezzo secolo si è verif...

    – Fabio Fantoni

    • News24

    E' l'ora del tè per il mercato italiano: +14% la crescita prevista al 2021

    In Italia si acquista un grammo di tè per ogni 84 grammi di caffè. Una lotta impari per le foglie di camelia sinensis, che hanno però davanti una strada sempre più larga e in discesa sul nostro mercato, complice la globalizzazione di usi, consumi, flussi turistici e l'attenzione crescente a salute

    – di Ilaria Vesentini

    • Agora

    Insetti a tavola, il ministero: "In Italia sono ancora fuori legge, anche quando venduti sul web"

    Nei menu, negli snack e in pasticceria, bachi e grilli sono ancora fuori legge in Italia. Per la somministrazione a tavola di insetti e derivati nel nostro territorio nazionale serve il disco verde dell'Unione Europea. "Al momento nessuna specie di insetto (o suo derivato) è autorizzata" a scopo alimentare, precisa il ministero della Salute, nonostante si applichi dal primo gennaio il regolamento europeo sui 'novel food'. Ma questo non significa, spiega la Direzione Generale Igiene, Sicurezza al...

    – Guido Minciotti

    • Agora

    mare. inquinamento. i rifiuti si decompongono in 500 anni, forse.

    ciò che inquina il mare sono i comportamenti dell'uomo, non gli oggetti. gli inquinatori siamo noi, non i sacchetti di plastica. la plastica è ottima, ha un impatto ambientale più basso di molti fra i prodotti che sostituisce, ma va raccolta e va riciclata. clicca qui per leggere l'articolo intero. un primo motivo della comparsa dei rifiuti nei mari è il fatto che miliardi di asiatici ormai consumano come gli europei. consumano ma non riciclano. è smaltito correttamente appena il 40% della sp...

    – Jacopo Giliberto

    • News24

    Se il mare affoga nella plastica asiatica

    Atto primo. Manila. Dalla vecchia discarica abbandonata che divide dal mare il boulevard Honorio Lopez ogni giorno l'oceano porta via 1.500 tonnellate di spazzatura; quella più pesante affonda davanti alla spiaggia e quella più leggera naviga, spinta dai venti e dalle correnti, fino alla grande

    – di Jacopo Giliberto

    • Agora

    Il nuovo database digitale Fao tutela la biodiversità animale e può lanciare un "allarme estinzione"

    La Fao ha lanciato nei giorni scorsi un nuovo database digitale che permetterà ai paesi di monitorare e gestire meglio le proprie risorse genetiche animali, oltre a fornire un'allerta rapida in caso di rischio di estinzione. Il "Domestic Animal Diversity Information System" (Dad-Is) è la fonte di informazioni globali sulla diversità genetica animale più completa al mondo, sottolinea l'agenzia Onu in una nota. "La biodiversità delle circa 40 specie animali che sono state addomesticate per l'uso i...

    – Guido Minciotti

    • Agora

    Pesci, gli animali dimenticati. Provano dolore, ricordano esperienze, comunicano: "Tuteliamoli"

    Venerdì pesce, si diceva una volta. Quando si sapeva poco di questi animali che, vivendo sotto la superficie dell'acqua e dalla forma così diversa da quelli terrestri, erano per noi incomprensibili. Oggi però il nostro livello di conoscenza è cresciuto: pur dotati di organi sensoriali differenti dagli animali che ci sono più familiari, sappiamo non solo che i pesci annusano sott'acqua o vedono i colori nitidamente ma anche che provano dolore, hanno ricordi, fanno tesoro delle esperienze, sono so...

    – Guido Minciotti

    • News24

    I segreti del wasabi: non solo per sushi e sashimi

    Tutti sanno che agisce come un lanciafiamme - più sulle narici che sul palato - se ingollato incautamente in quantità anche modeste. Molti sanno che nel sushi, tra il pesce e il riso, ne viene spesso messa una piccola quantità, mentre si può mescolare con la soia per poi intingervi i pezzi di

    – di Stefano Carrer

    • News24

    Il prezzo di un modello di crescita sbagliato

    Alle frequenti e diffuse prassi di interazione, interdipendenza e "contaminazione" non sempre corrisponde un ricorso e un utilizzo positivo di questi termini. Spesso ciò è dovuto a interazioni non riuscite, interdipendenze imposte o a contaminazioni pagate con rinunce eccessive. Le esperienze

    – di Nunzio Galantino

1-10 di 563 risultati