Persone

Fabio Aru

Fabio Aru è nato il 3 luglio del 1990 a San Gavino Monreale (nella provincia del Medio Campidano in Sardegna) ed è un ciclista su strada italiano che corre per il team Astana.

Professionista fin dal 2012, Aru è un abile scalatore che vanta la vittoria di tre tappe del Giro d'Italia ed è salito sul podio finale della Corsa Rosa nel 2014 (3°) e nel 2015 (2°) con un distacco di solo 1 minuto e 53 secondi in classifica generale dal vincitore dell'edizione 2015 Alberto Contador .

Fabio Aru vanta il primato di essere il primo ciclista sardo della storia ad aver indossato la maglia rosa al Giro d'Italia.

Vissuto e cresciuto nel comune sardo di Villacidro Aru pratica fin da bambino diverse discipline sportive, soprattutto calcio e tennis, senza però tralasciare la bicicletta.

E' all'età di 15 anni, tuttavia, che Aru scopre la sua inclinazione sportiva per il ciclismo e decide di dedicarvisi a tempo pieno.

Aru fa il suo debutto da professionista con la maglia dell'Astana il 20 agosto del 2012, quando prende parte alla USA Pro Cycling Challenge, in Colorado, ed ottiene un secondo posto nella sesta tappa dietro a Rory Sutherland.

Nel 2013 arriva quarto al Giro del Trentino, e vince la classifica giovanile, inoltre gli viene attribuito il Memorial Gastone Nencini.

Nel 2014 partecipa ancora al Giro d'Italia come gregario, al termine della diciannovesima frazione, la cronoscalata del Monte Grappa, si classifica secondo a 17 secondi dalla maglia rosa, Nairo Quintana.

Termina il Giro d'Italia del 2014 conquistando il podio col terzo posto in classifica generale.

Sempre nel 2014 presentatosi al via della Vuelta a España, conquista il suo secondo successo da professionista vincendo l'undicesima tappa, da Pamplona al Santuario di San Miguel de Arala.

Nel 2015 partecipa alla Parigi-Nizza, ottenendo l'ottavo posto nella quarta tappa con arrivo in salita a Croix de Chaubouret.

Sempre nel 2015 partecipa alla Volta Ciclista a Catalunya, nella quale si classifica sesto a 27 secondi dal vincitore Richie Porte.

Infine, prende parte alla novantottesima edizione del Giro d'Italia conclusasi il 31 maggio scorso classificandosi secondo, in classifica generale, con un distacco di soli 1 minuto e 53 secondi dal vincitore Alberto Contador.

Nell'edizione 2015 del Giro d'Italia, Fabio Aru riporta la vittoria di due memorabili tappe per scalatori 19ª tappa (Gravellona Toce > Cervinia) e 20ª tappa (Saint-Vincent > Sestriere).

Fabio Aru è fidanzato con Valentina.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

Ultime notizie su Fabio Aru
    • News24

    Ciclismo: Elia Viviani è il nuovo campione italiano, battuti Pozzovivo e Visconti

    Da campione olimpico a campione italiano, il passo è breve per Elia Viviani, che succede a Fabio Aru nel titolo tricolore. Il percorso era esigente, con 233.8km di gara divisi in otto giri che presentavano oltre 3mila metri di dislivello e due salite complicate (Gianico con 1.2km al 6.5% e via

    – a cura di Datasport

    • News24

    Il Pistolero fa centro sull'Etna

    "Ricordo che a inizio salita non stavo bene, poi i miei compagni mi incitavano e lo scenario di quella meravigliosa salita mi spinse ad attaccare, a conquistare la tappa e la maglia rosa: fu una vittoria speciale, che non dimenticherò mai". Parole e musica sono di Alberto Contador, il fuoriclasse

    • News24

    Tappa accorciata per la fine del Giro d'Italia: ciclisti contro le buche di Roma

    Cala il sipario sul Giro d'Italia. Un giro da cartolina. Purtroppo macchiato da un finale rocambolesco da commedia all'italiana. Le buche di Roma, ultima tappa della corsa rosa, si sono dimostrate molto più pericolose della discesa del Sestiere o dello sterrato del Colle delle Finestre. I romani ci

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Basta ribaltoni, il Giro va a Chris Froome. Dumoulin secondo

    Un Giro che lascia ancora senza fiato per tutto quello che è successo. Lo stesso Froome, che pure ha già vinto 4 Tour de France e una Vuelta di Spagna, alla fine è frastornato ed emozionato come uno stagista. Non si rende ben conto di quello che ha fatto. Guarda nel vuoto. Cerca conferme dai

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Il ritiro di Fabio Aru: «Non mi resta che resettare»

    In questo Giro d'Italia che sta finendo c'è solo un vero sconfitto. E non è Simon Yates che, comunque, ha tenuto la maglia rosa per 13 giorni vincendo 3 tappe. Sul Colle delle Finestre è crollato, certo, finendo a oltre trenta minuti da Froome. Ma Yates precipita dopo aver dato spettacolo per due

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Giro d'Italia, 19a tappa: Froome da urlo, vittoria e maglia rosa

    Chris Froome è la nuova maglia rosa del Giro d'Italia 2018. Il britannico del Team Sky, nella 19a tappa, la Venaria Reale-Bardonecchia, compie un'impresa, visto che arriva sul traguardo in completa solitudine dopo un'azione straordinaria partita sin dal Colle delle Finestre, che ha segnato invece

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia 2018: si ritira Fabio Aru

    Finisce in anticipo il Giro d'Italia 2018 di Fabio Aru. L'azzurro dell'UAE Team Emirates si presentava alla partenza della diciannovesima tappa con addirittura 45'44" di ritardo rispetto all'attuale maglia rosa, indossata da Simon Yates della Mitchelton-Scott. Con la partenza prevista da Venaria

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia 2018: la VAR del ciclismo penalizza Fabio Aru

    Anche nel ciclismo c'è la VAR: la notizia era nota ad appassionati e addetti ai lavori dall'inizio del 2018, ma ora la tecnologia applicata alle due ruote è entrata prepotentemente in azione. L'occasione, dopo qualche lieve intervento su dei contatti in volata (non sanzionati), è nata nella 16a

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia, Yates resta in maglia rosa anche dopo la cronometro

    Niente da fare. Mister Yates resta il padrone del Giro. Nella cronometro di Trento (snodo quasi decisivo prima degli ultimi tre arrivi in salita), vinta dall'australiano Rohan Dennis, il britannico conserva la maglia rosa per 56 secondi respingendo l'attacco di Tom Dumoulin.

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Giro d'Italia, 16a tappa: crono a Rohan Dennis, Yates limita i danni

    Dopo il giorno di riposo e le fatiche delle mille salite, il Giro d'Italia 2018 riparte da quella che è una delle tappe-chiave: la cronometro da Trento a Rovereto, 34km intrisi di storia in quello che è un omaggio alla 1a Guerra Mondiale, rappresentava la grande occasione per Tom Dumoulin, che

    – a cura di Datasport

1-10 di 236 risultati