Persone

Fabio Aru

Fabio Aru è nato il 3 luglio del 1990 a San Gavino Monreale (nella provincia del Medio Campidano in Sardegna) ed è un ciclista su strada italiano che corre per il team Astana. Professionista fin dal 2012, Aru è un abile scalatore che vanta la vittoria di tre tappe del Giro d'Italia ed è salito sul podio finale della Corsa Rosa nel 2014 (3°) e nel 2015 (2°) con un distacco di solo 1 minuto e 53 secondi in classifica generale dal vincitore dell'edizione 2015 Alberto Contador .

Fabio Aru vanta il primato di essere il primo ciclista sardo della storia ad aver indossato la maglia rosa al Giro d'Italia.

Vissuto e cresciuto nel comune sardo di Villacidro Aru pratica fin da bambino diverse discipline sportive, soprattutto calcio e tennis, senza però tralasciare la bicicletta.

E' all'età di 15 anni, tuttavia, che Aru scopre la sua inclinazione sportiva per il ciclismo e decide di dedicarvisi a tempo pieno.

Aru fa il suo debutto da professionista con la maglia dell'Astana il 20 agosto del 2012, quando prende parte alla USA Pro Cycling Challenge, in Colorado, ed ottiene un secondo posto nella sesta tappa dietro a Rory Sutherland.

Nel 2013 arriva quarto al Giro del Trentino, e vince la classifica giovanile, inoltre gli viene attribuito il Memorial Gastone Nencini.

Nel 2014 partecipa ancora al Giro d'Italia come gregario, al termine della diciannovesima frazione, la cronoscalata del Monte Grappa, si classifica secondo a 17 secondi dalla maglia rosa, Nairo Quintana.

Termina il Giro d'Italia del 2014 conquistando il podio col terzo posto in classifica generale.

Sempre nel 2014 presentatosi al via della Vuelta a España, conquista il suo secondo successo da professionista vincendo l'undicesima tappa, da Pamplona al Santuario di San Miguel de Arala.

Nel 2015 partecipa alla Parigi-Nizza, ottenendo l'ottavo posto nella quarta tappa con arrivo in salita a Croix de Chaubouret.

Sempre nel 2015 partecipa alla Volta Ciclista a Catalunya, nella quale si classifica sesto a 27 secondi dal vincitore Richie Porte.

Infine, prende parte alla novantottesima edizione del Giro d'Italia conclusasi il 31 maggio scorso classificandosi secondo, in classifica generale, con un distacco di soli 1 minuto e 53 secondi dal vincitore Alberto Contador.

Nell'edizione 2015 del Giro d'Italia, Fabio Aru riporta la vittoria di due memorabili tappe per scalatori 19ª tappa (Gravellona Toce > Cervinia) e 20ª tappa (Saint-Vincent > Sestriere).

Fabio Aru è fidanzato con Valentina.

Ultimo aggiornamento 03 maggio 2016

Ultime notizie su Fabio Aru
    • News24

    Giro d'Italia, al via l'edizione numero cento. Sfida tra Nibali e Quintana

    Giro giro tondo. Che più tondo non si può, visto che questa è l'edizione numero cento e che, partendo oggi dalla Sardegna (Alghero), passa dalla Sicilia per risalire la Penisola fino all'arrivo di Milano (28 maggio): da dove il Giro d'Italia il 13 maggio 1909 cominciò la sua storia con la prima

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Morto Michele Scarponi, travolto da un furgone mentre si allenava

    Dramma nel ciclismo italiano: Michele Scarponi è morto questa mattina in un incidente stradale mentre si allenava alle porte di Filottrano (Ancona), suo paese natale. Scarponi è stato centrato in pieno da un autocarro il cui autista, un 57enne del posto, non avrebbe dato la precedenza. Sulla

    • News24

    Morte Scarponi, Aru: "Tragedia infinita"

    La morte improvvisa di Michele Scarponi ha scioccato il mondo dello sport, soprattutto il pianeta ciclismo dove il 37enne marchigiano era molto amato per il suo essere grande professionista e allo stesso tempo persona affabile, simpatica e ironica. "Michele era un ragazzo estremamente serio, una

    – a cura di Datasport

    • News24

    Addio a Michele Scarponi, uomo d'altri tempi nel ciclismo 2.0

    Si possono dire tante cose di Michele Scarponi, travolto da un camion durante un allenamento alle 8 di mattina, in un sabato che poteva anche dedicare ai suoi due gemelli, alla famiglia e soprattutto a se stesso visto che era appena tornato la sera prima da una corsa, il Tour of des Alpes, in cui

    – di Dario Ceccarelli

    • News24

    Ciclismo in lutto: è morto Michele Scarponi

    Risveglio da incubo per il ciclismo italiano e in generale per lo sport con la tragica notizia della morte di Michele Scarponi. Lo scalatore marchigiano dell'Astana, reduce dal quarto posto e da un successo di tappa al Tour of the Alps terminato venerdì, è rimasto vittima di un incidente

    – a cura di Datasport

    • News24

    Tirreno-Adriatico 2017: fenomeno Sagan, primo a Fermo

    Spettacolare gara e grande vittoria del campione del mondo Peter Sagan che conquista la quinta tappa, 210 km da Rieti a Fermo, e fa doppietta alla Tirreno-Adriatico 2017. In una frazione vallonata e con continui saliscendi, lo slovacco resta coi migliori e sul traguardo precede Pinot e Roglic. In

    – a cura di Datasport

    • News24

    Tirreno-Adriatico 2017: tracheo brochite, Aru si ritira

    Il crollo di Fabio Aru sul Terminillo nella quarta tappa della Tirreno-Adriatico ha una spiegazione: il sardo soffre di una tracheo bronchite e il suo team, l'Astana, ha annunciato che non sarà al via della quinta frazione odierna con arrivo a Fermo. L'azzurro, staccatosi ieri dal gruppo dei

    – a cura di Datasport

    • News24

    Tirreno-Adriatico 2017: Quintana show, trionfo sul Terminillo e maglia azzurra

    Va a Nairo Quintana la quarta tappa della Tirreno-Adriatico, senza dubbio la più attesa con l'arrivo in quota sul Terminillo: spettacolare l'azione del colombiano della Movistar, che trionfa in solitaria staccando tutti con un'azione irresistibile a una manciata di chilometri dal traguardo. Un

    – a cura di Datasport

    • News24

    Ciclismo: la "Strade Bianche" in onore di Cancellara

    Sabato 4 marzo si corre la "Strade Bianche", la classica di ciclismo in Toscana con partenza e arrivo a Siena di 175 km con diversi settori in sterrato e delle asperità da superare. L'11esima edizione è per la prima volta nel calendario World Tour e per la prima volta non vedrà al via

    – a cura di Datasport

    • News24

    Ciclismo all'anno zero, quello italiano è migrato all'estero

    Pochi se ne sono accorti. Eppure è capitato. Distratti da un calcio sempre più globalizzato, e da altri sport più futuribili, non ci siamo accorti che anche il ciclismo è in fuga. E ormai non lo raggiungiamo più. Stanco di un Paese che non investe più nelle due ruote, di sponsor sempre più

    – di Dario Ceccarelli

1-10 di 150 risultati