Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano.

Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli.

Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti.

Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia ed all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano.

Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa.

La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle società in cui decide d'investire.

Exor ha circa 300 mila dipendenti, vantava nel 2015 un fatturato di 136 miliardi di euro ed ha, quale presidente ed amministratore delegato, John Elkann.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Exor
    • News24

    I tour operator cambiano pelle

    Il gruppo Alpitour (1.141 milioni di euro di fatturato consolidato nel 2016 e 35,8 milioni di Ebitda), ceduto nel 2012 dalla holding Exor ai fondi Wise e J.Hirsch, è stato risanato ed è stato al centro di rumors sull'ingresso (smentito) di nuovi soci.

    – di Laura Dominici

    • News24

    Wall Street, peggior seduta da settembre. Giù anche l'Europa

    Seduta a due facce per le Borse europee che virano in negativo nel pomeriggio dopo il passaggio in rosso di Wall Street, dove il Dow Jones (depresso dai titoli finanziari) ha vissuto la peggior seduta del 2017. Preoccupazioni per ritardi da parte dell'amministrazione Trump per l'adozione dei

    – di Cheo Condina

    • News24

    I listini Ue chiudono deboli, a Milano (+0,03%) bene Exor su ipotesi Fca-Vw

    I listini europei chiudono poco mossi una giornata caratterizzata dalla prudenza. I mercati attendono di capire meglio i tempi e i contenuti della proposta economica del presidente Usa, Donald Trump, ma guardano anche alle mosse delle banche centrali - prima la Bce e poi la Fed - che arriveranno

    – di E. Micheli e G.Maurino

    • News24

    Fiat Chrysler riduce debiti e oneri per interessi

    Oltre a Exor, che ha il 29,41% del capitale Fca, ci sono tre gestori di fondi sopra il 3%: Harris Associates, Baillie Gifford e Tiger Global Management; il numero di azioni detenute negli Usa sfiora il 30%.

    – di Andrea Malan

    • News24

    La fiducia Usa sostiene le Borse. Milano piatta, brillano Eni e banche

    Le Borse europee archiviano la seduta in territorio positivo, seppur con lievi rialzi. Piazza Affari, invece, chiude praticamente sulla parità (-0,01%) ma brillano comunque diversi titoli bancari ed Eni (+1,1%) che sale in attesa dei conti 2016 e del piano industriale, che verranno presentati

    – di Cheo Condina

1-10 di 759 risultati