Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano.

Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli.

Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti.

Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia ed all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano.

Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa.

La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle società in cui decide d'investire.

Exor ha circa 300 mila dipendenti, vantava nel 2015 un fatturato di 136 miliardi di euro ed ha, quale presidente ed amministratore delegato, John Elkann.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Exor
    • News24

    Non solo Juve: Cr7 è un «affare» anche per Jeep

    La famiglia Agnelli, oltre a Juventus e Fiat Chrysler, detiene il controllo di Ferrari per mezzo della holding Exor (proprietaria al 64% del club bianconero).

    – di Benedetto Giardina

    • News24

    Il settore auto spinge l'Europa. A Milano corrono le Fca

    Chiusura positiva per le Borse europee, spinte dal settore auto mentre si fa largo l'ipotesi che Bruxelles cercherà di trattare con il presidente americano, Donald Trump, per cancellare i dazi programmati sul comparto. Sul finale Milano ha guadagnato l'1%, mentre lo spread è salito a 242 punti.

    – di Eleonora Micheli

    • Agora

    CR7-Juventus, ecco come una suggestione estiva può trasformarsi in un affare

    Quanto può costare una suggestione? Molto. Forse troppo. Specie se si chiama CR7. Eppure dalle parti di Torino due conti li stanno facendo per capire se sia possibile o consigliabile permettersi il "lusso" di coltivare questa suggestione e magari farla fiorire? Non c'è dubbio che trasferire Cristiano Ronaldo, anche alla vigilia del suo trentaquattresimo compleanno, è un affare di Stato. Significa spostare un'azienda da oltre 100 milioni di fatturato annuo. Da solo il campione portoghese, il te...

    – Marco Bellinazzo

    • News24

    Europa debole senza il faro di Wall Street, a Milano tonfo di St

    Seduta interlocutoria e con volumi di scambio deboli per le Borse europee, a cui è mancato il riferimento di Wall Street, oggi chiusa per la festa nazionale dell'Independence Day. Milano ha terminato sui minimi di giornata, ma con cali comunque contenuti (-0,36%), così come Parigi +0,07%,

    – di C. Di Cristofaro e S. Arcudi

    • News24

    Wall Street dà la carica alle Borse. A Piazza Affari (+0,9%) Mediaset va ko

    Le Borse europee hanno chiuso la settimana con toni positivi, accelerando nel finale (Parigi +0,91%, Francoforte +1,06%, Madrid +0,6% e Londra in aumento dello 0,6% circa) e Milano non ha fatto eccezione, con un guadagno dello 0,9%, che però non è bastato a portare in positivo il bilancio

    – di A. Fontana e S. Arcudi

    • News24

    Borse, l'escalation sui dazi affonda i listini. Milano si salva con Banco Bpm

    La guerra commerciale a colpi di dazi tra Usa e Cina si è abbattuta anche oggi sui mercati europei (segui qui i principali indici), trascinandoli in rosso. Uniche a resistere parzialmente alle vendite Madrid (-0,14%) e Milano: quest'ultima ha chiuso la seduta praticamente sulla parità (-0,07%)

    – di E. Micheli e E. Miele

    • News24

    Borse, la guerra dei dazi agita anche l'Europa. Piazza Affari -0,4%

    Chiusura debole per le Borse europee (vedi qui il loro andamento), ancora penalizzate dai timori di una guerra commerciale, dopo che venerdì scorso il presidente americano, Donald Trump, ha annunciato dazi per 50 miliardi di dollari su prodotti cinesi. Mossa che ha provocato un'immediata replica da

    – di Eleonora Micheli

1-10 di 915 risultati