Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano.

Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli.

Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti.

Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia ed all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano.

Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa.

La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle società in cui decide d'investire.

Exor ha circa 300 mila dipendenti, vantava nel 2015 un fatturato di 136 miliardi di euro ed ha, quale presidente ed amministratore delegato, John Elkann.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Exor
    • News24

    Scontro Ceo-Trump, tonfo di Wall Street. Borse e euro giù su timori Bce

    Le preoccupazioni della Bce per l'euro forte in caso di addio al programma di Quantitative easing e la necessità per Francoforte di continuare a intervenire a supporto dell'inflazione pesano sull'euro e sul settore bancario piegando gli indici azionari europei. Le Borse continentali hanno

    – di C. Condina e A.Fontana

    • News24

    Fca ai massimi, analisti cauti su Cina ma riparte il risiko delle alleanze

    Non si ferma la speculazione di Borsa su Fiat Chrysler Automobilese sugli altri titoli della galassia Exor-Agnelli sul presunto interesse di gruppi cinesi per la casa auto italo-americana. Le azioni del gruppo dell'auto sono ancora le migliori sul Ftse Mib e toccano i massimi dallo scorporo di Ferrari a quota 11 euro mentre tornano ad avvicinarsi ai livelli record le quotazioni di Exor e quelle di Ferrari, per quanto Maranello non sia inclusa in alcuna ipotesi di riassetto.

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Il Pil mette le ali a Milano, migliore d'Europa. Vola Atlantia

    Fca e Exor corrono, bene i bancari Le azioni del gruppo italo-americano sono sostenute, così come quelle del suo primo azionista Exor (+2,4%), dalla speculazione sull'interesse di gruppi auto cinesi per l'acquisizione delle attività di Fca: le quotazioni salgono del 3,6%.

    – di Cheo Condina

    • News24

    Ecco perché Fca ora attira gli investitori

    Sono i risultati più che positivi dei conti ad aver evidentemente acceso l'appeal nei confronti della società della galassia Exor. ... A tenere tonica sul listino la società, posseduta al 29% dalla Exor della famiglia Agnelli, sono le prospettive che appaiono lusinghiere.

    – di Fabio Pavesi

    • News24

    Voci di interesse cinese per Fca. Il gruppo non commenta

    Sirene cinesi su Fiat Chrysler Automobiles che scatta in Borsa ed è la migliore del FTSE MIB. Il titolo della casa italo-americana sale di oltre il 6% superando i 10 euro per azione. Secondo quanto riportato da «Automotive News», «almeno un'offerta» è stata presentata questo mese da un costruttore

    – di A. Fontana e P.Catarsi

    • News24

    La difesa dell'italianità e lo sviluppo

    Se, a differenza di Exor, Campari, Lavazza, Buzzi e tanti altri, il nostro imprenditore non si lancia in una politica di acquisizioni, probabilmente è perché la giudica troppo rischiosa: dispone di maggiori informazioni, conviene attenersi al suo giudizio.

    – di Franco Debenedetti

    • News24

    Impresa piccola, Paese debole

    «Il gruppo delle grandi imprese quotate e con sede in Italia - si legge nel report dell'ufficio studi di Mediobanca - è sempre più smilzo: si sono perse Exor (ora olandese), Luxottica (a breve francese), Pirelli e Italcementi (delistate dopo takeover straniero).

    – di Paolo Bricco

    • News24

    La corsa del Dow ispira i mercati europei, Milano chiude a +0,59%

    Hanno chiuso tutte in deciso rialzo le borse europee al termine di una seduta che era partita all'insegna della titubanza. A dare la carica decisiva è stato l'avvio di contrattazioni a Wall Street dove il Dow Jones è arrivato a un soffio dal toccare il nuovo massimo storico di 22mila punti.

    – di F.Carletti e C.Poggi

    • News24

    Fca triplica l'utile e conferma i target

    Toccherà al suo successore - «verrà dall'interno del gruppo», ha ribadito ancora ieri Marchionne, non escludendo di mantenere il posto nel board di Exor anche dopo l'uscita - completare, dunque, la trasformazione di Fca.

    – di Marigia Mangano

1-10 di 801 risultati