House Ad
House Ad

Exor

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano. Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli. Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti. Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia e all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano. Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa. La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle sue società in cui investe.

(Aggiornato il 04 agosto 2010 )

Ultime notizie su Exor

News24

Fca, Elkann: la mail a General Motors non è l'unica, ci sono altri contatti

29/05/2015 02:39

TORINO - L'assemblea Exor tenutasi al Lingotto ha approvato il bilancio 2014, chiuso con un utile di 51,8 milioni di euro, e la proposta di distribuire un dividendo di 0,35 euro per azione (per un totale di 77,8 milioni). ... A chi chiedeva se Fca non cercasse il consolidamento perché si sente debole, Elkann ha ricordato che «Exor crede nel futuro di Fca, tanto che ha investito lo scorso novembre (nel prestito convertendo, ndr)». ...dopo l'offerta di Exor e il successivo rilancio fino a 6,8...

News24

Gm ribadisce il no alle avance Fca

27/05/2015 08:42

L'agenzia Bloomberg cita alcuni investitori che concordano con le tesi di Marchionne - come David Herro, gestore dell'Oakmark International Fund, che ha azioni in vari costruttori e anche in Exor (holding di Fca).

News24

Marchionne, pressing su Gm

24/05/2015 08:13

Il presidente di Fca e numero uno di Exor, John Elkann, già in passato ha aperto alla possibilità di un nuovo salto dimensionale di Fca. ... Nel caso di Gm, per esempio, l'effetto diluizione sarebbe compensato dal fatto che Gm è già una public company: l'assenza di soci forti consentirebbe a Exor (che controlla Fca con il 46% dei diritti di voto e poco meno del 30% del capitale), nel caso di un'ipotetica fusione, di giocare nel nuovo gruppo - pur diluendosi molto - un ruolo non secondario.

News24

E' scontro tra PartnerRe ed Exor

23/05/2015 08:14

La risposta di PartnerRe a Exor non si è fatta attendere. ... Perché, arrivati a questo punto, solo gli azionisti potranno stabilire quale delle due offerte sul tavolo, i 137,5 dollari ad azione assicurati da Exor o i 125 dollari garantiti dal progetto di aggregazione con Axis, sia preferibile. ...proposta targata Exor.

News24

Exor rilancia su PartnerRe e diventa primo azionista

13/05/2015 06:40

Affondo di Exor su PartnerRe. ... Non più 6,4 miliardi di dollari: Exor mette sul piatto 6,8 miliardi di dollari alzando il prezzo di offerta del 5,8% a 137,5 dollari per azione. Tutto questo mentre si alza il velo sui dati del trimestre, tornati in utile, mentre in Borsa il titolo Exor lascia sul terreno l'1,86% mentre Partner Re guadagnava l'1,61%.

News24

I numeri della relazione: nel 2014 applicate 140 sanzioni per 20,6 milioni. Congelati cento procedimenti

11/05/2015 04:03

Ma i dati non sono paragonabili, perché la relazione prende in esame soltanto i primi nove mesi del 2014 per effetto della "sentenza Grande Stevens" della Corte europea dei diritti dell'uomo, emessa a marzo 2014 sulla vicenda Ifil-Exor, che ha evidenziato presunte lacune nella regolamentazione sanzionatoria targata Consob con riferimento ai princìpi dell'equo processo.

Casa2011

Exor cede Cushman & Wakefield a Dtz per 2 miliardi di dollari, plusvalenza da 722 milioni

11/05/2015 02:17

Exor annuncia di avere stipulato un accordo definitivo per la cessione di Cushman & Wakefield a Dtz, che si fonderanno per dare vita a una delle più grandi società al mondo nel campo dei servizi per il settore immobiliare. ... Exor, in ragione di una partecipazione detenuta in Cushman & Wakefield pari al 75% "fully diluted", incasserà 1,278 miliardi di dollari, con una plusvalenza di circa 722 milioni. ...delegato di Exor - La nostra fiducia nel marchio Cushman & Wakefield e la nostra...

News24

Exor: cede Cushman & Wakefield a Dtz per 2 miliardi di dollari, plusvalenza di 722 milioni

11/05/2015 08:45

Exor annuncia di avere stipulato un accordo definitivo per la cessione di Cushman & Wakefield a DTZ, che si fonderanno per dare vita a una delle più grandi società al mondo nel campo dei servizi per il settore immobiliare. ... Exor, in ragione di una partecipazione detenuta in Cushman &Wakefield pari al 75% fully diluted, incasserà 1,278 miliardi di dollari, con una plusvalenza di circa 722 milioni. ...delegato di Exor - La nostra fiducia nel marchio Cushman & Wakefield e la nostra stima...

News24

PartnerRe respinge l'offerta da 6,4 miliardi di dollari ma Exor va avanti

04/05/2015 03:08

Il consiglio di amministrazione di Partnerre ha respinto l'offerta da 6,4 miliardi di dollari presentata da Exor per proseguire con il progetto di fusione con Axis Capital presentato il gennaio scorso. ... Dal canto suo, Exor conferma il suo impegno per rilevare PartnerRe. La decisione di PartnerRe, afferma in una nota, «continua a ignorare la natura superiore della proposta di Exor di 130 dollari per azione, che include un premio significativo per gli azionisti di PartnerRe.

News24

PartnerRe rifiuta l'offerta da 6,4 miliardi di dollari di Exor

04/05/2015 01:58

PartnerRe ha respinto l'offerta da 6,4 miliardi di dollari (130 euro per azione) formulata da Exor, confermando invece il progetto di fusione con Axis Capital. ... Il cda di Partner Re, si legge nella nota, ha tenuto «ampie discussioni» con Exor, ma nel corso delle negoziazioni la holding ha indicato che la due diligence al servizio dell'operazione avrebbe avuto solo funzione «confermativa» rispetto all'offerta e che «non ci sarebbe stato alcun miglioramento del prezzo»: «A dispetto dei numerosi...

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
  8. 8
  9. 9