Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano.

Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli.

Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti.

Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia ed all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano.

Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa.

La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle società in cui decide d'investire.

Exor ha circa 300 mila dipendenti, vantava nel 2015 un fatturato di 136 miliardi di euro ed ha, quale presidente ed amministratore delegato, John Elkann.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Exor
    • News24

    A gestione «familiare» il 60% delle aziende di Piazza Affari

    Mentre è nota la soluzione della famiglia Agnelli, che ha creato un gruppo internazionale, di cui controlla ancora il 24% attraverso Exor, a sua volta controllata dalla"Giovanni Agnelli BV", società olandese che racchiude gli azionisti discendenti del fondatore Giovanni Agnelli, che vede pesi azionari stabili da tempo.

    – di Monica D'Ascenzo

    • News24

    Banche deboli dopo Dbrs, poco variato il BTp

    A Piazza Affari, semmai, restano da evidenziare anche le perdite accusate da Fiat Chrysler (-4,2%) e dalla controllante Exor (-4,9%), ancora sulle vicende legate alle emissioni inquinanti dei veicoli, e il balzo di Luxottica (+8,2%) all'annuncio della fusione con la francese Essilor.

    – Maximilian Cellino

    • News24

    Milano a -1,4%, pesano banche e Fca. Luxottica +8% nel giorno di Essilor

    Piazza Affari apre la settimana con un calo superiore all'1% a fine seduta penalizzata dalle nuove vendite su Fiat Chrysler Automobiles (-4,2%) e sulla controllante Exor (-4,9%) accese dalle polemiche Italia-Germania sul caso delle emissioni inquinanti ma anche dalla flessione del settore bancario

    – di Eleonora Micheli e Andrea Fontana

    • News24

    Fca rimbalza, per analisti escluso il worst scenario ma c'è incertezza

    In forte rialzo, infine, anche Exor, trainata da Fca: le azioni che ieri hanno perso oltre il 9% recuperano il 5,9%. Dopo il crollo di ieri, sottolinea Equita, «Exor tratta intorno al 25% di sconto sul Nav contro la media degli ultimi 3 anni di 18%».

    – di Chiara Di Cristofaro

    • News24

    Borse, Milano la peggiore d'Europa con Fca

    Chiusura in calo per le Borse europee, con Milano che ha accusato la performance peggiore del Vecchio Continente, risentendo del crollo di Fiat Chrysler Automobiles. Il FTSE MIBha lasciato sul parterre l'1,69%, sul contraccolpo delle accuse lanciate dall'Epa, l'autorità americana che aveva messo

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Wall Street torna a sognare i 20mila punti, Milano riparte e chiude a +0,33%

    Dopo una seduta fiacca e in cui ha cambiato più volte direzione, Milano riparte e chiude in positivo (+0,33%) mentre a Wall Street il Dow Jones chiude in ribasso dello 0,16%, dopo che in mattinata aveva flirtato nuovamente con il record dei 20.000 punti, livello che potrebbe essere toccato nei

    – di Cheo Condina

1-10 di 737 risultati