Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano.

Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli.

Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti.

Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia ed all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano.

Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa.

La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle società in cui decide d'investire.

Exor ha circa 300 mila dipendenti, vantava nel 2015 un fatturato di 136 miliardi di euro ed ha, quale presidente ed amministratore delegato, John Elkann.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Exor
    • News24

    L'euro forte frena l'Europa, nuovi record per Wall Street

    Chiusura contrastata per le Borse europee (qui l'andamento degli indici), intimorite dal rafforzamento dell'euro che ha di nuovo superato la soglia di 1,19 dollari. I listini, ben impostati per gran parte della seduta, hanno rallentato il passo sul finale, nonostante Wall Street abbia aggiornato

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Fca sconta il rischio dieselgate. Il mercato studia l'Ipo Marelli

    In proposito gli analisti di Equita hanno sottolineato che se l'operazione dovesse prendere corpo, Exor «riceverebbe circa il 14,6% della nuova entità (pari al 3-5% del Nav)» e quindi «anche ipotizzando il voto doppio per gli azionisti di lungo termine la nuova entità sarebbe scalabile».

    – di Marigia Mangano

    • News24

    La corsa dell'euro pesa sulle Borse. Giù petroliferi e Mediaset

    La corsa dell'euro, arrivato fino a 1,1960 dollari sulle maggiori chance di una «Grande coalizione» in Germania, ha penalizzato per tutta la seduta i listini azionari europei che, dopo una settimana di generale recupero, hanno quasi tutti segnato una correzione: Piazza Affari ha chiuso vicina ai

    – di P.Paronetto e A.Fontana

    • News24

    Fca apre il cantiere dei lavori per quotare Magneti Marelli

    Questo nella misura in cui sul mercato potrebbe finire una quota intorno al 50% circa, mentre per il restante 50% si procederebbe allo scorporo e alla conseguente assegnazione dei titoli della società di componentistica agli azionisti di Fca, in prima fila la holding dellla famiglia Agnelli Exor.

    – di Marigia Mangano

    • News24

    Europa recupera, ma Milano resta indietro zavorrata dalle banche

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (segui qui l'andamento dei principali indici), che oggi hanno tentato il recupero dopo la debolezza delle ultime sedute. Milano è rimasta indietro rispetto agli altri listini, risentendo della debolezza delle banche, affossate dai timori per le operazioni di

    – di Eleonora Micheli

    • News24

    Perché Piazza Affari fa +15% da inizio anno ma i manager vendono

    Da inizio anno il FTSE MIB di Piazza Affari ha guadagnato circa il 15% riportandosi fino a 22.300 punti (anche se negli ultimi giorni ha frenato), livelli che non vedeva dall'estate 2015. Certo, l'indice che mostra l'andamento delle 40 blue chip del listino milanese è lontanissimo dal massimo

    – di Vito Lops

    • Agora

    Banca Leonardo passa al Credit Agricole: ecco perché il colosso francese si è preso la banca di Braggiotti

    Del resto non era facile mettere d'accordo davanti a un'offerta così tanti soggetti, di cui alcuni di standing elevato: basta pensare a Exor, Eurazeo e lo stesso Gerardo Braggiotti. ... E' stato firmato un accordo fra la sua controllata CA Indosuez Wealth (Europe) e i principali azionisti di Banca Leonardo (GBH, Exor, Eurazeo, Swilux e Torreal), in vista dell'acquisizione del 67,67% di Banca Leonardo.

    – Carlo Festa

    • News24

    Banca Leonardo acquisita dai francesi di Indosuez Wealth Management

    La società del gruppo Credit Agricole, specializzata di riferimento per il wealth management globale, ha annunciato di aver rilevato una quota di maggioranza della banca italiana attraverso un accordo fra la sua controllata CA Indosuez Wealth (Europe) e i principali azionisti di Banca Leonardo, vale a dire GBH, Exor, Eurazeo, Swilux e Torreal.

    – di Monica D'Ascenzo

    • Agora

    Le banche d'affari presentano a Fca il dossier di Ipo di Magneti Marelli

    Potrebbe essere una delle quotazioni più rilevanti del 2018, se la strada prescelta sarà lo sbarco a Piazza Affari come già è stato fatto per Ferrari. Da quando Sergio Marchionne ha ventilato l'ipotesi di uno scorporo di Magneti Marelli, polo tecnologico della componentistica del gruppo Fca, tutte le grandi banche d'affari avrebbero iniziato a bussare al gruppo italo-statunitense per presentare a manager e azionisti di Fca la loro idea di spin-off e di sbarco borsistico. Il gruppo Magneti Marel...

    – Carlo Festa

1-10 di 844 risultati