Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano. Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli. Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti. Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia e all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano. Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa. La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle sue società in cui investe.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Exor
    • News24

    Petrolio e materie prime tengono a galla i listini. Milano chiude a +0,2%

    Il netto rialzo del prezzo del petrolio (+3,4% Wti a 47,93 dollari), grazie all'ottimismo sull'accordo tra i produttori per limitare l'output di greggio, e di molte materie prime dopo il sostegno espresso dal presidente cinese Xi Jiping per la creazione di un'area di libero scambio dell'Asia

    – di E. Micheli e A. Fontana

    • News24

    Borse europee rallentano per la fuga dalle utility. Rendimenti del Btp a 2,2%

    La fuga dalle società dei servizi pubblici e delle infrastrutture neutralizza parzialmente l'effetto Trump sulle Borse europee e fiacca gli indici azionari che avevano aperto le contrattazioni con slancio grazie agli acquisti sulle banche e sui minerari. Con lo sguardo già proiettato all'intervento

    – di Andrea Fontana

    • News24

    Exor, più profitti con Fca e PartnerRe

    Exor, la holding quotata della famiglia Agnelli a cui fanno capo Fiat Chrysler e Ferrari, ha chiuso il terzo trimestre dell'anno con un utile netto di 413,9 milioni (+22,2 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015) e un Nav (Net asset value) a... ...di competenza Exor.

    – Andrea Malan

    • News24

    Borse, Milano paga l'effetto Trump. L'Alta corte risolleva la sterlina

    Le Borse europee archiviano una seduta all'insegna del nervosismo e dell'emotività caratterizzata, a pochi minuti dalla chiusura dei listini, dal calo del greggio che a New York cede lo 0,9% sotto i 45 dollari al barile. Tiene banco, inoltre, l'attesa per le presidenziali Usa con l'altalena dei

    – di Cheo Condina

    • News24

    Fca vola sulla scia del possibile piano Marelli

    In una sola seduta Fca è balzata del 5,39% chiudendo a 6,54 euro. Dal giorno in cui ha presentato i conti del terzo trimestre, martedì 25 ottobre, chiusi con profitti netti per 606 milioni, il gruppo automobilistico ha incamerato un guadagno del 10%. Segnale, probabilmente, del generale

    • News24

    Exor-Fca al top per ricavi tra i gruppi italiani

    Il prossimo anno il gruppo Exor-Fiat/Chrysler non sarà più in vetta alla classifica delle Principali società italiane compilata, come da tradizione, dall'ufficio studi di Mediobanca. Ma questo non per il distacco con la seconda in graduatoria - in termini di fatturato l'aggregato che fa capo alla

    – Antonella Olivieri

    • News24

    Le prime venti industrie italiane. Fca sempre prima

    Nella classifica dei maggiori gruppi italiani, compilata dall'ufficio studi di Mediobanca, si conferma in testa Exor-Fiat/Chrysler con 136,36 miliardi di fatturato nel 2015. Il gruppo della famiglia Agnelli - che per il 75% dipende dal settore automobilistico - precede Enel che, con 74 miliardi di

    – di Antonella Olivieri

1-10 di 723 risultati