Aziende

Exor

Exor S.p.A. è una delle principali società d’investimento italiane ed europee. È quotata alla Borsa di Milano ed ha sede a Torino, ma è presente anche a New York e a Hong Kong, ad esempio.

Exor nasce nel 2009 dalla fusione di Ifi e Ifil, due società storiche nel panorama finanziario italiano. Come già Ifi e Ifil, anche Exor è controllata dalla famiglia Agnelli. Exor è il maggior azionista del gruppo Fiat, ma realizza anche altri importanti investimenti, soprattutto con un orizzonte temporale di medio-lungo termine: le sue attività spaziano in diversi settori e in diversi mercati, prevalentemente in Europa, negli Stati Uniti e nelle economie emergenti come la Cina e l’India.

La storia di Exor comincia nel lontano 1927 quando il senatore Giovanni Agnelli decide di fondare IFI - Istituto Finanziario Italiano per riunire tutte le partecipazioni che aveva acquisito. Negli anni Ifi diventa un operatore strategico nel panorama finanziario e industriale italiano, realizzando importanti investimenti. Tra le principali partecipazioni e le collaborazioni si possono ricordare quella con Cinzano, sin dalla fondazione nel 1927, quella con Danone, la 3M, il gruppo editoriale Fabbri, il gruppo Galbani, Alpitour, Unicem, Sangemini, Peroni e tanti altri, in Italia e all’estero.

Ifi è stata anche protagonista della privatizzazione di Telecom voluta negli anni Novanta dal governo italiano. Nel 2001 Ifi colloca sul mercato una partecipazione di minoranza di Juventus FC, facendo della vecchia signora una delle prime squadre italiane a quotarsi in borsa. La filosofia di investimento di Exor unisce l’ottica imprenditoriale alla disciplina finanziaria, mettendo la finanza al servizio dello sviluppo delle sue società in cui investe.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Exor
    • News24

    Elkann: «Per Exor obiettivo di ridurre il debito a 3 miliardi nel 2017»

    Exor punta a ridurre il debito a circa 3 miliardi di euro nel 2017 rispetto ai 3,7 miliardi di euro attuali. ... Il 2015 è stato «un anno fondamentale» per Exor, «abbiamo rafforzato la società e posto le basi per un futuro che porterà nei prossimi anni la società a essere più globale, più solida e più redditizia» ha detto Elkann aprendo l'assemblea di bilancio convocata al Museo storico dell'Alfa Romeo ad Arese. Nel 2015, ha ricordato Elkann, Exor ha acquisito PartnerRe, una delle più...

    – Andrea Malan

    • News24

    Borsa: Milano chiude a +3,34%, migliore d'Europa con le banche

    Piazza Affari chiude sui massimi una seduta in cui si laurea miglior listino del Vecchio Continente, con un rialzo del 3,34%. Le Borse europee hanno accelerato nel pomeriggio grazie all'apertura positiva di Wall Street mentre il dollaro e' ai massimi da fine marzo sull'euro, a quota 1,115 (1,121

    – Cheo Condina

    • News24

    Europa apre debole, a Milano brilla Telecom

    Il rally del petrolio (il Wti scadenza giugno ha chiuso a New York con un +3,26% a 47,8 dollari al barile, nuovo massimo 2016 ) non scuote i listini azionari europei che - in parte intimiditi dai deludenti dati cinesi di aprile sulla produzione industriale (+6% annuo), sulle vendite al dettaglio

    – Andrea Fontana

    • News24

    Effetto Bce, boom di bond aziendali

    MILANO - Non si ferma la corsa dei corporate bond in attesa dell'avvio del nuovo programma di Quantitative easing della Bce con gli emittenti che sperano di rientrare dal prossimo mese nella shopping list di Draghi. Approfittando dei tassi di interesse ai minimi storici, da gennaio le società

    – Mara Monti

    • News24

    Per la Juve scudetto e fatturato da grande d'Europa

    La prima reazione della Borsa è stata tiepida. Il modesto rialzo delle azioni dell'Fc Juventus, +0,89%, sia pure in una seduta nel complesso negativa (l'indice ha perso l'1,52%), vale appena 2,4 milioni di euro in più per la capitalizzazione, cioè il valore in Borsa dell'intero capitale della

    – di Gianni Dragoni

    • News24

    Rcs, la Borsa crede in un piano francese

    Rcs MediaGroup vola in Borsa nel giorno del consiglio di amministrazione del gruppo editoriale. Ieri il board ha esaminato i risultati preliminari del trimestre, che ha registrato un miglioramento con il fatturato che si è attestato a 219 milioni e l'ebitda a -3,4 milioni contro il risultato

    • News24

    Rcs, Della Valle pronto a crescere

    Diego Della Valle rompe il silenzio su Rcs Mediagroup e preannuncia un rafforzamento nel capitale, mentre il mercato scommette su un ritocco dell'offerta pubblica di scambio lanciata da Urbano Cairo.

    – Marigia Mangano

1-10 di 642 risultati