Persone

Ettore Rosato

Ettore Rosato è nato il 28 luglio del 1968 a Trieste ed è un politico italiano, attualmente capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati.

Nel 1987 si è diplomato in all'ITC G.R. Carli di Trieste.

Ha lavorato prima in Banca Commerciale Italiana e poi alle Assicurazioni Generali.

Nel 2001 è stato eletto consigliere provinciale.

Nel 2003 è diventato consigliere regionale con la Margherita.

Sempre nel 2003 ottiene un seggio alla Camera dei Deputati.

Nel 2006, candidatosi sindaco di Trieste, viene sconfitto dal sindaco uscente di centrodestra Roberto Dipiazza.

Tra il 2006 ed il 2008 entra, in qualità di sottosegretario agli interni, nel secondo governo Prodi.

Nel 2008 viene confermato alla Camera dei Deputati con il Partito Democratico e diventa, in qualità di Tesoriere del PD, membro dell'ufficio di presidenza del gruppo, alla Camera. Durante la stessa legislatura entra anche a far parte della commissione difesa e del Copasir.

Nel 2013 viene rieletto alla Camera dei Deputati nella circoscrizione IX (FRIULI-VENEZIA GIULIA).

Il 5 marzo del 2013 viene proclamato deputato.

Il 19 marzo del 2013 si iscrive al gruppo parlamentare del PD. il 7 maggio del 2013 diventa componente della I Commissione (Affari Costituzionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri).

Il 16 giugno 2015, eletto capogruppo del PD, entra a far parte della Conferenza dei Presidenti di Gruppo.

Ettore Rosato è sposato ed è padre di quattro figli: Bruno, Alessandro, Chiara e Franco.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Ettore Rosato
    • News24

    Legge elettorale, interviene Mattarella: Parlamento la approvi presto

    Un'accelerazione sulla legge legge elettorale. La ha chiesta oggi il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha incontrato al Quirinale il presidente del Senato Pietro Grasso, e la presidente della Camera Laura Boldrini. Come si legge in una nota, il capo dello Stato ha sottolineato

    – di Redazione Online

    • News24

    Legge elettorale, ecco le carte sul tavolo dei partiti

    Legge elettorale, si riparte. O forse no. Tutti nel mondo politico si aspettano qualche mossa di Matteo Renzi a riguardo dopo le primarie del 30 aprile e la sua ri-consacrazione alla guida del Pd. Eppure a ben vedere le carte sono già tutte sul tavolo, e le convenienze dei partiti restano intatte,

    – di Emilia Patta

    • News24

    Francia, l'effetto Macron sulla politica italiana

    Sul paesaggio politico francese è passato «un uragano positivo che si chiama Emmanuel Macron» dice il sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi. Il giorno dopo la politica italiana riflette sulle novità, un misto di prevedibile e sperato, in arrivo da Oltralpe. Lezioni naturalmente non

    – di Nicola Barone

    • News24

    Biotestamento, ok della Camera con 326 sì

    La Camera dei deputati ha approvato il Ddl sul biotestamento che va ora al Senato. I sì sono stati 326, i no 37. Il testo introduce in Italia il divieto all'accanimento terapeutico e il riconoscimento del diritto del paziente di abbandonare totalmente la terapia. Vengono introdotte le Dat, le

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    Manovrina, Padoan: correzione 0,2% Pil anche con rottamazione

    La correzione dei conti da 3,4 miliardi della manovrina in arrivo insieme o 2- giorni dopo il Def (atteso il 10 aprile in Cdm, ndr) si concentreranno sull'efficientamento delle imposte dirette e della riscossione sul fronte delle entrate. Mentre i tagli alla spesa sono ancora allo studio del

    • News24

    Maggioranza divisa sul fisco, Renzi punta sugli sgravi alle famiglie per le elezioni

    «Io credo che ci siano molte cose lasciate "a mezzo" e molte portate avanti dal governo Gentiloni, come Casa Italia che è un progetto strategico. Ma c'è un punto su cui dobbiamo fare molto di più: non abbiamo fatto un intervento strutturato e strutturale per la famiglia. C'è bisogno di metterci i

    – di Emilia Patta

    • News24

    Numeri in Aula, il maggioritario in vantaggio sul proporzionale

    Il premio di maggioranza alla sola lista e non alla coalizione unisce il Pd di Renzi e il M5s. E questa non è una novità, essendo da sempre i grillini allergici alle coalizioni. Su questa base si è riaperta sottotraccia la trattativa in Parlamento, che gli sherpa renziani del Pd (a partire dal

    – di Emilia Patta e Manuela Perrone

1-10 di 224 risultati