Persone

Ermanno Rea

Ermanno Rea è nato il 28 luglio del 1927 a Napoli ed è deceduto a Roma il 13 settembre del 2016, è stato uno scrittore e giornalista italiano.

Collaboratore di numerosi quotidiani e settimanali, si è occupato di giornalismo d'inchiesta ed ha scritto diversi libri tra i quali quello dedicato alla misteriosoa scomparsa dell'economista Federico Caffè, "L'ultima lezione. La solitudine di Federico Caffè scomparso e mai più ritrovato".

Nel 1996 Rea ha vinto il Premio Viareggio col romanzo autobiografico "Mistero napoletano".

Nel 1999 è stato isignito del Premio Campiello, con "Fuochi fiammanti a un'hora di notte".

Mentre nel 2008 con "Napoli ferrovia", è stato finalista al Premio Strega.

Nel 2014 si è candidato alle elezioni europee,

nella Circoscrizione Italia meridionale, come capolista per "L'Altra Europa con Tsipras" ma non è stato eletto.

Dai suoi libri sono stati tratti due film, "L'ultima lezione" (2001, Fabio Rosi) dall'omonimo scritto e "La stella che non c'è" (2006, Gianni Amelio) tratto dal suo libro del 2002 "La dismissione".

Tra le sue ultime opere ricordiamo:

— "1960. Io reporter", Milano 2012;

— "Il sorriso di don Giovanni", Milano 2012;

— "Il caso Piegari", Milano, 2014.

Ermanno Rea si è spento nella sua casa romana il 13 settembre del 2016.

Ultimo aggiornamento 13 settembre 2016

Ultime notizie su Ermanno Rea
    • News24

    L'ultimo Caffè

    Rispose così il sottosegretario padre Jesus Torres, autorevole rappresentante della "Congregazione per gli istituti di vita consacracata e le società di vita apostolica", incalzato da Ermanno Rea che 25 anni fa cercò di risolvere il mistero della scomparsa di Caffè e scrisse il libro L'ultima lezione.

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Fuga e ritorno alla Sanità

    A poco più di un mese dalla morte di Ermanno Rea Feltrinelli manda in stampa Nostalgia, progetto sul quale l'autore rifletteva da tempo. Si parla convenzionalmente, in casi come questo, di testamento spirituale, ma stavolta è vero: questo libro si presenta come un bilancio finale e si svolge nel

    – di Gianluigi Simonetti

    • News24

    Scrittore d'altri tempi ma gravido di futuro

    «Un grande scrittore una volta disse di amare soltanto le storie "dettagliate ed esatte". Io la penso come lui». Lo scrittore in questione è Thomas Mann; a evocarlo, identificando il proprio sguardo in quella coppia di aggettivi, è Ermanno Rea, in un suo romanzo del 2007, Napoli Ferrovia.

    – di Gianluigi Simonetti

    • News24

    Addio a Ermanno Rea, lo scrittore che ha dato la parola alla «dismissione»

    Possiamo ricordare Ermanno Rea per aver vinto il Premio Campiello con Fuochi fiammanti a un'hora di notte (1998) e il Premio Viareggio con Mistero napoletano (1995), ma credo di non esagerare se dico che il più importante dei suoi libri sia La dismissione, uscito nel 2002 e subito diventato un

    – di Giuseppe Lupo

    • News24

    Addio allo scrittore Ermanno Rea

    E' morto lo scrittore e giornalista Ermanno Rea, che a Napoli, sua città natale, ha dedicato romanzi di successo, con una narrazione tra rabbia e amore. Il decesso è avvenuto la notte scorsa nella sua casa di Roma all'età di 89 anni. Era autore dei libri "Il Po si racconta. Uomini donne paesi e

    – di S.Bio.

    • News24

    Timone a Palazzo Chigi, ultima chance per Bagnoli

    "Io nun capisco 'e vvote che succede/e chello ca se vede nun se crede". L'incipit della tammuriata napoletana sintetizza in due righe la via crucis di Bagnoli

    – Mariano Maugeri

    • News24

    La «sconfitta» di Piegari

    Davvero la vicenda umana e politica di Guido Piegari può essere catalogata come una «vecchia sconfitta» e quindi archiviata con qualche timido senso di colpa,

    – Cesare De Michelis

    • Agora

    Anteprima Venezia/2: il progresso è servito nella "Zuppa del demonio" di Ferrario

    "C'era ancora a quel tempo la fierezza di appartenere a un'azienda, a un gruppo, a un popolo, a un'entità umana che produce una trasformazione storica". E' la voce di Ermanno Olmi, pioniere del documentario industriale, che chiosa uno spezzone di Un metro lungo cinque (1961), uno dei cortometraggi realizzati per Edison agli albori della sua carriera e che Davide Ferrario incastona nel complesso, urticante, poetico La zuppa del Demonio, documentario che verrà proiettato il 2 settembre "Fuori conco...

    – Cristina Battocletti

1-10 di 31 risultati