Enti e organizzazioni

Inps

L'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) è il principale ente previdenziale del sistema pensionistico pubblico italiano, dove sono obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori dipendenti pubblici o privati e la maggior parte dei lavoratori autonomi priivi di una propria cassa previdenziale autonoma.

Il primo ente previdenziale, la Cassa nazionale di previdenza per l'invalidità e la vecchiaia degli operai, risale al 1898 ed era di natura volontaria.

Nel 1919 la previdenza sociale diventa obbligatoria e nasce la Cassa nazionale per le assicurazioni sociali.

Col governo Mussolini nasce l'Istituto nazionale fascista della previdenza sociale (INFPS) che nel 1943 diventa l'attuale INPS, ente di diritto pubblico dotato di personalità giuridica ed avente lo scopo di garantire la previdenza sociale ai lavoratori.

Le principali attività dell'INPS sono:

— previdenziale (pensioni di vecchiaia, di anzianità, di reversibilità ecc.);

— gestione delle prestazioni a sostegno del reddito (indennità di malattia, di maternità, assegno al nucleo familiare ecc.);

— assistenziale (pensioni d'invalidità civile, assegno sociale ecc.);

— ispettiva (collabora con gl'Ispettori del Lavoro, con le Direzioni regionali del lavoro (DRL), con i carabinieri e con L'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (l'INAIL).

Presidente dell'INPS è il prof. Tito Boeri, mentre direttore generale è il dott. Massimo Cioffi.

Ultimo aggiornamento 14 ottobre 2016

Ultime notizie su Inps
    • News24

    Ecco i settori e le regioni che usano di più i voucher

    Nel 2015, secondo i dati diffusi dall'Inps, dei quasi 88 milioni di voucher da 10 euro utilizzati, 23,4 milioni sono stati erogati da 75.243 operatori del settore alberghiero e della ristorazione, coinvolgendo quasi 580mila addetti.

    – di Matteo Prioschi

    • News24

    Voucher con avviso preventivo

    Intanto non si ferma la polemica legata all'abolizione dei buoni: se ieri l'Inps ha annunciato il ripristino della procedura telematica per l'attivazione dei voucher ancora utilizzabili, dopo il blocco di lunedì scorso che aveva creato più di qualche problemi ad aziende e famiglie, nel corso della giornata a manifestare tutto il proprio disagio è stata la Federazione italiana tabaccai (Fit), che con una nota ha chiesto un incontro urgente al presidente del Consiglio, minacciando di sospendere...

    – di Giampiero Falasca e Mauro Pizzin

    • Info Data

    I voucher ancora in circolazione potrebbero essere 35 milioni

    In quel periodo, secondo quanto rilevato dall'Inps, la vita media, cioè il periodo che trascorre dall'acquisto alla riscossione, era di 40 giorni ed entro 4 mesi veniva incassato il 95% di quanto venduto.

    – Infodata

    • News24

    Voucher, per quelli circolanti valgono le norme precedenti

    Ai voucher acquistati entro lo scorso 17 settembre e ancora in circolazione, validi fino al 31 dicembre 2017, per tutto il periodo transitorio andranno applicate «le disposizioni in materia di lavoro accessorio previste nelle norme oggetto di abrogazione da parte del decreto».

    – di Mauro Pizzin

    • News24

    Impossibile utilizzare 35 milioni di vecchi voucher

    Ieri, intanto, da parte di numerose imprese e lavoratori sono stati segnalati dei problemi anche per attivare i voucher sul sito dell'Inps: la procedura non consentiva, infatti, l'inserimento dei lavoro, necessarie per avviare una prestazione di lavoro accessorio, ma solo la consultazione di quelli precedentemente attivati.

    – di G. Falasca e M. Pizzin

    • News24

    Ape social e precoci, istanze tra il 1° maggio e 30 giugno

    ...loro domanda all'Inps tra il 1° maggio e il 30 giugno. ... La spesa sarà gestita dall'Inps con un meccanismo a "rubinetto" su platee ipotizzate per circa 25mila lavoratori precoci e 35mila "apisti social", sempre nel primo anno di applicazione.

    – di Davide Colombo e Marco Rogari

    • News24

    Pensioni, Ape sociale: per le domande finestra dal 1° maggio al 30 giugno

    Le domande per l'Ape sociale (ossia l'anticipo pensionistico senza costi per il lavoratore in condizioni di disagio) e per l'anticipo per i lavoratori precoci che vogliono uscire nel 2017 andranno presentate tra il 1° maggio e il 30 giugno. Una finestra unica non particolarmente gradita ai

    • News24

    Bonus mamme, un diritto per chi possiede i requisiti dal 1° gennaio 2017

    Dopo la circolare n.39, che fissa i criteri generali e i requisiti per l'accesso al bonus, nei giorni scorsi l'Inps ha fornito ... Dopo la circolare n.39, che fissa i criteri generali e i requisiti per l'accesso al bonus, nei giorni scorsi l'Inps ha fornito ulteriori chiarimenti con lanota 61/2017, che fornisce le indicazioni operative. I ritardi nell'assegnazione del premio, come annunciato già nelle scorse settimane dal Sole 24 ore, sono dovute alla necessità dell'Inps di adeguare i propri...

    – di Alessia Tripodi

    • News24

    La lunga attesa per far partire le domande

    L'altro appuntamento con i sindacati è giovedì 23 marzo, quando si dovrebbe parlare di governance Inps e "fase 2", ovvero delle misure fissate nel verbale d'intesa dell'autunno scorso tra cui spicca l'ipotesi di una pensione contributiva di... Una volta chiuso il Dpcm bisogna fare le convenzioni con Abi e Ania, nelle quali dovranno essere fissate le condizioni finanziarie dell'anticipo, e la convenzione Inps-Mef sul Fondo di garanzia da 70 milioni sugli eventuali mancati rimborsi degli...

    – di Davide Colombo

    • News24

    La risorsa del «riscatto» ora ha più appeal

    Va poi considerato che, ai livelli più alti di avanzamento della carriera, per chi avrà iniziato a versare contributi dopo il 1995 senza riscattare periodi pregressi, le gestioni Inps pongono un massimale di base contributiva di 100.324 euro, comportando nella futura pensione un tasso di sostituzione più basso rispetto alle ultime retribuzioni percepite.

    – di Antonello Orlando

1-10 di 9704 risultati