Enti e organizzazioni

Fmi

Il Fondo monetario internazionale (FMI in italiano e in IMF in inglese) è un'organizzazione composta dai governi nazionali di 189 Paesi ed è stato istituito nel 1945 a seguito degli accordi raggiunti nella Conferenza di Bretton Woods del 1944, cui hanno partecipato le potenze Alleate nella seconda Guerra mondiale.

Gli organi principali dell'Fmi, sono:

— il "Consiglio dei governatori" (Board of Governors) a composizione plenaria;

— il "Consiglio esecutivo" (Executive Board), composto dai 24 direttori esecutivi (Executive Directors);

— il direttore operativo (Managing Director).

Rientrano tra i fini statutari dell'Fmi:

— la promozione della cooperazione monetaria internazionale;
— l'agevolazione del commercio internazionale;
— l'articolazione della stabilità e dell'ordine dei rapporti di cambio, al fine di evitare svalutazioni competitive;
— l'offerta di risorse, tramite adeguate garanzie, a favore degli Stati membri per fronteggiare difficoltà della bilancia dei pagamenti;
— la predisposizione d'iniziative tese a favorire la riduzione di eventuali squilibri delle bilance dei pagamenti degli Stati membri.

Il Fondo monetario internazionale è diretto da Christine Lagarde ed ha la sua sede centrale a Washington.

Ultimo aggiornamento 02 novembre 2016

Ultime notizie su Fmi
    • News24

    L'Fmi boccia la Trumponomics: la crescita Usa frenerà all'1,7% in cinque anni

    L'Fmi entra tuttavia anche a piedi uniti sulle ricette soggettive prescritte da Trump e dai suoi consiglieri sul fronte fiscale: la proposta di draconiani tagli nel budget federale viene giudicata "antitetica" all'obiettivo di promuovere la "prosperità e la sicurezza" per tutte le fasce della popolazione, .

    – di Marco Valsania

    • News24

    Una «flat tax» al 25%, via Irap-Imu: fisco più semplice e più equo

    Anche il presidente della Repubblica ci ha recentemente ricordato l'importanza di una riforma fiscale «per rendere il nostro sistema più semplice ed efficiente». E con lui il Fondo monetario internazionale. Il sistema fiscale italiano costituisce ormai un freno non più sostenibile per l'economia

    – di Nicola Rossi

    • News24

    Se la curva del debito va in testacoda

    Questo perché difatti la repubblica ellenica, non fosse stato per i prestiti di Bce, Ue e Fmi, sarebbe risultata insolvente.

    – Vito Lops

    • News24

    Gentiloni: Italia sfrutti aggancio ripresa Ue, rilanciare edilizia ecosostenibile

    «Abbiamo un'occasione straordinaria rappresentata dal fatto che l'andamento economico dell'Europa è migliore del previsto e l'Italia, sia pura a fatica, si è agganciata a questo andamento, ma per non perdere questa occasione abbiamo bisogno di proseguire l'impegno, di spingere sulla crescita del

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Onu, Atene blocca la condanna Ue alla Cina sul rispetto dei diritti umani

    La vicenda del debito greco estende i suoi effetti negativi alla politica estera dell'Unione europea. La Grecia ha bloccato a sorpresa una dichiarazione dell'Ue alle Nazioni Unite che criticava le violazioni dei diritti umani da parte della Cina. Una decisione che secondo alcuni diplomatici

    – di Vittorio Da Rold

    • News24

    Risorse scarse da concentrare sulla crescita

    Se, come sottolinea il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, le risorse a disposizione della prossima manovra di bilancio sono esigue, allora occorre concentrarle nel sostegno alla crescita. Lo impongono i numeri che, stando alle ultime stime del Fmi, vedono il Pil in aumento quest'anno di un

    – Dino Pesole

    • News24

    Fmi: bene la ripresa in Eurozona, Italia vada avanti con le riforme

    FRANCOFORTE - I Paesi dell'area euro "in ritardo" devono mettere in atto riforme per aumentare la produttività che possono essere incentivate con il sostegno di fondi europei strutturali e di investimento. Inoltre, i Paesi ad alto debito devono risanare i conti pubblici in modo graduale e

    – dal nostro corrispondente Alessandro Merli

    • News24

    Nasdaq in rosso non frena l'Europa, a Milano (+0,45%) banche deboli

    Chiusura in rialzo per le Borse europee (segui qui i principali indici), nonostante Oltreoceano i titoli tecnologici siano ancora una volta stati colpiti dalle vendite. Il Dow Jones, comunque, sta tenendo le posizioni, a dispetto dei timori sulla stabilità dell'amministrazione di Donald Trump,

    – di Eleonora Micheli

1-10 di 6488 risultati