Persone

Enrico Rossi

Nato a Bientina (Pisa), il 25 agosto del 1958, Enrico Rossi è stato eletto alle amministrative del 2010 presidente della regione Toscana, come esponente del Partito Democratico e capofila di una coalizione comprendente lo stesso Pd, Italia dei Valori, Sinistra Ecologia e Libertà e Federazione della sinistra. Dopo la laurea in filosofia a Pisa nel 1985, Enrico Rossi ha iniziato l’attività di giornalista presso la redazione del quotidiano regionale Il Tirreno. Poco dopo ha deciso però di dedicarsi a tempo pieno alla politica, nominato assessore e vicesindaco al comune di Pontedera (Pisa). Dal 1990 al 1999, Enrico Rossi ha ricoperto poi la carica di sindaco della stessa cittadina toscana, che ha lasciato nel 2000 quando è nominato assessore alla Sanità della regione Toscana: ha mantenuto questo ruolo fino al 2010, durante entrambi i mandati di presidente regionale del suo predecessore Claudio Martini, ottenendo apprezzamenti per il suo operato di amministratore anche dal ministro Giulio Tremonti.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Enrico Rossi
    • News24

    Dopo 15 anni la Toscana dice no al rigassificatore di Rosignano

    Ora la Giunta regionale mette la parola "fine" sull'investimento da 650 milioni di euro: con una delibera di pochi giorni fa, promossa dal presidente Enrico Rossi, ha espresso all'unanimità parere negativo sulla realizzazione del progetto ritenendo «non opportuno l'incremento che produrrebbe sull'attuale livello delle pressioni sulle matrici ambientali dell'area».

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Firenze: patto di scopo 4.0 per accelerare la ripresa

    «Gli sforzi di cambiamento e di innovazione delle imprese devono andare di pari passo con quelli del territorio», ha sottolineato Salvadori di fronte al sindaco, Dario Nardella, al presidente della Regione, Enrico Rossi, al rettore dell'Università, Luigi Dei, ai presidenti della Fondazione Cassa risparmio, Umberto Tombari, del Tribunale, Marilena Rizzo, della Camera di commercio Leonardo Bassilichi.

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Legge elettorale, asse Pd-Fi-M5s per il modello tedesco

    Prende sempre più quota la riforma del sistema elettorale verso un modello in stile tedesco (proporzionale con soglia di sbarramento al 5%, più possibili correttivi in via definizione), con un sempre più probabile asse Pd-Forza Italia-M5s. Gli azzurri hanno fatto già sapere di essere della partita

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Investimento americano per un resort di lusso nel Mugello: 170 milioni

    Dieci anni trascorsi tra rimpalli politici e burocratici, prima di intravedere il via a un investimento destinato a far crescere territorio e occupazione. L'italico "vizio" di ostacolare lo sviluppo si è riproposto nell'attraente Toscana, dove la famiglia argentina Lowenstein, proprietaria di un

    – di Silvia Pieraccini

    • News24

    Scissione Mdp avanti piano: la mappa della frattura con gli ex compagni del Pd

    Scissione avanti piano. A quasi un mese e mezzo dalla nascita di Articolo 1-Movimento Democratico e Progressista, in 11 consigli regionali sì è già consumata la frattura con gli ex compagni del Pd. Tuttavia, solo in quattro regioni (Piemonte, Toscana, Lazio e Puglia) l'emorragia è stata di

    – di Andrea Marini

    • News24

    Pd, Renzi: vittoria larga, ora spingeremo ancor più di prima

    Nessun ombra sul voto. A saracinesche abbassate dei circoli Matteo Renzi ringrazia nell'e-news per la «vittoria larga e bella» delle primarie. «Abbiamo passato quattro mesi non facili: sentirsi accerchiato da tanto affetto e condivisione sinceramente è molto toccante, dal punto di vista umano prima

    – di Nicola Barone

    • News24

    Se anche Calenda si arrende alla politica dei campanili

    Due Saloni della Nautica sono un clamoroso autogol. Il Piano per la promozione del made in Italy, fortemente voluto nel 2014 dall'allora vice-ministro Calenda, poggiava su una misura altrettanto fortemente voluta dalle imprese : un Piano Fiere da 76 milioni di euro in tre anni che rompeva con la

    – di Lello Naso

    • News24

    Mattarella: «La coscienza del limite rende la democrazia più solida»

    «C'è una trama di relazioni umane che preesiste alle istituzioni, e verso le quali le istituzioni devono avere rispetto per comprenderle, interpretarle e tutelarne la libertà. La coscienza del limite è un elemento che rende la democrazia più solida, non più debole», ed era anche «una delle

1-10 di 414 risultati