Persone

Enrico Mentana

Nato a Milano il 15 gennaio 1955, Enrico Mentana ha iniziato la carriera da giornalista come direttore di “Giovane Sinistra”, la rivista della federazione giovanile socialista. Entrato in Rai presso la redazione esteri del Tg1 nel 1980, ha fatto il suo esordio in video l’anno dopo. Dopo esser stato inviato del Tg1, Enrico Mentana viene nominato capo dei servizi e poi vicedirettore del Tg2. Dopo 11 anni in Rai, nel 1992 passa a Mediaset, dove gli sono affidati la direzione e il varo del telegiornale di Canale 5, il Tg5. Negli anni passati a Mediaset Enrico Mentana ha condotto e curato anche altri spazi di approfondimento, tra i quali “Braccio di ferro" e “Terra!”. Nel 2004 è lui stesso ad annunciare in diretta le dimissioni da direttore: l’anno dopo debutta con il programma di approfondimento “Matrix”. Nel febbraio del 2009, in seguito alla morte di Eluana Englaro - caso mediatico di una ragazza deceduta dopo essere rimasta in stato vegetativo per 17 anni - Enrico Mentana, in aperta polemica con l’azienda, ha abbandonato definitivamente Mediaset. Dal luglio 2010 è il direttore del Tg di La7.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Enrico Mentana
    • News24

    Galassia M5S: due forni anche al think tank di Ivrea

    L'anno scorso era l'esordio del volto M5S in doppiopetto, ansioso di accreditarsi con l'establishment e il mondo produttivo. Quest'anno la seconda edizione di "Sum" - promossa domani a Ivrea dall'associazione Gianroberto Casaleggio fondata dal figlio Davide e da sua madre - è il suggello di quella

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Galassia M5S: a Ivrea va in scena un think tank bipartisan

    L'anno scorso era l'esordio del volto M5S in doppiopetto, ansioso di accreditarsi con l'establishment e il mondo produttivo. Quest'anno la seconda edizione di "Sum" - promossa sabato a Ivrea dall'associazione Gianroberto Casaleggio fondata dal figlio Davide e da sua madre - è il suggello di quella

    – di Manuela Perrone

    • Info Data

    Scopri se sei anche tu un analfabeta funzionale?

    Sanno leggere e scrivere, ma hanno difficoltà a comprendere testi semplici e sono privi di molte competenze utili nella vita quotidiana. Hanno più di 55 anni, sono poco istruiti e svolgono professioni non qualificate. Oppure sono giovani che non studiano né lavorano. Sono gli analfabeti funzionali o low skilled e in Italia sono più del 47% della popolazione. Con questo termine si indica l'incapacità di un individuo di usare in modo efficiente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle...

    – Master24

    • Info Data

    Sei anche tu un analfabeta funzionale?

    Sanno leggere e scrivere, ma hanno difficoltà a comprendere testi semplici e sono privi di molte competenze utili nella vita quotidiana. Hanno più di 55 anni, sono poco istruiti e svolgono professioni non qualificate. Oppure sono giovani che non studiano né lavorano. Sono gli analfabeti funzionali o low skilled e in Italia sono più del 47% della popolazione. Con questo termine si indica l'incapacità di un individuo di usare in modo efficiente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle...

    – Master24

    • News24

    Così l'Italia chiude col passato: addio regioni rosse e re delle preferenze al Sud

    Forse il titolo più significativo delle elezioni del 5 marzo 2018 è quello di Enrico Mentana che alle 6 del mattino legge la nuova mappa d'Italia alla luce dei primi risultati: «Tutto il Sud tranne Agropoli», il movimento Cinque Stelle domina il mezzogiorno come non si vedeva dai tempi della Dc. Il

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Politici sempre in tv, ma lo scontro tra leader va in soffitta: l'ultimo risale al 2006

    Gli ultimi sono stati ieri il premier Paolo Gentiloni, ospite di Bruno Vespa a Porta a Porta. E Silvio Berlusconi al Tg delle 20 su Canale 5 e Matteo Salvino a Quinta Colonna. Complice la fine del finanziamento pubblico che ha prosciugato i canali della campagna elettorale, i leader politici

    – di A. Gagliardi e A. Marini

    • News24

    Da Mulè a Cerno, la pattuglia dei giornalisti candidati

    La notizia ha colto di sorpresa in molti nel mondo dell'editoria. Tommaso Cerno, condirettore di Repubblica dal 25 ottobre scorso, sarà candidato del Pd alle elezioni politiche del 4 marzo. L'annuncio è arrivato dallo stesso giornalista che in un tweet ha spiegato di aver scelto «di portare le sue

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Sicilia, squadra, oppositori interni: per Di Maio la sfida comincia ora

    Un campanello d'allarme è già suonato: secondo il sondaggio Emg diffuso ieri da Enrico Mentana per il tg di La7, il M5S ha perso l'1,2% in una settimana ed è stato sorpassato dal Pd. Segno che se la conquista dello scettro di candidato premier e capo politico del Movimento è stata facile e

    – di Manuela Perrone

    • News24

    Prodi: «L'attacco personale è tipico dei momenti di frammentazione»

    Per la politica manipolare i media è sempre stata una grande tentazione: dalla fabbrica del consenso di Mussolini fino ai seguaci di Grillo che cavalcano la rabbia sui social. Fabio Martini nel libro "La fabbrica delle verità" - L'Italia immaginaria della propaganda da Mussolini a Grillo - racconta

    – di Nicoletta Cottone

1-10 di 238 risultati