Persone

Enrico Mattei

Enrico Mattei è stato un alto dirigente d'azienda italiano morto in circostanze poco chiare nel 1962. A quell'epoca era a capo dell'ENI, Ente Nazionale Idrocarburi, dallo stesso Mattei fondata nel 1953. Alla guida dell'ENI, e prima ancora dell'Agip, Mattei si è contraddistindo per la lungimiranza della sua gestione, per l'energicità della sua azione e per i metodi non proprio convenzionali. Durante la presidenza dell'ENI, Mattei ha dato all'Italia una solida industria petrolifera, ha aperto al nucleare, ha trovato ampi giacimenti in Italia e all'estero. Soprattutto all'estero l'attività di Mattei è risultata particolarmente importante, avendo concluso accordi con i maggiori produttori di petrolio e avendo conquistato un ruolo importante per l'industria petrolifera italiana a livello mondiale. Proprio questa sua attività internazionale non era però gradita alle grandi multinazionali petrolifere, le cosiddette “sette sorelle”, che non vedevano di buon grado un'intromissione nel loro oligopolio. Prima di fondare l'ENI Mattei era stato per diversi anni a capo dell'Agip, poi confluita nell'ENI. Anche in questo caso la vicenda è stata rocambolesca e rappresentativa del modo di fare e della personalità di Mattei. Chiamato nel 1945 per liquidare l'Agip, Mattei si era accorto delle grandi potenzialità dell'azienda pubblica e invece di procedere alla liquidazione ne aveva avviato un piano di rilancio, culminato con la scoperta di nuovi pozzi petroliferi e, successivamente, con la costituzione dell'ENI. Mattei è morto nel 1962 in un incidente aereo,in circostanze poco chiare. Si è trattato probabilmente di un atto doloso anche se, tutt'oggi, non è chiaro chi sia stato il mandante. La storia presenta tuttavia molti indiziati, infastiditi dall'attivismo e dai successi di Enrico Mattei.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Enrico Mattei
    • News24

    I giovani inventano il futuro sostenibile

    Dal sistema di intelligenza artificiale per diagnosticare l'Alzheimer al modulo installabile in facciata e sui balconi per la coltivazione di vegetali. Dal sistema per ridurre gli imballaggi alla piattaforma di partecipazione civica. Sono 19 le idee progettuali vincitrici di «Youth in Action for

    • News24

    Dai giovani 18 progetti per uno sviluppo sostenibile

    Sono 18 le idee progettuali vincitrici di «Youth in Action for Sustainable Development Goals», il concorso che permetterà ai giovani under 30 di acquisire nuove competenze nell'ambito della sostenibilità e di svilupparle all'interno di grandi aziende e realtà appartenenti al mondo del non profit.Il

    – di Francesco Prisco

    • News24

    I territori del margine al centro dello sviluppo sostenibile

    I lettori dei microcosmi diranno: «Ma come l'ennesimo festival?». Dopo città impresa di Vicenza, quello dell'Asvis (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile) che per di più si aggira per il Paese mobilitando forze sociali, fondazioni e imprese in una maieutica per lo sviluppo sostenibile?

    – di Aldo Bonomi

    • Agora

    Cineturismo: da Ravello a Vieste e Matera #Igers scatenati con #WonderWomanMovieTour

    Cinema e turismo binomio stretto e significativo. La dimensione social esalta e amplifica le potenzialità dell'evento mediatico. E' il caso di Wonder Woman in uscita in questi giorni e con scene girate in alcune regioni d'Italia. Ora decollano i tour sull'onda dei fan di Instragram. Di seguito la nota sull'iniziativa che si sviluppa su tre regioni. In occasione dell'uscita mondiale di "Wonder Woman" prodotto dalla Warner Bros. Entertainment e del Wonder Woman Day, il 4 Giugno si svolgerà il...

    – Vincenzo Chierchia

    • News24

    Giovani in campo per disegnare lo sviluppo sostenibile

    Non poteva esserci giorno migliore della Giornata nazionale del paesaggio per lanciare il bando rivolto ai giovani under 30 per la presentazione di progetti di sviluppo sostenibile. Spesso, infatti, lo sviluppo è stato - ed è ancora - proprio una delle variabili che mette a rischio sostenibilità,

    – di c. a. f.

    • News24

    Da Bari a Milano, i tentativi per legare l'economia che cambia e i territori in crisi

    A volte, leggendo i numeri delle statistiche su Pil, export, produttività, si ha l'impressione di essere tornati al vecchio dualismo tra un Nord capace di stare agganciato al club della "prima Europa" e un Sud che arretra, con la vecchia Terza Italia del capitalismo molecolare ormai eclissata e

    – di Aldo Bonomi

    • News24

    Da Bari a Milano i tentativi per legare economia e territori

    A volte, leggendo i numeri delle statistiche su Pil, export, produttività, si ha l'impressione di essere tornati al vecchio dualismo tra un Nord capace di stare agganciato al club della "prima Europa" e un Sud che arretra, con la vecchia Terza Italia del capitalismo molecolare ormai eclissata e

    – di Aldo Bonomi

    • News24

    Privatizzazioni, solo la Ue rallenta

    L'andamento è a due facce. Se a livello mondiale la corsa alle privatizzazioni (per ora) non conosce tregua, trainata dalla Cina, in Europa nel biennio 2015-2016 la spinta rallenta. Qualcosa, però, sta cambiando, come suggeriscono le previsioni per il 2017, che si preannuncia un anno ricco di

    – Chiara Bussi

    • News24

    La «formula Mattei» per lo sviluppo dei popoli

    C'è stato un momento nella storia del Novecento in cui l'Università Cattolica di Milano ha svolto un ruolo, se non decisivo, sicuramente determinante per le sorti del nostro Paese. Questo momento abbraccia almeno due decenni - tra gli anni Trenta e i Cinquanta/Sessanta - e rappresenta una fase in

    – di Giuseppe Lupo

    • News24

    Più energia alla cooperazione

    L'attuale crisi migratoria e gli altri devastanti postumi delle cosiddette "Primavere arabe" illustrano in modo tragico, ma chiaro, la necessità di un nuovo approccio di cooperazione da parte dell'Europa nell'area del Mediterraneo. L'Europa deve urgentemente ripensare le proprie politiche

    – Simone Tagliapietra

1-10 di 193 risultati