Persone

Enrico Mattei

Enrico Mattei è stato un alto dirigente d'azienda italiano morto in circostanze poco chiare nel 1962. A quell'epoca era a capo dell'ENI, Ente Nazionale Idrocarburi, dallo stesso Mattei fondata nel 1953. Alla guida dell'ENI, e prima ancora dell'Agip, Mattei si è contraddistindo per la lungimiranza della sua gestione, per l'energicità della sua azione e per i metodi non proprio convenzionali. Durante la presidenza dell'ENI, Mattei ha dato all'Italia una solida industria petrolifera, ha aperto al nucleare, ha trovato ampi giacimenti in Italia e all'estero. Soprattutto all'estero l'attività di Mattei è risultata particolarmente importante, avendo concluso accordi con i maggiori produttori di petrolio e avendo conquistato un ruolo importante per l'industria petrolifera italiana a livello mondiale. Proprio questa sua attività internazionale non era però gradita alle grandi multinazionali petrolifere, le cosiddette “sette sorelle”, che non vedevano di buon grado un'intromissione nel loro oligopolio. Prima di fondare l'ENI Mattei era stato per diversi anni a capo dell'Agip, poi confluita nell'ENI. Anche in questo caso la vicenda è stata rocambolesca e rappresentativa del modo di fare e della personalità di Mattei. Chiamato nel 1945 per liquidare l'Agip, Mattei si era accorto delle grandi potenzialità dell'azienda pubblica e invece di procedere alla liquidazione ne aveva avviato un piano di rilancio, culminato con la scoperta di nuovi pozzi petroliferi e, successivamente, con la costituzione dell'ENI. Mattei è morto nel 1962 in un incidente aereo,in circostanze poco chiare. Si è trattato probabilmente di un atto doloso anche se, tutt'oggi, non è chiaro chi sia stato il mandante. La storia presenta tuttavia molti indiziati, infastiditi dall'attivismo e dai successi di Enrico Mattei.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Enrico Mattei
    • Econopoly

    Big data, l'Italia è un'immensa miniera ma non ha minatori!

    Negli ultimi mesi si è parlato spesso di web tax. Una tassa che avrebbe dovuto riequilibrare (per usare un termine gentile) il disordine (involontario, si intende) che esiste tra le società che operano facendo ricavi e pagano le tasse in Italia e quelle "digitali", che hanno spesso una sede in una nazione europea dove la tassazione corporativa è particolarmente vantaggiosa (per esempio, l'Irlanda). Stando a quello che si legge in un articolo del Sole 24 Ore la webtax non influenzerà la vendita ...

    – Enrico Verga

    • News24

    L'importanza della «filiera africana»

    A essere un po' maliziosi ma anche realisti si potrebbe affermare che il viaggio del primo ministro Paolo Gentiloni in Africa è segnato da una diplomazia "a tutto gas", in gran parte con il marchio Eni. Non c'è niente di esotico in questa missione.

    – di Alberto Negri

    • News24

    Garage Italia, Lapo Elkann inaugura la nuova sede a Milano con Cracco

    Le parole che Lapo Elkann usa più spesso per presentare la nuova sede di Garage Italia sono: spirito di squadra, amore per l'Italia, attenzione ai dettagli. La sede dell'avventura imprenditoriale di Lapo Elkann, pensata per customizzare tutto ciò che si muove, dalle auto alle moto, dalle barche

    – di Giulia Crivelli

    • News24

    Un metodo per imprenditori capaci

    Cinquant'anni fa nasceva l'Istao (Istituto Adriano Olivetti), una delle prime esperienze in Italia con corsi post-laurea economico-aziendali: una creatura di Giorgio Fuà, economista che di cultura imprenditoriale e d'alta formazione s'intendeva. Nel 1959, aveva costituito la Facoltà di Economia ad

    – di Carlo Carboni

    • Agora

    Figc, prosegue il progetto da 9 milioni dei Centri Federali Territoriali: a ottobre dieci nuove strutture

    Dieci strutture da inaugurare nel mese di ottobre: la Figc è pronta a tagliare i nastri per l'apertura dei nuovi Centri Federali Territoriali, i poli di eccellenza per la formazione tecnico-sportiva di giovani calciatori e calciatrici di età tra i 12 e i 14 anni, già operativi in venti strutture su tutto il territorio nazionale. Nei prossimi giorni ne verranno aperte altre dieci: si parte dal 4 ottobre con il centro di Gela (Caltanissetta) presso il campo sportivo "Enrico Mattei", a cui faranno ...

    – Marco Bellinazzo

    • News24

    Italgas, 180 anni di storia e mercato

    Sono sempre stati anche nel lontano passato a corrente alternata i rapporti economici fra i due versanti delle Alpi. Ma nel corso di un tornante politico cruciale come il decennio preunitario la convergenza di interessi stabilitasi in un nuovo campo d'attività, quello dell'industria del gas,

    – di Valerio Castronovo

    • News24

    Una scossa all'Africa sub-sahariana

    Tra il G7 di Taormina e il G20 di Amburgo, nel 2017 il tema dell'Africa si è imposto al centro dell'agenda internazionale. La crisi migratoria ha infatti risvegliato, particolarmente in Europa, l'attenzione sul continente, sulle sue problematiche e sulle sue prospettive future.

    – Simone Tagliapietra

    • NovaOther

    La consapevolezza dell'acqua

    Con il riscaldamento del clima, l'acqua diventa una risorsa sempre più preziosa, tanto che uno dei nove limiti planetari più vicini ad essere infranti è proprio il tasso annuo di consumo d'acqua dolce per chilometro quadrato, in base allo schema messo a punto dallo Stockholm Resilience Center per monitorare i segni vitali del pianeta. Se oggi sono 800 milioni le persone a corto di acqua (11% dell'umanità), soprattutto in Africa, Asia e America Latina, nel 2050 saranno 4 miliardi (45% dell'umanit...

    – Elena Comelli

    • News24

    Diplomazia del gas contro le guerre

    L'Eni è un attore geopolitico per eccellenza, l'unico che abbiamo di questa portata. E' il motore degli interessi strategici dell'Italia nel mondo, ha detto qualche mese fa il presidente del Consiglio Gentiloni, il primo capo di un governo italiano a entrare nel quartiere generale di San Donato.

    – di Alberto Negri

1-10 di 203 risultati