Aziende

Eni

Eni, Ente Nazionale Idrocarburi, è una società per azioni attiva nel settore del petrolio, del gas e dell'elettricità.

È una delle più grandi aziende italiane per fatturato e capitalizzazione di borsa, ed è inoltre una delle più grandi compagnie petrolifere al mondo. È quotata alla borsa di Milano ed alla borsa di New York.

Eni è stata fondata nel 1953 come ente statale, per dare un nuovo assetto all'intervento statale nel settore degli idrocarburi, precedentemente affidato all'Agip.

I primi anni di Eni sono stati all'insegna dello storico presidente Enrico Mattei, che le ha dato un dinamismo insolito per un ente statale e l'ha portata a competere sui mercati internazionali affrontando le cosiddette “sette sorelle”, fino alla sua misteriosa morte.

Sebbene l'Eni sia stata privatizzata e collocata in borsa, rimane ancora oggi sotto controllo statale.

La storia dell'Eni è legata a filo doppio a quella del nostro paese, in particolare nei primi anni, quelli del boom economico e dell'esplosione del mercato delle auto.

Basti pensare ai motel Agip, punto di riferimento in molte città italiane per generazioni di automobilisti. O all'inconfondibile simbolo del cane a sei zampe, che secondo le intenzioni dell'autore rappresenta l'unione delle quattro ruote dell'auto e delle due gambe del conducente. Le sei gambe inoltre richiamano tradizioni mitologiche dove sono simbolo di forza.

Anche alcune sedi dell'Eni hanno lasciato una traccia indelebile nel paesaggio italiano, come quella all'Eur di Roma o a San Donato Milanese, accanto alla quale è sorta una cittadella soprannominata “Metanopoli”.

Oggi Eni è un'azienda su scala globale che opera in tutto il mondo e conclude importanti accordi di investimento, ricerca e sfruttamento con diversi paesi produttori.

Presidente di Eni è Emma Marcegaglia, mentre amministratore delegato è Claudio Descalzi.

Ultimo aggiornamento 11 gennaio 2017

Ultime notizie su Eni
    • News24

    Pil Usa limita vendite in Borsa. Milano a -0,4% con Eni pesante

    Il calo di Eni e dei bancari porta Milano al terzo calo consecutivo in una seduta fiacca per i listini azionari europei che hanno chiuso comunque lontani dai minimi grazie al miglioramento della stima sul Pil americano del I trimestre (rivisto da +0,7% a +1,2%). Il FTSE MIBha ceduto lo 0,38%. Le

    – di E. Micheli e A. Fontana

    • News24

    Governo Gentiloni il più povero del decennio

    Quando ieri a Villa Taverna Paolo Gentiloni ha stretto la mano a Donald Trump aveva di fronte a sé non solo l'uomo più potente al mondo ma anche il presidente degli Stati Uniti che ha messo insieme la squadra di governo più facoltosa nella storia degli Usa: il valore della ricchezza dei "ministri"

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Petrolio sotto 50$ dopo accordo Opec. Milano chiude a -0,4%

    Il dietrofront del petrolio dopo l'accordo previsto tra i Paesi Opec per l'estensione a marzo 2018 degli accordi sui tagli alla produzione fa scattare forti vendite sul barile di greggio e determina una seduta sottotono per le Borse europee. A New York il prezzo dell'oro nero è tornato sotto i 50

    – di C. Di Cristofaro e A.Fontana

    • News24

    Tunisia, violenti scontri per sfruttare di più i giacimenti di petrolio

    Scontri, violenze e perfino un morto in Tunisia per le proteste dei comitati popolari che chiedono di sfruttare di più e meglio i giacimenti di petrolio e metano e per ridistribuirne la ricchezza fra la popolazione, soffocata da povertà e disoccupazione.In Italia i comitati nimby concentrano le

    – di Jacopo Giliberto

    • News24

    Calenda a Confindustria: ok detassare produttività. Al voto in tempi giusti

    «Parlare di crescita e sviluppo dopo quanto accaduto a Manchester è difficile. Speravamo di non dover più vedere accadere sul nostro Continente a barbarie degne del secolo scorso». Esordisce così il ministro dello sviluppo economicoCarlo Calenda all'assemblea di Confindustria, sottolineando nel suo

    • Agora

    petrolio ai poveri. in tunisia proteste (e un morto) per sfruttare di più i giacimenti.

    mentre in italia è osteggiato dai comitati nimby non l'uso inquinante del petrolio bensì lo sfruttamento dei giacimenti nazionali di metano e di greggio, in tunisia il popolo chiede di sfruttare di più la risorsa del sottosuolo per condividerla con i poveri, in modo da distribuire un po' di benessere fra i tunisini soffocati dalla disoccupazione. è il movimento uinou el-pétrol, dov'è il petrolio. perfino i cantanti e i rapper tunisini aderiscono alla protesta per il petrolio. ecco qui sotto un b...

    – Jacopo Giliberto

    • News24

    La Sardegna con il metano diventa area pilota per il controllo dello zolfo

    Da una parte il metano dall'altra lo zolfo. La Sardegna viene ricompresa nella Strategia energetica nazionale con il progetto per la metanizzazione dell'isola e individuata quale possibile pilota di area di controllo delle emissioni di Zolfo (Seca) nel Mediterraneo. Un risultato che

    – di Davide Madeddu

    • News24

    Eni al top dei brand italiani, che valgono nel complesso 94 miliardi

    Eni vale più di Enel. Ed entrambe in classifica vengono prima di Gucci, Tim e Ferrari. Per niente scontata la valutazione dei singoli marchi da parte di Brand Finance, che nel complesso assegna ai primi 50 maggiori marchi italiani un valore di 94 miliardi di euro. Il valore è la somma di quattro

    – di Monica D'Ascenzo

1-10 di 5575 risultati