Persone

Emma Bonino

Emma Bonino è nata il 9 marzo del 1948 a Bra (CN) ed è una politica italiana.

Dal 28 aprile del 2013 al 22 febbraio del 2014 è stata ministro degli Esteri della Repubblica italiana nel governo Letta.

Esponente del Partito dei Radicali è stata anche deputato di Lista Emma Bonino e di Rosa nel pugno, ha avuto ruoli ministeriali nel governo Prodi II e incarichi europei.

È stata membro della 13esima Commissione permanente (territorio, ambiente, beni ambientali) e Presidente della Commissione per la parità e le pari opportunità nel Senato.

Emma Bonino si è laureata nel 1972 in Lingue e letterature moderne alla Bocconi di Milano.

Nel 1975 ha fondato il Centro informazione sulla sterilizzazione e l’aborto. L’anno successivo è entrata alla Camera nelle fila del Partito Radicale, del quale è stata presidente del gruppo al Parlamento e membro dell’Ufficio di Presidenza.

Nel 1979 è stata eletta al Parlamento Europeo, dove è rimasta fino al 2006.

Dal 1989 al 1993 è diventata presidente del Partito Radicale Transnazionale e due anni più tardi, grazie all'appoggio di Berlusconi, è stata nominata Commissario Europeo.

Nel 2004 è rientrata al Parlamento Europeo per la Lista Bonino.

Alle elezioni del 2006 si è presentata con la lista Rosa nel pugno, si è dimessa dal Parlamento Europeo ed è diventata ministro delle Politiche Europee e del Commercio internazionale con competenze in Politiche Europee del governo Prodi II.

Alle elezioni del 2008 è stata eletta al Senato come capolista del Pd in Piemonte ed è diventata vicepresidente del Senato.

Nel 2010, Emma Bonino ha lanciato la sua candidatura alla presidenza del Lazio, elezione vinta da Renata Polverini.

Nel 2013 si candida alla elezioni politiche nella lista "Amnistia e Libertà", ma non viene rieletta.

Il 14 Aprile del 2013 il Partito Socialista propone ufficialmente Emma Bonino come suo candidato alla Presidenza della Repubblica, la Bonino ottiene il sostegno tra gli altri di personalità illustri del mondo dello spettacolo e della cultura quali Sergio Castellitto, Margherita Hack, Renzo Arbore, Marco Bellocchio, Luca Argentero, Geppi Cucciar e Luca Barbareschi.

Il 12 gennaio del 2015 annuncia dai microfoni di Radio Radicale di essere affetta da una neoplasia polmonare che la costringerà ad un lungo ciclo chemioterapico.

Il 21 maggio dello stesso anno comunica, sempre dalla stessa emittente, il buon andamento della terapia e la remissione della malattia.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Emma Bonino
    • News24

    Nodo firme e votanti all'estero, ecco tutti gli intoppi del voto a luglio

    Il voto a luglio - domenica 8 o 22 che sia - comincia a far paura ai partiti. Lo sconsiglia in primo luogo il rischio astensionismo, messo in evidenza dallo stesso capo dello Stato. Ma lo rendono poco praticabile anche una serie di intoppi procedurali legati all'indizione delle elezioni:

    – di Mariolina Sesto

    • News24

    I numeri (impossibili) di un governo di tregua

    Da quanti numeri partirebbe il governo «neutrale» che il presidente della Repubblica vorrebbe mettere in campo per scongiurare un ritorno immediato alle urne e guidare il Paese fino all'inizio del 2019? Se ci si attiene alle dichiarazioni pubbliche dei leader politici di questi lunghi giorni di

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Gruppo misto, bacino di «riserva» per governi di minoranza

    Quello misto è il primo gruppo ad aver subito uno "scossone" in questo scorcio di legislatura. Partito con 36 membri, è sceso a quota 22 dopo la deroga concessa dall'Ufficio di presidenza della Camera alla costituzione del gruppo autonomo di Liberi e uguali (contava su 14 deputati, per regolamento

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Il nodo Siria alle consultazioni. Bonino: no a pericolosi ondeggiamenti

    La crisi in Siria irrompe nel secondo giro di consultazioni al Colle per la formazione del nuovo Governo. In queste ore in cui la tensione tra Usa e Russia aumenta emerge l'importanza di un governo con pieni poteri che possa gestire questo momento delicato dal punto di vista geopolitico. Da Grasso

    • News24

    Sinistra anno zero: perché ha perso il popolo e chi la sta sostituendo

    Nel bene e nel male, Matteo Renzi ha lasciato il segno due volte nella storia del Pd. Nessuno era riuscito a portare il centrosinistra così in alto e così in basso, dalla vertigine del 40% alle europee del 2014 al crollo sotto al 20% alle politiche del 4 marzo. Un'emorragia di cinque milioni di

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Fedeli e Binetti le prime senatrici a registrarsi

    La prima senatrice a registrarsi per la XVIII legislatura è stata la ministra dell'istruzione Valeria Fedeli al suo secondo mandato. Subito dopo è la volta di Paola Binetti, per la seconda volta senatrice, dopo due mandati alla Camera. E' stata eletta nella lista NcI-Udc nella circoscrizione Lazio.

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    «Onestà, fiducia, estremismo»: cosa cercano gli italiani nei leader politici

    Il principale difetto di Matteo Salvini? Per tre quarti degli elettori, «ha posizioni estreme». Il principale pregio di Matteo Salvini? Per un elettore leghista su due, «ha posizioni estreme». A quanto pare, più rilevanti delle competenze e della capacità di timonare una maggioranza di governo,

    – di Alberto Magnani

    • News24

    Elezioni 2018: Casini, Bonino e Prestigiacomo i decani del nuovo Parlamento

    Alle elezioni politiche del 1983 la Democrazia cristiana portò alla Camera due esordienti: uno si chiamava Sergio Mattarella; l'altro, più giovane (28 anni), era Pier Ferdinando Casini. Un quarto di secolo dopo il primo si ritrova al Quirinale a ricoprire il più alto ruolo istituzionale, il secondo

    – di Riccardo Ferrazza

1-10 di 955 risultati