Aziende

Emirates

Compagnia aerea di totale proprietà del governo di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, Emirates è un vettore internazionale che offre collegamenti per oltre un centinaio di destinazioni sparse tra Medio Oriente, Europa, Africa, Estremo Oriente, India e Nord America. Nata nel 1985 con due soli aerei, oggi Emirates ha una flotta che comprende 137 apparecchi e che la pone al sesto posto nella classifica mondiale delle compagnie aeree, stilata in base ai passeggeri per chilometro trasportati (dato del 2010). Emirates è anche una delle due principali società di Emirates Group, la holding controllata direttamente dal governo di Dubai e della quale fa parte anche Dnata, azienda che opera nel settore dell’organizzazione di viaggi in tutto il Medio Oriente e i cui oltre 8.000 dipendenti gestiscono servizi passeggeri, cargo, rampe e servizi tecnici per numerose compagnie aeree presso l'Aeroporto Internazionale di Dubai. Guidata fin dall’inizio della sua avventura dallo sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, attualmente Ceo di Emirates, la compagnia ha avuto uno sviluppo fondato sulla qualità dei servizi di bordo offerti ai passeggeri. La grande crescita economica della compagnia è partita all’inizio degli anni Novanta, quando Emirates ha firmato un accordo di partnership con Us Airways che le ha aperto il mercato dei voli internazionali. Nel 2005 ha inaugurato il primo volo diretto tra Dubai e New York, operato con un imponente Airbus 340-500. Attualmente vengono invece utilizzati dalla compagnia i nuovi apparecchi Airbus 380-800, con i quali sono raggiunte anche le altre intercontinentali destinazioni di Sydney, Toronto, Pechino e San Francisco. Nel 2008 è stata completata la costruzione del nuovo Terminal 3 dell’aeroporto internazionale di Dubai e al quale fanno capo tutte le principali tratte internazionali di Emirates.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

Ultime notizie su Emirates
    • News24

    Effetto petrolio sulle compagnie aeree: a rischio il 10% dei profitti del settore

    Il cigno nero delle compagnie aeree quest'anno sta alla voce petrolio. Per anni i vettori hanno approfittato della calma piatta del costo del carburante, ma da qualche mese il vento è cambiato. La Iata, l'associazione internazionale delle compagnie aeree, nel suo recente meeting annuale, ha

    – di Mara Monti

    • News24

    Premier League 2018/2019: inizio da incubo per l'Arsenal di Emery

    Molte delle squadre non sono ancora state definitivamente allestite (il Chelsea non ha ancora il nome del nuovo allenatore), ma è già tempo di pensare alla Premier League 2018/2019. E l'inizio è con il botto, soprattutto se consideriamo il calendario, sorteggiato questa mattina, dell'Arsenal. In

    – a cura di Datasport

    • News24

    Dubai riaccende il risiko bancario in Europa

    Riparte il risiko delle banche in Europa. E riparte dal Golfo Persico, che torna a fare shopping di istituti di credito. Stavolta è toccato a Dubai piazzare una pedina strategica nello scacchiere bancario dell'Europa, stretta tra i populismi e la zavorra degli Npl: Emirates NBD, la più grande banca

    – di Simone Filippetti

    • Econopoly

    Battere la crisi: tre rischi e due mosse per chi vuole vedere più in là dell'estate

    Scritto con Damiano Terziotti e Gianmario Cinelli -  A prima vista, la crisi dell'Italia è politica - prima che istituzionale ed economica. La decisione del presidente della Repubblica di opporsi alla nomina a Ministro dell'Economia di Paolo Savona prefigura un periodo di tensione che finirà per dividere il Paese in "Élite" e "Popolo", "Europeisti" e "Sovranisti". Inevitabilmente, noi tutti ci troveremo costretti ad attribuirci una di queste soffocanti etichette, pur avvertendo di non appartene...

    – Alessandro Magnoli Bocchi

    • News24

    Rugby, Sudafrica: Kolisi diventa il primo capitano di colore della storia

    Cade un altro muro in Sudafrica. Rassie Erasmus, nuovo ct degli Springboks, la nazionale di rugby per decenni feudo dei bianchi, ha deciso di nominare capitano per il test match del 9 giugno contro l'Inghilterra, il 27enne di colore Siya Kolisi. Il terzo linea degli Stormers sarà il primo giocatore

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia 2018: si ritira Fabio Aru

    Finisce in anticipo il Giro d'Italia 2018 di Fabio Aru. L'azzurro dell'UAE Team Emirates si presentava alla partenza della diciannovesima tappa con addirittura 45'44" di ritardo rispetto all'attuale maglia rosa, indossata da Simon Yates della Mitchelton-Scott. Con la partenza prevista da Venaria

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia 2018: la VAR del ciclismo penalizza Fabio Aru

    Anche nel ciclismo c'è la VAR: la notizia era nota ad appassionati e addetti ai lavori dall'inizio del 2018, ma ora la tecnologia applicata alle due ruote è entrata prepotentemente in azione. L'occasione, dopo qualche lieve intervento su dei contatti in volata (non sanzionati), è nata nella 16a

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia, Aru non si arrende: "Arriverò fino a Roma"

    Un Giro d'Italia da dimenticare per Fabio Aru, crollato nel corso della quindicesima tappa della 'Corsa Rosa' ed arrivato sul traguardo di Sappada, al termine dei 176 km da Tolmezzo, con un ritardo di 19'32" da Simon Yates. Il sardo della Uae Emirates non è mai riuscito a restare agganciato alla

    – a cura di Datasport

    • News24

    Giro d'Italia, 14a tappa: Froome doma lo Zoncolan, Yates guadagna su Dumoulin

    Il re è tornato: è questo il grande verdetto dello Zoncolan, che ci restituisce un grande Chris Froome, capace di risorgere nella tappa più attesa e vincerla, guadagnando su tutti i rivali. Il britannico del Team Sky è il vincitore della 14a tappa, ma il vincitore morale è il suo connazionale Simon

    – a cura di Datasport

1-10 di 789 risultati