Persone

Emanuele Filiberto di Savoia

Emanuele Filiberto di Savoia è un discendente di Casa Savoia e un personaggio televisivo, attualmente molto popolare. Nato nel 1972 a Ginevra, ha vissuto in Svizzera, a causa dell’esilio previsto dalla Costituzione Italiana per i discendenti dell’ex casa reale, ed è per la prima volta entrato in Italia nel 2002, dopo la modifica della legge. Unico figlio di Vittorio Emanuele e di Marina Ricolfi Doria, oltre che nipote dell’ultimo re d’Italia, Umberto II, Emanuele Filiberto di Savoia si è diplomato al liceo in Svizzera presso l’Istituto Gamma e si è sposato nel 2003 con l’attrice francese Clotilde Courau, dalla quale ha avuto due figlie. Molto attivo nel mondo dello spettacolo come ospite televisivo in numerose trasmissioni, a partire da “Quelli che il calcio”, quindi nel varietà di Rai Uno “Ballando con le stelle”, nel 2010 è conduttore del talent show “I Raccomandati” insieme al cantante e showman Pupo, con il quale partecipa al Festival di Sanremo, arrivando al secondo posto. Nel 2009 candidatosi alle elezioni europee con l’Udc, non è stato eletto.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Emanuele Filiberto di Savoia
    • News24

    Nella primavera del 1624 Anton van Dyck andó al porto di Genova e si imbarcò su una nave che lo portó lungo la costa tirrenica fino a Palermo. Il

    – di Nicol Degli Innocenti

    • Viaggi 24

    Langhe, qui il cioccolato è una scienza

    Fu l'esercito del duca Emanuele Filiberto di Savoia, allora al servizio di Carlo V, a portare in Piemonte il cacao da poco scoperto in Messico dai conquistadores spagnoli. Allora si consumava come bevanda, ma furono proprio i torinesi a dargli forma solida e cioccolatosa. Poi, a inizio Novecento, le piccole pasticcerie subirono un processo di industrializzazione e si spostarono in cerca di spazio. Così, se nella città sabauda erano nati, nel 1852, i gianduiotti, fu

    – Claudio Agostoni

    • Viaggi 24

    Weekend a Torino per il Salone del Libro

    Aristocratica, formale, forse misteriosa, solo apparentemente immobile, Torino (Augusta Taurinorum dei Romani) è capitale: del Regno Sabaudo, dell'automobile, del Risorgimento, d'Italia (lo è stata dal 1861 al 1865). E della raffinata arte del cioccolato. Una città dalle varie sfaccettature, che si scopre al meglio seguendo la sua anima barocca, quella che oggi si mostra percorrendo i Pòrti dla pieuva, il nome che i torinesi doc danno ai portici della pioggia, quell

    – Anna Maria Gheroni

    • Viaggi 24

    Weekend a Torino per il Salone del Libro

    Aristocratica, formale, forse misteriosa, solo apparentemente immobile, Torino (Augusta Taurinorum dei Romani) è capitale: del Regno Sabaudo, dell'automobile, del Risorgimento, d'Italia (lo è stata dal 1861 al 1865). E della raffinata arte del cioccolato. Una città dalle varie sfaccettature, che si scopre al meglio seguendo la sua anima barocca, quella che oggi si mostra percorrendo i Pòrti dla pieuva, il nome che i torinesi doc danno ai portici della pioggia, quell

    – Anna Maria Gheroni

    • Viaggi 24

    Unità d'Italia a Torino, alla scoperta delle residenze dei Savoia

    PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI La sua costruzione si deve alla passione venatoria di Vittorio Amedeo II. Progettata da Filippo Juvarra, fu realizzata a partire dal 1729 con grande lusso e raffinatezza: stucchi, affreschi, boiserie, tappezzerie dipinte a mano. Imponente è il salone a pianta ovale: qui Amedeo e i suoi ospiti soggiornavano durante le numerose battute di caccia al cervo. Ed è proprio la statua di un cervo che troneggia in cima alla cupola del corpo ce

    • Viaggi 24

    Unità d'Italia a Torino, alla scoperta delle residenze dei Savoia

    PALAZZINA DI CACCIA DI STUPINIGI La sua costruzione si deve alla passione venatoria di Vittorio Amedeo II. Progettata da Filippo Juvarra, fu realizzata a partire dal 1729 con grande lusso e raffinatezza: stucchi, affreschi, boiserie, tappezzerie dipinte a mano. Imponente è il salone a pianta ovale: qui Amedeo e i suoi ospiti soggiornavano durante le numerose battute di caccia al cervo. Ed è proprio la statua di un cervo che troneggia in cima alla cupola del corpo ce

    • Cinema

    Onore a Rosi

    "J'aime la France", confessa il regista, insignito della medaglia di Villa Medici e la croce di Ufficiale della Legione

    – Federico Pontiggia

    • Cinema

    Onore a Rosi

    "J'aime la France", confessa il regista, insignito della medaglia di Villa Medici e la croce di Ufficiale della Legione

    – Federico Pontiggia

1-10 di 17 risultati