Persone

Elena Ferrante

Elena Ferrante (nata a Napoli nel 1943) è una scrittrice italiana, autrice di numerosi romanzi di successo pubblicati dalla casa editrice romana E/O e tradotti in molti Paesi. Suo il romanzo "Amore molesto" del 1991 dal quale il regista Mario Martone ha tratto il film omonimo. Dal romanzo successivo, "I giorni dell'abbandono", è stata realizzata la pellicola di Roberto Faenza. Nel volume "La frantumaglia" Ferrante racconta la sua esperienza di scrittrice. Nel 2006 le Edizioni E/O hanno pubblicato il romanzo "La figlia oscura", nel 2007 il racconto per bambini "La spiaggia di notte" e nel 2011 il primo capitolo dell'"Amica geniale", seguito nel 2012 dal secondo, "Storia del nuovo cognome", nel 2013 dal terzo, "Storia di chi fugge e di chi resta", e nel 2014 dal quarto e ultimo, "Storia della bambina perduta". Nel 2016 è stata indicata dalla rivista Time tra le 100 persone più influenti al mondo. Molto apprezzata negli Stati Uniti tra le sue estimatrici ci sono Hillary Clinton,Michelle Obama e numerosi divi di Hollywood.

Dietro lo pseudonimo Elena Ferrante si cela in realtà la traduttrice e saggista partenopea, Anita Raja, moglie dello scrittore Domenico Starnone. La sua vera identità, avvolta per oltre vent'anni anni nel mistero, è stata svelata il 2 ottobre del 2016 da un'ichiesta investigativa di Claudio Gatti del Sole 24 Ore pubblicata in contemporanea sulla «New York Review of Books», la «Frankfurter Allgemeine» e la francese «Mediapost». Il giornalista seguendo le tracce delle transazioni finanziarie della casa editrice è risalito appunto ad Anita Raja (sulla quale aleggiavano già i sospetti che circolavano nel milieu letterario) , figlia di un magistrato partenopeo e di una insegnante ebrea di origine polacca nata in Germania, traduttrice freelance dal tedesco delle edizioni E/O.

Ultimo aggiornamento 06 ottobre 2016

Ultime notizie su Elena Ferrante
    • News24

    Musica, brand e mistero: guida galattica al marketing «Liberato»

    Nessuno conosce il suo volto, perché è nascosto dal cappuccio di una felpa. Nessuno sa il suo vero nome, perché si presenta al pubblico dietro pseudonimo. Nessuno riesce a definire il suo genere musicale, perché impasta elettronica, hip hop e neomelodia napoletana. Liberato è il fenomeno musicale

    – di Francesco Prisco

    • News24

    Liberato, la Napoli dei cliché e i 3 misteri che ne spiegano il successo

    In quanti posti al mondo un musicista ignoto con il volto coperto, sei video su YouTube ma zero dischi pubblicati riesce a riunire 20mila persone per un concerto annunciato su Facebook soltanto sei giorni prima? Pochi, pochissimi presumibilmente. Ma tra questi posti c'è senza dubbio Napoli: la

    – di Francesco Prisco

    • Agora

    A Napoli si rivede Liberato: veste Converse (e beve Acqua Lete)

    Liberato è tornato. Liberato è cresciuto, come fosse il Masaniello di Pinotto Daniele. Dopo l'esplosione del fenomeno, risalente ormai a un anno fa con il video di «9 maggio» che nel frattempo ha fatto qualcosa come 8,6 milioni di visualizzazioni su YouTube e l'apparizione/non apparizione al MiAmi 2017, il ghost project musicale e visivo che ruota intorno a Napoli e al suo immaginario arriva a un punto di svolta, con le storie incrociate di «Intostreet» e «Je te voglio bene assaje» e soprattutto...

    – Francesco Prisco

    • News24

    Parigi e le magìe di Elsa

    C'è stato un momento, alla metà degli anni Ottanta, in cui la Francia ha riscoperto con entusiasmo la letteratura italiana, dopo l'amore, soprattutto cinematografico, per il neorealismo del dopoguerra. Calvino viveva spesso a Parigi, Moravia era di casa, ma gli editori andavano allora soprattutto a

    – Elisabetta Rasy

    • Agora

    Dieci ragioni per andare a Napoli tra Natale e Capodanno

    Napoli e in generale l'area partenopeo offrono a fine anno opportunità straordinarie. Sull'onda dell'arte della pizza patrimonio Unesco, delle atmosfere presepiali e dell'offerta storico culturale Napoli è fortemente consigliata per una vacanza in questo periodo. Di seguito la nota della Ddl studio che raggruppa, appunto, dieci buoni motivi per andare a Napoli. Arriva a Napoli la mostra multimediale in cui il visitatore è coinvolto a 360 gradi con una vera e propria immersione nei quadri d...

    – Vincenzo Chierchia

    • News24

    Il polo italiano che «misura» il boom di Amazon

    «Non uscite dalle postazioni senza il mio permesso. Se avete bisogno premete il tasto e io, appena vedo la luce rossa, vengo da voi. Mi raccomando: non voglio ripetermi». L'inizio, con la ragazza in pettorina gialla (quindi appartenente all' "area manager") che arringa i colleghi prima dell'inizio

    – di Andrea Biondi

    • News24

    Ferrante mania, cosa vedere nella Napoli dell'«Amica geniale»

    Cari amici de L'amica geniale, il «giorno x» è oggi: dal 2 al 4 ottobre, nei cinema italiani, sarà proiettato Ferrante Fever, il documentario di Giacomo Durzi dedicato al fenomeno Elena Ferrante, pseudonimo dietro al quale si nascondono forse la traduttrice napoletana Anita Raja, forse suo marito,

    – di Francesco Prisco

    • News24

    Il rifiuto della prosa «antica»

    Nelle ultime due settimane abbiamo azzardato un'incursione nel terreno dei temi di successo della narrativa degli ultimi vent'anni. Precariato, lotta armata, periferie di vario tipo: alla fine del percorso si rafforza quell'idea che maturava già all'inizio, quando parlavamo di dominanti formali.

    – di Gianluigi Simonetti

    • Agora

    Cosa hanno in comune Elena Ferrante e Banksy? Napoli

    Sono anni che si rincorre la vera identità della scrittrice Elena Ferrante. Anche di recente Domenico Starnone è stato tempestato di domande sul tema ma a tutti ha opposto il suo definitivo no a qualunque commento sull'argomento. C'è un'altra identità segreta che da tempo coinvolge Napoli ma di cui si parla poco sui giornali mainstream.  Roberto Del Naja, uno dei membri fondatori del gruppo Massive Attack,  è un grande tifoso del Napoli: in ogni CD, alla fine dei "credits" c'è scritto "Foza Napo...

    – Vitaliano D'Angerio

    • News24

    Ischia rallenta l'exploit del turismo campano

    Tutto bene, anzi benissimo, fino a quel maledetto 21 agosto. Il terremoto di magnitudo 4 che ha fatto tremare Ischia con gravi effetti, in particolare, su Casamicciola rischia di suonare come l'unica nota stonata di un'estate 2017 che per il turismo campano fino a quel punto era stata da

    – di Francesco Prisco

1-10 di 46 risultati