Ultime notizie:

Elena Comelli

    • NovaOther

    La catena alimentare va su blockchain

    L'anno scorso solo negli Stati Uniti 325mila persone sono finite in ospedale e 5mila sono morte per aver mangiato cibo contaminato. Le frodi spaziano dagli additivi inappropriati - come la tintura nelle spezie per aumentare il colore o gli ormoni iniettati nei polli per nascondere le malattie - alla diluizione come nel caso dell'olio, alla sostituzione, come nel "latte al cuoio" cinese per falsare gli esami sul contenuto di proteine, o alla contraffazione dei marchi e delle etichette, come nel c...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    Il distributore di storie brevi

    Dopo le macchinette per il caffè e i distributori di snack, arrivano i dispenser automatici di racconti. Sono dei cilindri neri con un coperchio arancione, un po' più ingombranti di una colonnina di ricarica per le auto elettriche, e spuntano ormai come funghi nelle stazioni o nelle fermate dei mezzi pubblici di tutta la Francia, ma se ne trovano anche in giro per il mondo: all'Università Battista di Hong Kong, alla Penn State University di Filadelfia, all'aeroporto di Edmonton in Canada e in un...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    E' possibile un mondo senza plastica?

    "Plastica, Ben. Il futuro è nella plastica". Ben è Dustin Hoffman, protagonista del film Il Laureato, e il consiglio gli viene elargito a bordo piscina da un amico di suo padre. Siamo nel '67. Quattro anni prima, Giulio Natta aveva ricevuto dalle mani del re di Svezia il Premio Nobel per l'invenzione del polipropilene. Cinquant'anni dopo, la profezia elargita al giovane di belle speranze si è avverata. Viviamo in un planeta di plastica e sarà sempre più così. In base a un recente studio delle un...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    Un futuro quantistico per il solare

    Il futuro del solare sta nell'utilizzo dei nanomateriali quantistici. L'attuale generazione di celle solari ormai si avvicina ai limiti delle sue prestazioni e solo con l'applicazione di questi materiali sarà possibile aumentarne l'efficienza di conversione della luce del sole in energia, che oggi raramente supera il 20% delle radiazioni ricevute. Quando la dimensione di un materiale diventa comparabile con l'estensione spaziale degli elettroni che lo occupano, infatti, dimostra proprietà ottic...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    L'unione delle risorse energetiche distribuite

    Dall'isola di Wight a Terni, da Lisbona a Nicosia, crescono le fonti rinnovabili e l'Europa ha bisogno di efficienza nella loro integrazione. Nasce da qui InteGridy, un grande progetto europeo di ricerca da 16 milioni di euro nell'ambito di Horizon2020, con una trentina di partecipanti da otto Paesi europei, fra cui l'Italia, che aderisce con sette aziende e università, focalizzandosi su due progetti pilota, a Terni e San Severino Marche. "Siamo partiti con l'obiettivo di dimostrare l'applicabi...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    Il fotovoltaico diventa trasparente

    La corsa al fotovoltaico trasparente, che punta a trasformare le grandi vetrate dei grattacieli in centrali elettriche, è aperta da anni. Il trasferimento delle celle solari dai tetti alle vetrate è già una soluzione praticata, ma riempire le finestre di quadratini scuri non è il massimo dal punto di vista estetico e visivo. In più, le celle a film sottile al tellururo di cadmio contengono composti tossici e quindi hanno grossi problemi di smaltimento, mentre quelle al silicio amorfo tendono a c...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    Il sole in comunità

    Utilizzare energia solare pur non avendo i pannelli fotovoltaici sul tetto si può. E si può anche sfruttare tutta la propria energia solare senza avere una batteria. Come? Aderendo a una comunità solare. L'aggregazione di impianti fotovoltaici e di accumulo potrebbe diventare la nuova frontiera della diffusione di questa tecnologia. Gli utenti della comunità che non hanno un impianto fotovoltaico comprano l'elettricità a prezzi competitivi e danno il loro contributo ospitando una batteria in cas...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    La via italiana alla concentrazione

    Nei primi anni Duemila sembrava che il boom del solare termodinamico a concentrazione fosse imminente. Il grande progetto Desertec, per produrre in Nord Africa con il sole il 15% dell'energia elettrica europea e trasferirla via cavo sottomarino, però, si è arenato nelle secche delle primavere arabe. Da allora ad oggi, gli unici due Paesi che si sono dedicati a investire con continuità in questa tecnologia sono stati la Spagna e gli Stati Uniti. In Spagna, nei mesi estivi (da giugno a settembre),...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    Microgrid universitaria

    I tre grandi specchi parabolici che si stagliano contro il blu del cielo ligure sembrano gigantesche antenne satellitari, ma invece di ricevere segnali televisivi catturano l'energia pulita dal sole e la concentrano nel loro punto focale, per produrre elettricità e calore. Questo sistema solare termodinamico a misura di condominio è installato nel campus universitario di Savona e fa parte di un progetto unico nel suo genere, un laboratorio vivente per la sperimentazione delle smart grid, della m...

    – Elena Comelli

    • NovaOther

    La diga si trasforma in batteria

    Gli accumuli idroelettrici potrebbero risolvere i problemi di stoccaggio dell'energia da fonti rinnovabili. Uno degli esempi più potenti di questa evidenza si trova in Spagna, dove l'energia eolica nell'ultimo decennio è aumentata a ritmi vertiginosi, passando dal 6% della produzione elettrica nazionale nel 2004 al 20% di oggi. E' naturale, dunque, che proprio in Spagna ci si ponga il problema degli accumuli e qui la soluzione è stata trovata investendo nelle centrali idroelettriche a ciclo chiu...

    – Elena Comelli

1-10 di 1040 risultati