Persone

Ed Miliband

Ed Miliband è un politico britannico. Leader del Labour Party e membro del Parlamento britannico è stato eletto Segretario nel 2010, superando il fratello David. Ambientalista ed ex ministro ai cambiamenti climatici, ha preso il posto di Harriet Harman, reggente del partito dopo le dimissioni dell'ex premier Gordon Brown, seguite alla sconfitta alle elezioni generali dello stesso anno.

Ed Miliband ha intrapreso la carriera politica all’età di 17 anni, quando si è iscritto al Labour Party. Dopo gli studi in Filosofia, Politica ed Economia all’università di Oxford, nel 2005 è diventato Membro del Parlamento per il Nord Docester, carica che tuttora conserva. A partire dal 2007 al 2008 Ed Miliband è stato nominato Ministro del Gabinetto e Cancelliere di Duchy Lancester per il governo di Gordon Brown. Nello stesso anno e fino al 2010 è stato Segretario di Stato per l'Energia e i Cambiementi climatici, per poi diventare leader del Labour Party.

Ed Miliband è figlio di un sociologo marxista. È legato a Justine Thornton, dalla quale ha avuto un bambino.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Ed Miliband
    • News24

    Quella spina nel fianco del Labour in trincea

    Ma l'alternativa di sinistra, declinata da Gordon Brown e poi da Ed Miliband, e ora, su posizioni più radicali, dalla "primula rossa" Jeremy Corbyn, mentre ha visto alcuni esponenti del Labour pronunciarsi per la Brexit, sta portando un partito già in trincea al rischio di una scissione.

    – di Valerio Castronovo

    • News24

    La lenta eutanasia dei laburisti britannici

    Da sabato il Regno Unito appartiene all'imbarazzante famiglia dei Paesi a partito unico. Al fianco di qualche dittatura africana, dunque, nonostante la storia della più celebrata democrazia parlamentare dell'era moderna sia ovviamente del tutto diversa dalle satrapie di Paesi emergenti. A spingerla

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Dio salvi le leader del Regno Unito? Le tre donne che emergono da Brexit

    Gli uomini sulla scena sono scioccati e confusi, non ricordano la parte, non sanno più le battute; le donne ogni giorno che passa prendono uno spicchio in più di palcoscenico. Accade nel dramma in più atti "Westminster dopo Brexit", e no, non è la commedia di Aristofane in cui un manipolo di

    – di Angela Manganaro

    • News24

    Dopo la Brexit labour nel caos, sollevazione contro Jeremy Corbyn

    Sembrava fosse solo il contrattacco dell'anima blairiana e moderata del partito laburista, quella che Ed Miliband prima e Jeremy Corbyn, poi, avevano sconfitto, invece s'è rivelata la ribellione di uomini e donne non lontani dal radicalismo del loro stesso leader.

    – dal nostro corrispondente Leonardo Maisano

    • Agora

    Un musulmano guiderà Cosmopoli

    Sadiq Khan, musulmano praticante, di origine pachistana, figlio di un conducente di autobus, sarà il nuovo sindaco di Londra. Dall'inizio della campagna elettorale Khan era il favorito alle elezioni per la successione dell'uscente Boris Johnson. Dunque, dal punto di vista statistico dei sondaggi, nessuna sorpresa. Ma il fatto che le previsioni si siano avverate e che Khan sia stato eletto con 1,3 milioni di preferenze, rende per me questo evento eccezionale. In un periodo in cui l'Islam in Europ...

    – Marco Niada

    • Agora

    Il problema non è Corbyn

    Il problema non è Jeremy Corbyn, tantomeno il suo discorso direttamente "importato" dagli anni 80. Perché sai che sorpresa... Il problema è perché, almeno in Europa, leader di sinistra riformisti e pragmatici e vincenti lasciano di solito in eredità partiti di sinistra così indeboliti da voler scegliere il comodo rifugio dell'ideologia più tradizionale oppure praterie buone per cavalcate di leader (nuovi) di destra. Prendiamo Felipe Gonzalez? Aprì all'arrivo di José Maria Aznar, leader popolare ...

    – Daniele Bellasio

1-10 di 170 risultati