Persone

Dilma Rousseff

Dilma Rousseff è una politica e un’economista brasiliana. È stata membro del Partido dos Trabalhadores dell'ex presidente Lula. Rousseff ha vinto nel 2010 le elezioni per la Presidenza della Repubblica in Brasile ed è stata riconfermata nel 2014. Condannata per gravi irregolarità fiscali è stata destituita dalla carica il 31 agosto 2016.

Dilma Rousseff ha iniziato la militanza durante gli anni scolastici, quando ha frequentato il Colégio Estadual Central. Ha partecipando alla lotta armata contro la dittatura militare brasiliana (1964-1985) in organizzazioni come il Colina e la Var Palmares, trascorrendo quasi tre anni in prigione. Insieme al compagno Carlos Araújo ha contribuito alla fondazione del Partido Democrático Trabalhista.

Dilma Rousseff ha rivestito l'incarico di Segretaria municipale della Fazenda di Porto Alegre nel governo di Alceu Collares e più tardi è stata Segretaria statale per le miniere e per l'energia nei governi di Alceu Collares e di Olívio Dutra, avvicinandosi nel 2001 al Partido dos Trabalhadores. Nel 2003 è stata nominata ministro per le Miniere e l’Energia dal Presidente Luiz Inácio Lula da Silva, incarico che ha mantenuto fino al 2005, quando è diventata Ministro della Casa Civil. Alle elezioni poliche del 2010 Dilma Rousseff si è fermata due-tre punti sotto la soglia del 50%: il 31 ottobre ha poi vinto al ballottaggio contro il socialdemocratico José Serra, diventando il nuovo Presidente del Brasile. Nel 2014 conquista il secondo mandato.

Accusata di aver truccato il bilancio dello Stato del 2014 , (per vincere le elezioni) è stata sospesa dalle sue funzioni a maggio del 2016 dopo che il Parlamento si è espresso a favore dell'impeachment. Il 31 agosto con 61 voti a favore e 20 contrari Rousseff è stata destituita dal suo incarico ed è uscita di scena. Al suo posto si è insediato il vice Michel Termer, 75 anni, ora 37esimo presidente della Repubblica.

Ultimo aggiornamento 01 settembre 2016

Ultime notizie su Dilma Rousseff
    • News24

    Il Brasile di Temer vacilla, il presidente rischia l'impeachment

    Nel Brasile dell'impeachment, parte il secondo atto. Stavolta è il presidente Michel Temer che rischia grosso. Il Tribunale superiore elettorale (Tse) brasiliano, avvia domani il processo contro le candidature di Dilma Rousseff e Michel Temer alle presidenziali del 2014: entrambi sono accusati di

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Brasile, Temer annuncia investimenti ma la tensione continua a salire

    La recessione affligge il Paese, decine di migliaia di lavoratori perdono il lavoro ma il presidente annuncia un programma di investimenti infrastrutturali da 13 miliardi di dollari. E' il Brasile, bellezza !Il governo brasiliano risponde con un pacchetto di misure anti-crisi ai dati ufficiali del

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Brasile, la samba dei titoli minerari ha portato guadagni oltre il 400%

    Esattamente un anno fa i mercati finanziari globali erano alle prese con le pesantissime turbolenze sui mercati il cui epicentro erano i Paesi emergenti e il mercato delle materie prime. Dietro il collasso di azioni, valute e bond dei Paesi emergenti c'era un mix di fattori strettamente correlati

    – di Andrea Franceschi

    • News24

    Da Trump a Macron, passando per Putin: ecco chi seguono i potenti

    Non sono un fanatico di Twitter ma da qualche giorno - occupandomi di auto e trasporti - ho dovuto iniziare a seguire i tweet di Donald Trump (@realDonaldTrump), che arrivano ormai quotidianamente sulle prime pagine dei giornali. Il presidente degli Stati Uniti "vanta" 22,5 milioni di follower,

    – di Andrea Malan

    • News24

    L'ex presidente Cardoso: «In Brasile fiducia da ricostruire»

    Un anno vissuto pericolosamente, quello del Brasile. Una crisi economica molto dura, una "mani pulite" che pare inarrestabile, un impeachment che ha messo fuori gioco la presidenta Dilma Rousseff, sostituita da Michel Temer. Fernando Henrique Cardoso, 85 anni, due volte presidente, ha governato tra

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Nel 2017 Paese ancora al bivio: voto anticipato o impeachment

    L'incognita per il 2017 è questa, elezioni o impeachment. La certezza invece è il prosieguo della crisi. Del Brasile rutilante degli anni scorsi resta poco, forse solo le parole di Vinicius de Moraes danno un senso alla ricaduta sociale ed economica di un grande Paese, «la vita è un'invenzione,

    – di Roberto Da Rin

    • News24

    Rousseff destituita, tocca a Temer

    Dilma Rousseff esce di scena. Il Senato del Brasile ha votato «sì all'impeachment», 61 voti a favore, 20 contrari. Si chiude una esperienza di governo ma anche una lunga stagione politica, quella del Pt (Partito dei lavoratori), che ha governato il Paese dal 2003 al 2016.

    – Roberto Da Rin

1-10 di 362 risultati