Persone

Diego Piacentini

Diego Piacentini è un manager italiano nato a Milano nel 1960. Dal 17 agosto 2016 ricopre la carica biennale di commissario governativo per il digitale e l'innovazione a capo dell'Agenzia per l'Italia digitale.

Il manager in aspettativa da Amazon, in questo ruolo lavorerà pro bono, senza compenso.

Dopo la laurea in economia politica all'Università Bocconi di Milano Piacentini si è occupato di gestione finanziaria in Fiatimpresit in Italia. È entrato in Apple Computer nel 1987 ed è stato promosso alla posizione di Vice President e general manager di Apple Europe nel 1997. Nel 2000 è entrato in Amazon con la posizione di Senior Vice President International e membro dell'executive team. E' stato responsabile di tutte le operazioni di distribuzione nei cinque paesi al di fuori del Nord America: Regno Unito, Germania, Francia, Giappone e Cina.

Piacentini fa parte degli advisory board della Foster School of Business della University of Washington e di Endeavor, un'organizzazione non-profit globale che aiuta gli imprenditori nei paesi in via di sviluppo. Diego fa anche parte del board della Maasai Association e ne sostiene le iniziative di formazione e sanità in Kenya.

E' sposato e ha due figli.

Ultimo aggiornamento 07 novembre 2016

Ultime notizie su Diego Piacentini
    • News24

    Venti ragazzi fra analisi di dati e cybersicurezza

    Il cambio di passo nell'attuazione dell'agenda digitale italiana procede con il ritmo impresso dal team selezionato da Diego Piacentini: 20 ragazzi specialisti di big data, machine learning, open source, cybersicurezza, design di prodotto e user experience, sviluppo di applicazioni mobili,

    – di L.D.B.

    • News24

    Se alla Pa manca ancora l'Anagrafe digitale

    La trasformazione digitale della Pubblica amministrazione rischia di diventare un puzzle impossibile, in cui manca il pezzo centrale, l'Anagrafe nazionale della popolazione residente, e i tasselli intorno non riescono a incastrarsi. L'immagine emerge con nitidezza dalla ventina di audizioni fin qui

    – di Davide Colombo e Carmine Fotina

    • News24

    Milano lancia il fascicolo digitale

    "Entro la fine dell'anno il fascicolo digitale del cittadino sarà completo". Dai permessi per la mobilità alla riscossioni tributi, l'assessore alla Trasformazione digitale e servizi civici del Comune di Milano Roberta Cocco ha presentato oggi a Milano la propria rivoluzione digitale, davanti alla

    – di Alessia Maccaferri

    • NovaCento

    Discorso sul metodo dell'avanguardia e del consenso

    A Codemotion si incontra una parte importante della comunità degli sviluppatori di software italiani. Ed è proprio davanti alle migliaia di programmatori riuniti a Codemotion che il Team per la trasformazione digitale guidato da Diego Piacentini ha esposto il codice del quale sono fatti i principali progetti di innovazione della piattaforma digitale pubblica del momento: l'anagrafe centralizzata (Anpr), il sistema per l'identità digitale (Spid), il catalogo dei dati aperti della pubblica amminis...

    – Luca De Biase

    • News24

    Ecco Developer Italia, la comunità per sviluppatori di servizi pubblici digitali

    La digitalizzazione di un Paese parte dal lavoro di squadra. Ed è in questa direzione che va il progetto developers.italia.it, piattaforma inaugurata oggi, dove confluiranno un po' tutti i progetti tecnologici. Sul portale saranno disponibili codice sorgente, aree di discussione e un nuovo sistema

    – di Biagio Simonetta

    • Info Data

    Digitale, Italia ferma al palo. Ecco cosa dice il Digital Economy and Society Index 2017

    Era al 25simo posto, sui 28 Paesi dell'Unione, lo scorso anno. E ci rimane anche per il 2017: il Desi Index, indicatore che misura la transazione al digitale nell'economia e nella società pubblicato ieri dalla Commissione europea, non premia l'Italia. Ma anzi la relega tra i Paesi con le performance peggiori, in compagnia di Slovacchia, Ungheria, Cipro, Croazia, Grecia, Bulgaria e Romania. Colpa, soprattutto, di uno Stato ancora troppo analogico. L'indice aggiornato venerdì scorso da Bruxelles v...

    – Riccardo Saporiti

    • NovaOther

    Big data interoperabile per diventare open

    La materia di cui sono fatti i sogni, per il team per la trasformazione digitale guidato da Diego Piacentini, sono i dati. La digitalizzazione è la strada per rendere i sogni reali e i Big Data sono uno dei veicoli più importanti per arrivare al traguardo che, dice Piacentini, è quello di un Paese «in cui le pubbliche amministrazioni lavorano in modo integrato, aperto, interoperabile, dallo Stato centrale fino al più piccolo dei comuni». Un pezzo importante del puzzle che compone il sistema oper...

    – Antonio Dini

    • News24

    Soro: «Milioni di dati in mano a pochi un rischio per la democrazia»

    Milioni di informazioni personali in mano a poche aziende: non è più solo affare di tecnologie e del loro incessante sviluppo, ma si tratta di vero e proprio potere. Un potere grande e che cresce sempre di più, con effetti determinanti sulle democrazie. E' l'allarme lanciato da Antonello Soro,

    – di Antonello Cherchi

1-10 di 57 risultati