Persone

Dick Cheney

Dick Cheney è un politico statunitense, dal 2001 al 2009 vicepresidente degli Stati Uniti d’America.

Al fianco di George W. Bush e di Ronald Rumsfeld è stato protagonista della reazione degli USA agli attacchi dell’11 settembre, in particolare con le guerre in Iraq e Afghanistan. Considerato un "falco" dell’amministrazione, Cheney è sempre stato favorevole a entrambe le guerre e anche alla condanna a morte di Saddam Hussein.

L’avventura di Cheney come numero due alla Casa Bianca comincia nel 2000 quando a sorpresa Bush lo sceglie come candidato vicepresidente. A quell’epoca Cheney si era defilato dalla politica, in parte per il dominio democratico dell’era Clinton, in parte perché considerato dal suo stesso partito troppo conservatore. Nonostante le critiche, nel 2004 è stato confermato da Bush per un secondo mandato come vicepresidente. Prima dell’avventura alla Casa Bianca Cheney è stato per diversi anni presidente e amministratore delegato dell’azienda petrolifera Halliburton. Ancor prima aveva già avuto ruoli di rilievo nel governo americano, al fianco di George Bush padre. Anche in quell’occasione si era distinto come ministro della difesa "falco", guidando le operazioni militari "Giusta causa" a Panama e "Desert Storm" in Iraq. La prima elezione di Dick Cheney alla Camera risale al 1977 dopo che per alcuni anni aveva collaborato con il presidente Ford, prima entrando nella sua equipe e in seguito diventando assistente del presidente e capo di gabinetto della Casa Bianca. Cheney aveva già collaborato con Nixon prima ancora di terminare gli studi.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Dick Cheney
    • News24

    Senza coperture il debito esploderà

    Non sempre con il medesimo indiscusso successo: è il caso della curva disegnata di getto da Arthur Laffer negli anni Settanta per gli occhi di due commensali allora in ascesa, Dick Cheney e Donald Rumsfeld.

    – Marco Valsania

    • NovaOther

    Attacco ai pacemaker

    Quando, nel 2013, gli americani hanno letto il libro dell'ex vicepresidente Dick Cheney Hart. An american Medical Odissey, scritto con il cardiochirurgo Jonathan Reiner, che lo segue fino dai primi interventi di angioplastica (cui sono seguiti 4 by pass e alla fine un trapianto cardiaco), hanno avuto paura. Perché si sono resi conto, come è successo a Cheney nel 2001, che la loro vulnerabilità andava ben oltre quella di un possibile attacco a un centro commerciale, a un aeroporto, a una maratona...

    – Agnese Codignola

    • News24

    Il ritorno di Laffer (e della Voodoo Economics) alla corte di Trump

    E' entrato nella coscienza collettiva con la Laffer Curve, anche se della curva non ha mai in realtà rivendicato la paternità, piuttosto la divulgazione (l'avrebbe tracciata su un fazzoletto nel 1974 per spiegarla ai giovani Dick Cheney e Donald Rumsfeld negli anni del governo Ford).

    – di Marco Valsania

    • News24

    Tillerson guiderà la politica estera Usa

    Pronti a scendere in campo sono inoltre l'ex vicepresidente e falco neocon Dick Cheney, come i più moderati ex Segretari di Stato James Baker III e Condoleezza Rice.

    – Marco Valsania

    • News24

    Quando l'imprenditore ha il coraggio di denunciare

    Anche qui - filiale della multinazionale texana con sede a Houston, specializzata nei lavori e nello sfruttamento dei giacimenti petroliferi, presente in 120 Paesi di tutto il mondo e della quale dal 1995 al 2000 è stato presidente e Ceo l'ex vicepresidente degli Stati Uniti Dick Cheney - era giunta la stessa minaccia: «Qui di solito funziona così.

    – di Roberto Galullo

    • News24

    I media, le frottole trascurabili e le bugie vere

    Se Donald Trump dovesse diventare presidente, grossa parte della colpa sarà dei mezzi di informazione. So che alcuni giornalisti si affannano a negare questa responsabilità, ma è assurdo e penso che lo sappiano. Come ha evidenziato Nicholas Kristof in un recente editoriale sul New York Times, i

    – di Paul Krugman

    • News24

    No a Trump: il vecchio Bush vota per Hillary Clinton

    In questo momentum di The Donald che sembra difficile contrastare, pochi leader repubblicani si possono permettere di rivendicare quanto andavano ripetendo fino a primavera: mai Trump, #never Trump era hashtag su Twitter e una posizione politica che accomunava giovani del partito come Paul Ryan,

    • NovaCento

    Umani nell'epoca digitale.

    Philip Larrey, docente di Filosofia della Conoscenza all'Università Lateranense di Roma e autore del libro "Futuro Ignoto. Conversazioni sulla nuova era digitale.", mi pone alcune interessanti questioni sul futuro sviluppo dei valori umani nell'epoca digitale. Temi che vorrei approfondire con voi in un dialogo e in una riflessione comune. Il tema, "Valori nell'epoca digitale", sarà approfondito in occasione di un seminario che Philip Larrey sta promuovendo per il prossimo 4 novembre presso l'Un...

    – Felicia Pelagalli

    • News24

    Quindici anni di politiche procicliche (e di guai)

    Al Vertice G7 di Ise-Shima, in Giappone, una delle preoccupazioni più grandi è stata la fragilità dell'economia mondiale. Invece di concentrarsi sulle guerre valutarie, i leader delle più importanti economie sviluppate avrebbero dovuto parlare di politiche di bilancio che in questo momento

    – Jeffrey Frankel

1-10 di 117 risultati