Aziende

Deutsche Bank

Deutsche Bank è una banca leader in Germania e in Europa, presente anche in Nord America, Asia e nei mercati emergenti, che conta circa 80.000 dipendenti, in 2790 filiali distribuiti in 70 Paesi e 20 milioni di clienti. Deutsche Bank è organizzata in 3 divisioni di business: corporate and investment bank, private clients and asset management e corporate investments. In Italia secondo mercato dopo la Germania conta 620 punti vendita e più di 2 milioni di clienti. La banca è quotata a Piazza Affari.

Il maggiore azionista del gruppo è il conglomerato cinese Hna che ha quasi 10%, insieme a due fondi dell'emiro del Qatar, seguito da BlackRock con il 5,9 percento (dati maggio 2017).

Il gruppo ha annunciato nel 2015 di voler tagliare 9000 posti di lavoro entro il 2018 e ha registrato diverse perdite per 5 miliardi causa di svalutazioni, multe e accontonamenti per rischi giuridici (è coinvolta in migliaia di procedimenti giudiziari). A settembre del 2016 il dipartimento di giustizia americano ha inflitto una multa di 14 miliardi di euro a Deutsche Bank per lo scandalo dei mutui subprime che la vede coinvolta. Dopo una perdita netta di 1,4 miliardi di euro nel 2016, che si aggiunge ai 6,8 miliardi del 2015, ad aprile 2017 ha varato un aumento di capitale di 8 miliardi.

La storia
Fondata nel 1870 a Berlino, Deutsche Bank è nata con l’obiettivo di promuovere il commercio tra la Germania, i paesi europei e i mercati d'oltremare. Questa vocazione internazionale dell’istituto tedesco, si sviluppa fin da subito e solo tre anni dopo la sua fondazione, sono state aperte filiali a Londra, Yokohama e Shanghai. A fine Ottocento Deutsche Bank si è alleata con le principali banche regionali tedesche per sostenere gli sforzi dell'industria nazionale all'estero.

Dopo le guerre mondiali e con la costituzione della Repubblica Federale Tedesca, la frammentazione che aveva smembrato l’istituto viene a cadere e nel 1957 torna in vita la Deutsche Bank. Negli anni Cinquanta, quando la Germania è diventata il motore dell'economia europea, Deutsche Bank è ritornata a puntare sulla sua internazionalizzazione e a partire dal 1973, anno in cui ha aperto un ufficio a Mosca, ha sviluppato la sua presenza a Londra, Tokyo, Bruxelles, Anversa, New York, Parigi, Madrid, Hong-Kong, Nuova Delhi, Budapest, Varsavia, Praga, Hanoi, Kiev e in molte altre città. Dal 1977 è presente in Italia, anche attraverso le acquisizioni della Banca d’America e d’Italia, della Banca Popolare di Lecco e del network di promozione finanziaria Finanza & Futuro Banca.



Ultimo aggiornamento 04 maggio 2017

Ultime notizie su Deutsche Bank
    • News24

    La Deutsche Bank apre a Berlino un nuovo forum per l'arte e la cultura

    LaDeutsche Bankha annunciato l'apertura di un nuovo forum per la cultura a Berlino che inaugurerà a maggio-giugno 2018. Nessuna disclosure sull'investimento necessario per il nuovo centro, che si troverà a 350 metri dall'attuale sede della Deutsche Bank KunstHalle, lo spazio per l'arte gestito

    – di Silvia Anna Barrilà

    • Econopoly

    Che cosa insegna Singapore sul rischio dell'eterno ricatto Vallonia

    "? allo stato attuale, l'accordo di libero scambio con Singapore può essere concluso soltanto in forma congiunta dall'Unione e dagli Stati membri". Con queste parole, martedì 16 maggio, la Corte di giustizia europea ha posto una pietra tombale sulla possibilità, da parte dell'Unione, di disporre della competenza esclusiva a firmare e a concludere l'accordo di libero scambio con Singapore. Attualmente Singapore è il 17° partner commerciale dell'Unione Europea. Nonostante le piccole dimensioni ...

    – Giovanni Caccavello

    • News24

    Perché gli Etf europei fanno così gola ai big della finanza

    Nella guerra europea degli Etf l'ultima mossa è arrivata da Atlanta, nel profondo Sud degli States: Invesco, quarto maggior gestore mondiale di Exchange traded product, ha acquisito la londinese Source, nata nel 2009 e oggi numero sette nel mercato dei "cloni" europeo con circa 25 miliardi di masse

    – di Enrico Marro

    • Agora

    Atlantia lancia l'Opas su Abertis da 16,3 miliardi: mega-pool di 20 banche per il finanziamento

    Atlantia ha lanciato un'opas sulla spagnola Abertis a 16,5 euro per azione in contanti. Il controvalore complessivo è di 16,341 miliardi per il 100% di Abertis. L'offerta non è finalizzata al delisting di Abertis. In alternativa gli azionisti Abertis possono optare, in tutto o in parte, per un corrispettivo in azioni Atlantia di nuova emissione con caratteristiche speciali, sulla base di un rapporto di scambio di 0,697 azioni Atlantia per ogni azione Abertis. Il valore è determinato sulla base d...

    – Carlo Festa

    • News24

    Scalate sì, ma con prudenza

    «Gli analisti cercavano una logica, noi avevamo una visione», spiegava il ministro del Petrolio Mohammed al Sada per raccontare l'epica del gas liquefatto. Perché il Gnl è narrativa fondante del Qatar, come la rivoluzione industriale per gli inglesi e la conquista del West per gli americani. Negli

    – di Ugo Tramballi

    • News24

    Atlantia-Abertis al rush finale. Si tratta sulla governance

    Trattative finali per definire il «pacchetto» complessivo di offerta che Atlantia sta mettendo a punto per conquistare il gruppo spagnolo Abertis. Secondo indiscrezioni ieri sono proseguiti i contatti tra gli advisor, Credit Suisse e Mediobanca per Atlantia e Citi e Az Capital per gli spagnoli.

    – di Marigia Mangano e Carlo Festa

    • News24

    Il Qatar sfida i cinesi:?vuole diventare primo azionista di Deutsche Bank

    Una partita tra Cina e Qatar. Per controllare Deutsche Bank. La banca d'investimento globale simbolo della Germania «uber alles», il motore della locomotiva economica che guida il treno europeo, che da pochi giorni è controllata dai cinesi di Hna, appena diventati primi azionisti, con una quota del

    – di Riccardo Barlaam

    • News24

    La banca su cui investono le banche

    Dopo la Cina, il Qatar: se c'è una banca che in Europa non ha problemi di capitale e che può vantare la fiducia dei più potenti investitori del mondo - a cominciare da arabi e cinesi - quella è certamente Deutsche Bank. Nessun concorrente europeo, nemmeno quelli inglesi, sembra ormai poter

    – di Alessandro Plateroti

    • News24

    Terzo settore, Assifero chiede sgravi per gli enti filantropici

    L'Associazione che riunisce le principali fondazioni filantropiche italiane, Assifero, lancia un appello a Governo e Parlamento per un intervento legislativo nell'ambito della riforma del Terzo settore a favore degli enti filantropici, della comunità e del bene comune del nostro Paese. Legge del

    – di Enrico Bronzo

1-10 di 3194 risultati