Persone

Denis Verdini

Denis Verdini (l'8 maggio 1951 a Fivizzano Massa-Carrara) è un commercialista e politico italiano.

Laureato in scienze politiche ha esercitato per lungo tempo la professione di commercialista . È stato anche assistente docente di Storia delle dottrine economiche all'università Luiss di Roma nell'anno accademico 1996-97. Per 20 anni (fino al 2010) è stato presidente del Credito cooperativo fiorentino. Coinvolto nel crac dell’istituo di credito a marzo del 2017 è stato condannato in primo grado a 9 anni di reclusione e interdizione perpetua i pubblici uffici per bancarotta e truffa ai danni dello Stato e per presunte truffe allo Stato nei contributi dell'editoria.

Carriera politica: prima repubblicano e poi coordinatore nazionale di Forza Italia è stato eletto alla Camera nel 2001, 2006, 2008 . E’ senatore eletto nel 2013 con il Pdl e nel 2015 ha fondato il gruppo parlamentare Ala (Alleanza liberalpopolare – Autonomie). Verdini è stato anche artefice e sostenitore del cosiddetto “Patto del Nazareno” l’accordo politico siglato tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi.

E’ stato socio fino al 2015 del quotidiano il Foglio con una partecipazione del 21%.

Vive a Firenze, si è sposato due volte e ha tre figli: Tommaso, Francesca e Diletta.

Ultimo aggiornamento 10 maggio 2017

Ultime notizie su Denis Verdini
    • News24

    Sicilia, la galassia ex Dc è il secondo partito in Regione

    Poco meglio di Cesa e amici, nella galassia post-democristiana a fianco del neo-governatore hanno fatto i Popolari e autonomisti-Idea Sicilia, formazione ispirata da un ex governatore della Sicilia (Raffaele Lombardo) e guidata da Saverio Romano, ex ministro anche lui di un governo berlusconiano (fu responsabile dell'Agricoltura) e a Roma capogruppo di Ala-Scelta civica alla Camera che proprio alla vigilia delle elezioni siciliane aveva divorziato da Denis Verdini («lui è convinto che Renzi...

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Mattarella firma e promulga la legge elettorale

    Anche il gruppo Ala ha confermato il proprio sostegno al provvedimento con il suo leader, Denis Verdini, che nell'Aula del Senato ha tra l'altro affermato: «Rivendico con orgoglio tutto quello che abbiamo fatto, il ruolo di supplenza che abbiamo svolto».

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Ok al Rosatellum, ipotesi urne il 4 marzo

    E paradossalmente questa ipotetica maggioranza vedrà riuniti assieme i bersaniani di Mdp e il gruppo di Ala di Denis Verdini, ovvero le due forze politiche che sono state al centro della rottura della maggioranza a sostegno di Paolo Gentiloni consumatasi sul Rosatellum.

    – Barbara Fiammeri

    • News24

    Legge elettorale, via libera definitivo al Rosatellum 2.0. Passa al Senato con 214 sì

    Il "Rosatellum 2.0" passa al Senato con 214 si, 61 contrari, un astenuto. Dopo il via libera di ieri ai 5 voti di fiducia chiesti dal governo sui vari articoli del testo, il provvedimento, già approvato alla Camera diventa definitivo. Con la sua pubblicazione in Gazzetta ufficiale diventerà legge.

    – di Redazione online

    • News24

    Legge elettorale, via libera alle cinque fiducie in Senato

    Via libera dell'Aula del Senato alle cinque fiducie chieste sul "Rosatellum". Il via libera alla fiducia all'articolo 1 (che riguarda il sistema elettorale della Camera) è arrivato con 150 sì. L'ok sull'articolo 2 (con le norme sull'analogo sistema di voto per il Senato) ha registrato 151 sì.

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    Legge elettorale, tensioni per il voto finale a scrutinio segreto

    La Camera ha approvato in tarda serata il Rosatellum 2.0 con 375 sì 215 no. La legge elettorale va ora in Senato. Ieri il via libera ai primi due articoli con voto di fiducia. Oggi l'ok al terzo articolo, sempre con la fiducia, e agli ultimi due articoli senza fiducia. In serata il voto finale

    – di A. Carli e A. Gagliardi

    • News24

    Cambi di casacca, il Senato prova a mettere un freno

    A Palazzo Madama c'è un'altra sigla sconosciuta alla maggior parte degli elettori, Alleanza Liberalpopolare-Autonomie, la formazione di Denis Verdini, l'ex coordinatore del Popolo della libertà che se si applicassero le nuove regole non potrebbe esistere.

    – di Riccardo Ferrazza

    • News24

    Come dare una mano alla «mano invisibile»

    Ma la crisi è arrivata non perché la dimensione locale fosse di per sé inadeguata; è stata determinata da scelte scellerate dei vertici fatte «in spregio delle regole» (come recita la motivazione della condanna di Denis Verdini) per alimentare una politica degli impieghi non meno clientelare di quella che negli anni Novanta aveva messo in ginocchio e cancellato dalla mappa del sistema italiano quasi tutte le banche pubbliche meridionali.

    – di Marco Onado

    • News24

    Verdini, le motivazioni della condanna: condotte gestionali abnormi ed irregolari

    La gestione del Credito cooperativo fiorentino (Ccf) è «risultata imprudente quanto ambiziosa, seguita dalla consapevolezza, maturata dapprima dalsenatore Verdini e, subito dopo, quanto meno a partire dal settembre 2008 anche dal management, di un imminente disastro, ormai inevitabile e reso poi

1-10 di 602 risultati