Persone

Davide Serra

Davide Serra è nato nel 1971 a Genova ed è un imprenditore e finanziere italiano, fondatore ed amministratore delegato del fondo Algebris.

Dopo aver frequequentato il liceo "Gonzaga" di Milano ed essersi laureato presso l'Università "Luigi Bocconi" di Milano, si è trasferito a Londra dove ha lavorato prima per la società di servizi finanziari UBS, poi per la banca d'affari Morgan Stanley, di cui diventa direttore generale e coordinatore della ricerca globale sulla finanza.

Nel 2006 ha fondato, insieme al francese Eric Halet, il fondo speculativo Algebris, di cui diventa amministratore delegato.

Il 2007 Davide Serra lancia la scalata della ABN AMRO (grande banca nei Paesi Bassi) poi conclusasi con l'OPA vincente proposta da un consorzio di banche (Royal Bank of Scotland, Fortis e Banco Santander Central Hispano).

Nel 2008 ha pubblicamente criticato la strategia d'investimento scelta dai vertici delle Assicurazioni Generali, a suo avviso piuttosto incline agli interessi di Mediobanca che non alla remunerazione del capitale investito dai soci.

Serra è stato il principale sostenitore delle campagne elettorali di Renzi, sia in occasione delle primarie del PD 2012 che di quelle del 2013.

E' membro del World Economic Forum e dell'Institute of International Finance.

Il 27 dicembre del 2014 ha ricevuto, per mano dell'ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, l'onorificienza di Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana.

Davide Serra è sposato ed è padre di quattro figli, vive a Londra.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Davide Serra
    • News24

    Il boccone da migliaia di miliardi che Londra rischia di perdere

    Il 66% degli hedge fund mondiali si trova in Gran Bretagna. Gira Oltremanica il 39% del mercato globale dei derivati su tassi. Il 37% degli scambi totali su valute passa dalle sale operative del Regno Unito. Transita dal Paese il 75% del mercato dei capitali dell'intera Europa. Nel complesso,

    – di Morya Longo

    • News24

    Per la Prima un tris di banchieri e i vertici delle big pubbliche

    Gli amministratori delegati di Unicredit, Intesa Sanpaolo e Banca Popolare di Vicenza, insieme ai vertici delle grandi partecipate pubbliche, sono alcuni dei principali esponenti del mondo della finanza seduti in platea per la prima del Teatro alla Scala.

    – di Paolo Paronetto

    • News24

    Bpm si prepara all'assemblea della svolta con il nodo del voto dei soci ex dipendenti

    A quattro settimane dalle assemblee straordinarie di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano, che dovranno confermare o meno il via libera alla fusione, la partita milanese è ancora apertissima. A Verona esistono preoccupazioni per un'aggregazione che, come è normale, non lascerà tutto immobile.

    – di Paolo Zucca

    • News24

    Veneto Banca in rosso per 259 milioni

    Tante manifestazioni di interesse, ma nessuna trattativa in corso. Nel giorno del consiglio di amministrazione di Veneto Banca, che ha licenziato una semestrale da 259 milioni di rosso e preso una serie di decisioni dirimenti, come quella di togliere la Bim dagli asset in vendita, l'amministratore

    – di Katy Mandurino

    • News24

    Bpm, partita ancora aperta sul Banco

    A quattro settimane dalle assemblee straordinarie di Banco Popolare e Banca Popolare di Milano, che dovranno confermare o meno il via libera alla fusione, la partita milanese è ancora apertissima. A Verona esistono preoccupazioni per un'aggregazione che, come è normale, non lascerà tutto immobile.

    – Paolo Zucca

    • News24

    Atlante 2, primo closing per gli Npl

    «Nel caso in cui il Paese dica no alle riforme, il capitale estero non entrerà più in Italia. Negli ultimi anni senza riforme la crescita è stata zero, significa che con queste regole abbiamo sempre perso». La considerazione di Davide Serra, fondatore del fondo Algebris, sottende un ragionamento

    – Katy Mandurino

    • News24

    Mps, Morelli al lavoro sull'aumento

    Banca Monte dei Paschi di Siena segna il suo nuovo minimo storico. Complice un mercato duro con il settore del credito, l'istituto più debole del paese ha chiuso la seduta di ieri in ribasso del 9,34% a 0,202 euro per una capitalizzazione complessiva di appena 592 milioni. Lo sguardo del mercato,

    – Laura Galvagni

    • News24

    Fiducia della Borsa su Banco-Bpm

    Le assemblee dei soci si avvicinano, e in Borsa, almeno a vedere l'andamento degli ultimi giorni, sembra prevalere l'ottimismo rispetto al buon esito della fusione tra Banca Popolare di Milano e Banco Popolare.

    – Luca Davi

    • Agora

    Algebris e Cerberus verso l'acquisto dei portafogli di Npl della Popolare Emilia Romagna

    Si potrebbe concretizzare a breve la vendita di solo alcuni dei portafogli di non performing loan (per complessivi 900 milioni di euro) messi in vendita dalla Banca Popolare dell'Emilia Romagna. Proprio la banca emiliana qualche mese fa si era affidata all'advisor Oliver Wyman per cedere in diversi pacchetti i 900 milioni di Npl. Ora, secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe in dirittura finale la vendita di due tranche: una da 200 milioni ad Algebris, il gruppo finanziario londinese guidato da...

    – Carlo Festa

1-10 di 123 risultati