Persone

David Cameron

David Cameron è nato il 9 ottobre del 1966 a Londra ed è stato Primo Ministro britannico dall'11 maggio 2010 al 13 luglio 2016, giorno delle sue dimissioni. Al suo posto Theresa May (leader del partito conservatore).

Le dimissioni da premier sono maturate in seguito all'esito del refendum britannico del 23 giugno del 2016 sulla "brexit". La vittoria dei si ha rappresentato un chiaro segno di sfiducia popolare al suo governo, tanto che Cameron, europeista e favorevole al no, ha volontariamente abbandonato l'incarico. Il 12 settembre 2016 dopo 15 anni l'ex premier ha deciso di abbandonare anche il suo ruolo da deputato e ha presentato le dimissioni con effetto immediato.

Diplomatosi a Eaton e laureatosi ad Oxford; dopo una brillante carriera nel partito conservatore David Cameron divenne parlamentare nel 2001 come rappresentante del collegio di Witney.

Nel 2005, con le dimissioni di Michael Howard da leader del partito conservatore, si aprì la successione e David Cameron fu eletto a capo dell'opposizione parlamentare britannica.

David Cameron è considerato un conservatore moderato, capace di attrarre consensi anche al di fuori dal bacino elettorale tradizionale del suo partito. Dopo le dimissioni di Tony Blair da Primo Ministro nel 2007 e con la progressiva erosione del consenso del partito laburista, ha conquistato il ruolo di favorito per le elezioni generali del 2010. In quelle elezioni il suo partito ha ottenuto la maggioranza realtiva dei voti ma non quella assoluta dei seggi nella Camera dei Comuni; egli è tuttavia divenuto ugualmente primo ministro grazie all'alleanza con i Liberal Democratici di Nick Clegg.

Nel 2015 è stato riconfermato in carica nelle nuove elezioni generali. La piattaforma elettorale dei Tories prevedeva di indire un referendum per chiedere ai cittadini britannici se volessero o meno che il Regno Unito rimanesse paese membro dell'Unione Europea. L'esito del referendum sulla "Brexit" del 23 giugno 2016 ha indotto Cameron alle dimissioni per via dello scollamento tra la propria visione europeista e le idee del popolo.

E' sposato con Samantha Sheffield, con cui ha avuto tre figli; putroppo il primogenito, Ivan, affetto da una grave malattia dalla nascita, è deceduto nel 2009.

Ultimo aggiornamento 13 settembre 2016

Ultime notizie su David Cameron
    • News24

    Quando la fortuna volta le spalle ai populisti

    Nulla togliendo alla lunga carriera di politico e pubblico funzionario, la May non è diventata premier tramite elezioni, ma perché gli elettori britannici hanno deciso di un esiguo margine di abbandonare l'Unione europea, portando alle dimissioni del suo predecessore del partito conservatore, David Cameron.

    – di Ken Murphy, Stuart Whatley, Roman Frydman e Jonathan Stein

    • News24

    May non segue le orme della Thatcher

    E' vero che va attribuita a David Cameron l'idea di indire un referendum sulla permanenza o meno della Gran Bretagna nella Comunità europea (ciò che mai sarebbe passato per la testa alla Thatcher, paga dei vantaggi del mercato unico), ma quale ministro dell'Interno la May aveva attuato in precedenza dei tagli consistenti nelle file e nelle spese dei servizi di sicurezza.

    – Valerio Castronovo

    • News24

    Al negoziato con Bruxelles Governo Uk senza bussola

    Il quadro economico britannico peggiora, mostrando di essersi piegato verso quegli scenari di crisi che furono previsti - presto e in modo maldestro - subito dopo il voto sull'adesione all'Ue il 23 giugno del 2016. Il morso arriva un anno dopo e arriva nel mezzo di una congiuntura politica

    – di Leonardo Maisano

    • News24

    Se l'Europa sceglierà la strada del realismo

    Dovevano suonare la fanfara a un nuovo Governo conservatore inattaccabile in parlamento, guidato da un super-primo ministro, Theresa May, che pensava di essere la reincarnazione di Margaret Thatcher, la signora di ferro che non esitò a prendere in ostaggio l'Europa per anni in difesa dei suoi

    – di Adriana Cerretelli

    • News24

    Lo shock del voto inglese piega la sterlina

    A Theresa May non è riuscita l'operazione pokerissimo (conquistare più seggi attraverso la strategia delle elezioni anticipate). L'esito delle urne delle parlamentari in Gran Bretagna di giovedì (quando difatti la May anziché consolidare ha perso la maggioranza assoluta) è stato però digerito senza

    – Vito Lops

    • Agora

    Un nuovo spettacolare autogol dei conservatori

    Dopo l'autogol di David Cameron sul referendum europeo, indetto con l'obiettivo di vincerlo, salvo poi perderlo rovinosamente, ecco il nuovo autogol di Theresa May, che ha indetto elezioni anticipate con l'obiettivo di rafforzare la maggioranza di Governo e con essa il potere negoziale sulla Brexit, salvo poi perdere la maggioranza di Governo. I Governi conservatori britannici nati dopo la crisi finanziaria del 2008 continuano a inciampare su madornali errori di calcolo, sfornando leader modesti...

    – Marco Niada

    • News24

    Brexit, Bruxelles ora teme un Governo troppo debole a Londra

    E' con evidente preoccupazione che l'establishment comunitario ha reagito al risultato elettorale britannico. Dopo il voto di ieri, il rischio di un governo di coalizione nel Regno Unito è elevato. A Bruxelles molti temono che il negoziato in vista dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione sarà

    – di Beda Romano

    • News24

    Theresa May senza maggioranza: spazzati via Ukip e hard Brexit

    Theresa May era arrivata prima dell'alba nel quartiere elettorale del suo partito, dopo aver trascorso la notte nel suo collegio elettorale; ha parlato con i capi Tory, è poi rientrata a Downing Street. Citi - ma probabilmente tutta la City - predice «un periodo di incertezza politica» e si aspetta

    – di Angela Manganaro

1-10 di 2332 risultati