Persone

Dario Franceschini

Dario Franceschini è nato il 19 ottobre del 1958 a Ferrara, già Ministro per i Rapporti con il Parlamento e per il coordinamento dell'attività di Governo (nel Governo Letta) è dal 22 febbraio 2014 Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, prima nel Governo Renzi ed attualmente in quello Gentiloni.

Figlio di Giorgio, partigiano cattolico e deputato per la Democrazia Cristiana tra il 1953 ed il 1958 (II Legilsatura) sì è laureato in giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Ferrara ed a partire dal 1985 ha esercitato la libera professione come avvocato civilista.

E' iscritto all'albo dei revisori contabili ed è stato membro effettivo del collegio sindacale dell'Eni.

Già fin dagli anni del Liceo si appassiona all'attività politica, fondando l'Associazione Studentesca Democratica, di ispirazione cattolica e centrista.

Iscrittosi alla Democrazia Cristiana, nel 1980 viene eletto consigliere comunale di Ferrara e nel 1983 diventa capogruppo consiliare.

Nel 1994 diventa Assessore alla Cutura ed al Turismo del comune di Ferrara, dove nel 1995 si candida alla carica di sindaco (sostenuto da Verdi, Cristiano Sociali e Laburisti) non risultando però eletto.

Tra il 1997 ed il 1999 è stato vicesegretario nazionale del Partito Popolare Italiano, successivamente entra a far parte della direzione nazionale e dell'ufficio di segreteria con l'incarico per le politiche della Comunicazione.

Entra nel secondo Governo D'Alema come sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle riforme istituzionali, riconfermato poi dal successivo governo Amato.

Nel 2001 viene eletto, con l'Ulivo, deputato nel collegio maggioritario di Ferrara, diventando componente della giunta delle elezioni e della prima commissione permanente per gli affari costituzionali.

Nel 2006 viene rieletto deputato e diventa presidente del gruppo parlamentare dell'Ulivo alla Camera dei deputati.

Nel 2007 diventa vicesegretario del Partito Democratico sotto la segreteria di Walter Veltroni.

Eletto nuovamente deputato nel 2008, rappresenta fino al 2012 il Parlamento italiano al Consiglio d'Europa ed all'assemblea dell'Unione Europea Occidentale.

Nel 2009, candidatosi segretario alle primarie del PD, pur ottenendo oltre un milione di voti, viene superato da Bersani che diventa il nuovo segretario.

Nel 2013 si ricandida, come capolista del PD nella circoscrizione Emilia Romagna, deputato alle elezioni politiche, eletto ottiene, nel Governo Letta, l'incarico di Ministro per i Rapporti con il Parlamento ed il Coordinamento dell'attività di governo.

Durante il secondo semestre 2014 ha presieduto il Consiglio dei ministri europei della Cultura ed il Forum europeo dei Ministri della Cultura e del Turismo.

Separato e padre di due fliglie, si è recentemente risposato con l'attivista politica del PD Michela Di Biase.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2016

Ultime notizie su Dario Franceschini
    • News24

    Governo, Fico vede di nuovo delegazioni Pd e M5s

    La mossa di Sergio Mattarella di sondare il canale M5s-Pd ha di fatto spaccato i dem, che si sono presentati ieri all'appuntamento con Fico con una delegazione plasticamente divisa a metà: da una parte il presidente del partito Matteo Orfini e il capogruppo al Senato Andrea Marcucci, fermi sulla linea del "no all'accordo con i 5 Stelle" dettata da Renzi; dall'altra il reggente Martina, che come il ministro Dario Franceschini, è favorevole ad andare a vedere le carte senza pregiudizi e senza...

    – di Andrea Gagliardi

    • News24

    La trattativa Pd-M5s parte senza Renzi, che non esclude la scissione

    Da una parte l'apertura del segretario reggente del Pd Maurizio Martina, dall'altra la chiusura del forno con la Lega da parte del leader del M5s Luigi Di Maio. Un uno-due che apre di fatto il tavolo della trattativa tra democratici e pentastellati nonostante resti, forte e chiaro, il no dell'ex

    – di Emilia Patta

    • News24

    Fico sonda il Partito Democratico e gli elettori Pd rilanciano il #senzadime

    Il Pd ha la memoria corta? Ci pensa un hashtag a rinfrescargliela. Da quando il presidente della Camera, Roberto Fico, è stato incaricato da Mattarella di sondare i dem per verificare la possibilità di una maggioranza che permetta la formazione del governo, sui social gli elettori del Partito

    – di Francesca Milano

    • News24

    Governisti, mediani e renziani: Pd da Fico con almeno tre linee

    Un dettaglio, in queste ore in cui la trattativa tra M5S e Pd entra nel vivo, descrive più di molte parole la spaccatura provocata nel Pd dalla decisione del Capo dello Stato di dare al presidente della Camera Roberto Fico un mandato esplorativo circoscritto all'ipotesi di un governo tra M5S e Pd:

    – di Emilia Patta

    • News24

    Per Pd-M5S poche chance, ma il dialogo è utile in vista di un governo istituzionale

    Un mandato molto ristretto, quello dato dal Capo dello Stato Sergio Mattarella al presidente della Camera Roberto Fico. Volto a verificare la possibilità di un accordo di governo tra il M5S e il Pd così come il mandato dato alla presidente del Senato Elisabetta Casellati era volto a sondare solo il

    – di Emilia Patta

    • News24

    Pd tentato dall'accordo con il M5S, ma restano i dubbi dei renziani

    Di fronte al gelo, almeno apparente, calato negli ultimi giorni tra i due "vincitori" del 4 marzo Luigi Di Maio e Matteo Salvini nel Pd vacilla sempre di più la linea del "tocca a loro, noi all'opposizione" dettata all'indomani della sconfitta elettorale da Matteo Renzi. Perché fino ad ora un po'

    – di Emilia Patta

    • News24

    Consultazioni, il Pd resta all'opposizione

    I dem (che salgono al Colle con la stessa delegazione del 6 aprile composta dal segretario reggente Maurizio Martina, dai capigruppo al Senato Andrea Marcucci e alla Camera Graziano Delrio, nonché dal presidente Matteo Orfini) vedono il capo dello Stato alle 16.30. E ribadiranno la posizione votata

    • News24

    Il rilancio a Salvini e le avance di Di Maio ai Dem

    Al Sum#02 di Ivrea è arrivata l'ennesima avance di Luigi Di Maio che non ha lasciato indifferente il Pd. Anzi lo ha nuovamente diviso. Forte dei suoi 11 milioni di voti, il capo politico del M5S rilancia a sinistra e a destra. La proposta ai Dem di «sotterrare l'ascia di guerra» e di dialogare per

    – di Nicoletta Cottone

    • News24

    Governo, Martina: ok autocritica di Di Maio, ma resta ambiguità

    «L'autocritica nei toni è apprezzabile, resta evidente l'ambiguità politica. Noi continuiamo a pensare che la differenza la fanno i contenuti. Da questo punto di vista non vedo novità. Il tempo dell'ambiguità è finito». Così il reggente Pd, Maurizio Martina, commenta l'appello a «sotterrare l'ascia

    – di Alessia Tripodi

1-10 di 1901 risultati