Le nostre Firme

Dani Rodrik

Dani Rodrik è professore di Economia politica internazionale alla JFK School of Government presso l'Università di Harvard. I suoi campi di studio sono l'economia internazionale, lo sviluppo economico e l'economia politica.

Nato nel 1957 ad Istanbul in Turchia, Dani Rodrik ha conseguito il Ph.D. in Economia all'Università di Princeton.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Dani Rodrik
    • Econopoly

    Rilanciare la produttività, ecco la sfida chiave della nuova legislatura

    Dopo qualche settimana di silenzio da elezioni, ricominciamo a parlare di produttività. Una parola che, forse a causa di strumentalizzazioni o errori dell'oramai ex-establishment, alle orecchie del lettore sembra spesso sinistra, come fosse un richiamo coercitivo a lavorare di più, quando invece rappresenta l'esatto contrario: la capacità di ognuno di noi di valorizzare le proprie competenze, il proprio impegno, il proprio lavoro. La produttività di un paese è non a caso fortemente correlata al ...

    – Tortuga

    • Econopoly

    Le mosse di Trump sul commercio, in una tipica espressione napoletana

    I recenti dazi imposti dall'amministrazione americana all'importazioni di acciaio e alluminio (dai quali la EU sembra al momento esentata), così come anche le nuove tariffe sui prodotti tecnologici cinesi sugli investimenti cinesi in aziende statunitensi, non sono arrivati certo inaspettati. Sin dai dibattiti pre-elettorali il presidente Trump aveva fatto capire che sarebbe stato interesse della sua amministrazione quello di aggredire il deficit commerciale americano. Non era concepibile che una...

    – Francesco Lenzi

    • News24

    Italia e Ue, il momento delle scelte strategiche

    Come spiegare il fatto che, domenica scorsa, più della metà dell'elettorato italiano, abbia dato il voto a due partiti (5 Stelle e Lega) che avevano un programma (dichiaratamente) sovranista? Quelle elezioni, forse per la prima volta, ci hanno consegnato un'Italia politicamente unificata intorno a

    – di Sergio Fabbrini

    • News24

    Un problema politico chiamato disuguaglianza

    La disuguaglianza è stata considerata la colpevole degli exploit populisti del 2016 e 2017. Ma cos'è? E che ruolo gioca nell'inibire o incoraggiare la crescita o nel minacciare la democrazia?

    – di Angus Deaton

    • News24

    Ue, quale unione fiscale e politica

    Il combattivo ex ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, e il suo rivale, l'ex ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schäuble, sono stati ai ferri corti sulla questione del debito greco durante tutto il mandato di Varoufakis. Ma erano pienamente d'accordo quando si trattava della

    – di Dani Rodrik

    • News24

    Il surplus tedesco, il bene dell'Europa e quello di Berlino

    L'enorme e persistente surplus delle partite correnti della bilancia dei pagamenti della Germania non è stato menzionato nel recente dibattito elettorale tra la cancelliera Angela Merkel e Martin Schulz del Partito socialdemocratico. Tale assenza non ha probabilmente turbato i tedeschi, ma per

    – di Fabrizio Coricelli

    • News24

    Il futuro del commercio tra leader populisti e capri espiatori

    Con l'ampio incoraggiamento da parte del presidente Usa Donald Trump e di altri demagoghi populisti, la paura pubblica della globalizzazione è diventata una delle questioni dominanti del nostro tempo. Tra tutte le molteplici manifestazioni della globalizzazione, i populisti hanno preso di mira gli

    – di Rohinton P. Medhora

    • News24

    Il G20 di Amburgo e il globalismo come capro espiatorio

    Il vertice del G20 di quest'anno ad Amburgo promette di essere tra i più interessanti degli ultimi anni, soprattutto perché è il primo G20 a cui parteciperà il Presidente statunitense Donald Trump che disprezza con estremo orgoglio la cooperazione internazionale e il multilateralismo.

    – di Dani Rodrik

    • News24

    Euro, the big defeat for the economics profession

    The euro has been the greatest success of economic science but is becoming the most humiliating defeat for the economics profession. I thank Il Sole 24 Ore for it openness in allowing me to set forth and discuss a paradox that concerns us all, economists or otherwise, in the framework of a

    – di Alberto Bagnai

1-10 di 180 risultati