Aziende

Credem

Credem Spa è un istituto di credito emiliano. La banca conta 541 filiali e 45 centri imprese distribuiti in 16 regioni italiane, uno staff di 5.600 dipendenti e una rete di 600 promotori finanziari con 100 uffici dedicati. All'estero il gruppo è presente in Lussemburgo con Credem International Lux, mentre nel parabancario il gruppo è attivo tramite Credemleasing e Credemfactor. Il business del gruppo comprende anche l'asset management dove operano Euromobiliare Asset Management SGR e Credem Private Equity SGR. Nella bancassicurazione Credem è attivo tramite le società CredemVita e Credem Assicurazioni; mentre nell'attività di amministrazione fiduciaria di patrimoni opera con Euromobiliare Fiduciaria..

Credem Spa è nato nel 1910 con la denominazione di Banca Agricola Commerciale di Reggio Emilia. Nel 1993 è nato il Gruppo Bancario Credito Emiliano - Credem, con a capo Credito Emiliano Holding Spa. La struttura è stata poi completata nel 1994 con l'acquisizione del Gruppo Euromobiliare. Nel 1996 Credem Spa ha inaugurato una filiale nel Granducato di Lussemburgo, confluita nel 2000 nella controllata Credem International (Lux) Sa. Nel 1999 è stata fondata Banca Euromobiliare (Suisse) Sa e nel 2009 è stato perfezionato il trasferimento della capogruppo a Credito Emiliano Spa.

Tra i maggiori azionisti della banca la holding Max Mara Fashion Gropu della famiglia Maramotti.

Ultimo aggiornamento 24 novembre 2016

Ultime notizie su Credem
    • Agora

    Creval, l'aumento parte il 19. Equita: un'opportunità con obiettivo una fusione con Banco Bpm, Bper, Cariparma, Ubi o Credem

    Equita punta sull'aumento da 700 milioni del Creval, in partenza il prossimo 19 febbraio. Si tratta di "un'opportunità di investire in una storia di ristrutturazione a multipli ragionevoli" e "con una governance ottimale per una fusione", alla luce del fatto che la base azionaria sarà composta prevalentemente da fondi. Gli analisti considerano l'M&A "una chiara opzione" per il Creval e individuano cinque candidati (Banco Bpm, Bper, Cariparma, Ubi e Credem) per un'operazione carta contro carta ch...

    – Carlo Festa

    • News24

    La pagella degli Npl: su 414 banche solo 38 bocciate

    Di necessità virtù. Le banche italiane non hanno risolto il problema delle sofferenze accumulate negli anni, però lo stanno affrontando. Tant'è che, secondo un test messo a punto dell'Area studi Mediobanca, su 414 banche analizzate, solo 38 nel 2016 sforavano tutti i parametri di rischio. Carige

    – Antonella Olivieri

    • News24

    Per 6 lavoratori su 10 welfare aziendale meglio di aumento salari

    Conosciuto in modo approfondito solo da una minoranza, apprezzato in particolare da dirigenti, laureati e dipendenti con redditi elevati, e richiesto soprattutto sotto forma di polizze sanitarie e previdenza integrativa. Parliamo del welfare aziendale, le cui potenzialità di crescita in Italia sono

    – di Vittorio Nuti

    • News24

    Pioggia di realizzi in Europa, Milano tiene con Moncler e Leonardo

    Chiusura negativa per le Borse europee (segui qui l'andamento delle Borse) nonostante il rimbalzo di Wall Street in avvio seduta. Sui listini del Vecchio Continente hanno prevalso i realizzi dopo la corsa registrata nel primo scorcio dell'anno, mentre rimangono i dubbi sulle future mosse della

    – di Eleonora Micheli

    • Agora

    Il Fondo Strategico di Tamagnini investe in Cedacri

    Il fondo Fsi Mid-Market Growth Equity Fund, gestito da Fsi, acquista il 27% di Cedacri, società del fintech italiano e principale operatore nel settore dei servizi di It outsourcing per banche e istituzioni finanziarie. Il restante 73% di Cedacri resta in mano «ad alcune delle banche attualmente presenti nel capitale, che includono 14 istituti fra cui, con quote superiori al 3%, Banca Mediolanum, Cassa di Risparmio di Asti, Banco di Desio e della Brianza, Banca Popolare di Bari, Unipol Banca, Ca...

    – Carlo Festa

    • News24

    Margine di interesse ridotto del 3% nei primi 9 mesi

    Nei primi nove mesi del 2017 le prime dieci banche italiane hanno registrato un utile netto complessivo di circa 11 miliardi, contro gli 1,8 miliardi dello stesso periodo del 2016. Ma non bisogna lasciarsi ingannare da questo boom, riconducibile a una serie di una tantum da operazioni di

    – Isabella Bufacchi

    • News24

    Basilea, le banche italiane e spagnole schivano la stretta

    Una volta tanto le banche italiane possono tirare un sospiro di sollievo. Perché l'attesa (e temuta) riforma delle regole globali del credito non impatterà in maniera drammatica sugli istituti domestici, mentre avrà effetti ben più pesanti su quelli del Nord Europa. Potere delle tecnicalità

    – di Luca Davi

    • News24

    Banche italiane «promosse» sul capitale

    Il velo sulle pagelle delle banche più grandi, da Intesa Sanpaolo a UniCredit fino a BancoBpm, si alzerà nei prossimi giorni. Ma intanto, dai primi riscontri che arrivano dallo Srep, il processo della Bce che ogni anno monitora lo stato di salute in termini di requisiti patrimoniali e di gestione

    – Luca Davi

1-10 di 342 risultati