Ultime notizie:

Corte di Cassazione

    • News24

    La cartella deve indicare il tasso d'interesse applicato

    Ad affermarlo è la sentenza 24933/2016 della Corte di cassazione depositata ieri. ... L'Agenzia ha presentato ricorso in Cassazione sostenendo che la cartella di pagamento fosse sufficientemente motivata: riportava, infatti, sia il periodo relativamente al quale erano maturati gli interessi dovuti, sia gli estremi del provvedimento di revoca della sospensione e pertanto era possibile per il contribuente il controllo di quanto dovuto. ... Secondo quanto affermato dalla Cassazione, quindi, tale...

    – di Laura Ambrosi

    • News24

    L'asilo nido in condominio è un'«attività rumorosa»

    E poco conta a che a dichiararsi disturbati siano pochissimi condòmini e (ovviamente) solo di giorno: la Corte di cassazione (sentenza 24958, depositata ieri) ha bocciato inesorabilmente l'attività di una cooperativa, condannandola anche al... E poco conta a che a dichiararsi disturbati siano pochissimi condòmini e (ovviamente) solo di giorno: la Corte di cassazione (sentenza 24958, depositata ieri) ha bocciato inesorabilmente l'attività di una cooperativa, condannandola anche al...

    – di Saverio Fossati

    • News24

    Apple, la Corte Suprema dà ragione a Samsung

    Affrontando per la prima volta da oltre un secolo un caso che riguarda la violazione di brevetti relativi al design di un prodotto, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che un tribunale deve ridefinire la somma che Samsung deve ad Apple per... Il giudice Sonia Sotomayor, per conto della Corte Suprema intera, ha dato ragione a Samsung.

    • News24

    Rischio di estensione al web per i reati a mezzo stampa

    Questo è il principio che ha stabilito la Corte di cassazione civile a Sezioni unite, con la sentenza n. 23469, depositata il 18 novembre 2016.

    – di Carlo Melzi d'Eril e Giulio Enea Vigevani

    • News24

    Redditometro, non va provato l'imponibile del donatore

    Il giudice richiama precedenti della Corte di cassazione (1389/2008 e 24597/2010) secondo cui la prova delle liberalità che hanno consentito l'incremento patrimoniale deve essere documentale e la motivazione della sentenza deve far preciso... La pronuncia è altresì conforme all'orientamento della Suprema corte (6396/14, 17664/14 e 22944/15) che ritiene non dovuta dal contribuente la prova del nesso causale, cioè dell'effettiva destinazione delle risorse al finanziamento della spesa...

    – di Marcello Maria De Vito

    • News24

    Sanitopoli Abruzzo, la Cassazione annulla la condanna a Del Turco

    La sezione penale della Corte di cassazione ha infatti annullato con rinvio la condanna d'appello in relazione all'accusa più pesante ... La sezione penale della Corte di cassazione ha infatti annullato con rinvio la condanna d'appello in relazione all'accusa più pesante nei confronti di Del Turco, quella di associazione a delinquere.

    • Agora

    La Cassazione dice no al collare elettronico che dà la scossa ai cani: è maltrattamento

    Lo sottolinea la Cassazione confermando la condanna penale alla multa da mille euro, per il reato di maltrattamento di animali, nei confronti del padrone triestino di un segugio di razza italiana al quale era stato messo un collare con led che... ...osserva la Suprema Corte nella sentenza 50491 depositata oggi.

    – Guido Minciotti

    • Tecnici24

    Il nuovo Testo Unico sull'amianto

    A Palazzo Giustiniani sono intervenute diverse personalità del panorama politico nazionale tra cui Pietro Grasso (Presidente del Senato), Camilla Fabbri (presidente della Commissione d'inchiesta sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali), Gian Luca Galletti (Ministro dell'Ambiente) e il magistrato della Corte di Cassazione, Bruno Giordano.

    – Cristiano Sentinelli

    • News24

    Nello stalking di vicinato vittima sempre «credibile»

    Atti persecutori in condominio: la Cassazione ha ormai definito i contorni dello stalking tra vicini, soprattutto sulla credibilità di chi ha fatto querela, accreditandola di fatto quando non si possano ravvisare «intenti calunniatori o contrasti... In particolare la Suprema Corte ritiene che questa condotta sia penalmente rilevante e che l'intento della parte lesa che ha denunciato il reato non sia mosso da vendetta, da intenti calunniatori o da contrasti economici.

    – di Giulio Benedetti

1-10 di 3824 risultati