Persone

Corrado Clini

Corrado Clini, 64 anni, è direttore generale per lo sviluppo sostenibile, il clima e l'energia del ministero dell'Ambiente, fa parte del dicastero praticamente da sempre: dopo una lunga gavetta a Venezia, dove per 11 anni ha organizzato e diretto gli uffici per la salute sul lavoro, responsabili anche per la delicata area di Porto Marghera, nel 1987, un anno dopo l'inaugurazione del ministero da parte del governo Craxi II, Clini è assunto come responsabile dell'Ufficio Studi. La sua prima nomina a dirigente risale al 1990, per volontà dell'allora ministro Giorgio Ruffolo.

Nato a Latina e laureato in medicina, Clini ha un lungo curriculum di esperienze internazionali: è stato responsabile del fondo rotativo del Protocollo di Kyoto in Italia e sono note da tempo le sue posizioni critiche sul Protocollo stesso, che, sostiene, non dovrebbe essere rinnovato nel 2012. Come chairman della Global BioEnergy Partnership, inziativa del gruppo G8+5, è impegnato nella ricerca sugli usi sostenibili delle bioenergie.

Clini è anche membro dei comitati di governance internazionali CCICED (Cina) e dell'Assemblea generale del Regional Environment Center (REC) di Budapest; ricercatore alle università di Harvard e Tshingua; presidente della commissione tecnica Cipe per la riduzione delle emissioni. E' stato inoltre vicecommissario dell'Enea e vicepresidente dell'Agenzia europea dell'ambiente. A maggio 2011 gli è stata conferita la laurea honoris causa in "Ecologia dei Cambiamenti Climatici" dall'Università di Urbino, mentre ad agosto era stato nominato dall'allora ministro dell'Istruzione Gelmini come presidente di Area Science Park, il Consorzio per l'area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste.

Ultimo aggiornamento 28 luglio 2016

Ultime notizie su Corrado Clini
    • Info Data

    Ambiente: dalle bonifiche benefici per 20 miliardi di euro

    Produzione industriale che compie un balzo superiore ai 20 miliardi di euro, 200 mila nuovi posti di lavoro per un miglioramento dello 0,1% del Pil. Questo lo scenario che si prospetterebbe se venissero bonificati in modo definitivo i 38 siti di interesse nazionale - lo dice lo studio effettuato dal comitato Industria e Ambiente di Confindustria. Un beneficio non solo per la salute dei cittadini e dell'ambiente, ma anche per le loro tasche. Per mettere in atto un piano di risanamento quinquen...

    – Infodata

    • News24

    Dalle bonifiche dei siti inquinati benefici per il Pil

    Se si decidesse (finalmente!) di disinquinare davvero e in modo definitivo i 38 siti di interesse nazionale - cioè i luoghi più contaminati d'Italia -?il beneficio sarebbe non solamente per la salute dei cittadini e per la ricchezza dell'ambiente. Il beneficio sarebbe anche per il Pil, per

    – di Jacopo Giliberto

    • Agora

    "cara sindaca". il patto tradito di roma sui rifiuti.

    era l'estate del 2012, io lavoravo al ministero dell'ambiente e per risolvere la perenne emergenza della spazzatura venne firmato il "patto per roma". promuovere e sviluppare un sistema di raccolta differenziata che raggiunga il 30% dei rifiuti urbani entro la fine del 2012, il 40% entro il 2013, il 50% entro il 2014, il 60% entro il 2015 e il 65% entro il 2016 era l'impegno firmato dalle amministrazioni romane con il ministro corrado clini (clicca qui per leggere l'articolo del sole24ore dell'8...

    – Jacopo Giliberto

    • Agora

    ilva/5. cronologia di una crisi. nel 2011 arrivò l'aia farlocca. inchieste, perizie e nuovi dossier.

    clicca qui per leggere la prima parte di questo articolo: ilva/1, i nemici del risanamento, gli amici della chiusura, un vecchio documento. clicca qui per leggere la seconda parte di questo articolo: ilva/2, la diossina e il video dell'inaugurazione del '64. clicca qui per leggere la terza parte di questo articolo: ilva/3, il benzopirene delle cokerie clicca qui per leggere la quarta parte di questo articolo: ilva/4, l'acciaieria stravince al tar e nasce il desiderio di rivalsa. clicca qui pe...

    – Jacopo Giliberto

    • Agora

    ilva/3. cronologia di una crisi. il benzopirene della cokeria.

    clicca qui per leggere la prima parte di questo articolo: ilva/1, i nemici del risanamento, gli amici della chiusura, un vecchio documento. clicca qui per leggere la seconda parte di questo articolo: ilva/2, la diossina e il video dell'inaugurazione del '64. clicca qui per leggere l'articolo "il risanamento ambientale ha perso tre anni e alcuni miliardi". riassumo in questo paragrafo ciò che leggerai più sotto. la produzione di carbon coke, cioè il carbone che si usa nell'altoforno per produr...

    – Jacopo Giliberto

    • Agora

    ilva/2. cronologia di una crisi. la diossina. il video dell'inaugurazione del '64.

    clicca qui per leggere la prima parte di questo articolo: ilva/1, i nemici del risanamento, gli amici della chiusura, un vecchio documento. clicca qui per leggere la terza parte di questo articolo: ilva/3, il benzopirene delle cokerie clicca qui per leggere l'articolo "il risanamento ambientale ha perso tre anni e alcuni miliardi". riassumo in questo capoverso i dettagli che potrai leggere più sotto. la diossina è un gruppo di composti molto stabili e persistenti. la pioggia non li disperde e...

    – Jacopo Giliberto

    • Agora

    ilva/1. i nemici del risanamento. gli amici della chiusura. un vecchio documento.

    il primo nodo della vicenda ilva sorse quando nell'estate 2012 il partito della chiusura dello stabilimento si accorse che rischiava di perdere la guerra. l'obiettivo della chiusura si allontanava perché si stava aprendo una via alternativa. la società siderurgica, assediata dagli interventi della procura di taranto guidata da franco sebastio e della giudice per le indagini preliminari patrizia todisco, aveva deciso di piegarsi al ministero dell'ambiente e di investire sulla sostenibilità dell'a...

    – Jacopo Giliberto

    • Agora

    ilva. il risanamento ambientale ha premuto il tasto rewind ed è tornato indietro. persi tre anni e alcuni miliardi.

    clicca qui per leggere l'articolo sul sole 24 ore di oggi. era l'ottobre 2012 quando il ministro dell'ambiente (governo monti, ministro corrado clini) impose all'ilva della famiglia riva un piano di risanamento che avrebbe trasformato l'acciaieria di taranto in un modello che avrebbe fatto scuola nel mondo globalizzato della siderurgia. l'ilva era stata costretta a ottenere in tre anni, cioè entro l'ottobre 2015 da poco passato, un minore impatto ambientale con l'utilizzo di nuove tecnologie e ...

    – Jacopo Giliberto

1-10 di 518 risultati