Aziende

Coca Cola

The Coca Cola Company è una delle più grandi aziende produttrici, distributrici e venditrici di concentrati di bevande analcoliche e sciroppi del mondo. La sede della Coca-Cola è ad Atlanta (Georgia), negli Stati Uniti d'America. Complessivamente il gruppo impiega uno staff di 92.800 persone, distribuite in 200 Paesi in tutto il mondo, nei quali Coca Cola commercializza 3.300 tipi di bevande diversi. The Coca Cola Company è una delle più grandi aziende degli Stati Uniti ed quotata alla Borsa di New York. In generale, produce concentrati di sciroppo che vengono poi venduti a varie società imbottigliatrici nel mondo, legate alla casa madre da contratti di franchising.

La bevanda da cui trae il nome, Coca-Cola, è stata inventata dal farmacista John Stith Pemberton nel 1886. L'anno seguente, quando Atlanta e la Contea di Fulton (in Georgia) hanno imposto la legge del proibizionismo, Pemberton ha sviluppato una versione analcolica del French Wine Coca. Nel 1887 Pemberton ha venduto i diritti a tre società e tre versioni di Coca-Cola sono state contemporaneamente sul mercato. Nel 1982, The Coca-Cola Company ha acquistato le 2 società Columbia Pictures e Columbia Pictures Television, cedute nel 1989 alla Sony Corporation. Nel 2006 The Coca Cola Company ha comprato l'azienda di acque minerali Fonti del Vulture, che ha lanciato i suoi prodotti in particolar modo l'Acqua Lilia.

Ultimo aggiornamento 24 febbraio 2016

Ultime notizie su Coca Cola
    • News24

    Le leve dell'export agroalimentare? Sono nelle "mani" delle giudici sensoriali

    Il segreto di tante aziende che operano a livello internazionale è stato quello di produrre una ricetta, ad esempio quella della Coca Cola, differenziandola per paesi e usando materie prime locali, oltre che per ammortizzare i costi, anche per trovare un riscontro pieno con i gusti della popolazione.

    – di Camilla Rocca

    • Econopoly

    Decreto dignità, all'Italia serve più Coca-Cola e meno olio d'oliva

    Pubblichiamo un post di Giacomo Lev Mannheimer, consulente e ricercatore dell'Istituto Bruno Leoni, per il quale si occupa soprattutto di concorrenza, innovazione e regolamentazione - Dal patto delle sardine a quello della pajata, dalla birra di Bersani alla mortadella di Prodi, da Eataly come metafora del renzismo all'hamburger di Obama, gli incroci fra cibo e politica non sono certo una novità. E qualche giorno fa, a Pontida, ecco aggiungersi alla lista quello fra Matteo Salvini e la Coca-Col...

    – Econopoly

    • News24

    Islanda: Halldorsson, il portiere-videomaker che ha ipnotizzato Messi

    Grazie alla prima, storica partecipazione al Mondiale, l'Islanda ha regalato una serie di storie di vita all'intero globo. La dimostrazione anche oggi, in Russia: al debutto assoluto in questa competizione, Bjarnason e compagni hanno fermato sull'1-1 l'Argentina vice campione del mondo. Parte del

    – a cura di Datasport

    • News24

    Campioni nascosti nella food valley dell'Alta Murgia barese

    Agroalimentare pugliese in crescita all'estero. L'export dell'industria alimentare è aumentato del 4,5% nel 2017 rispetto al 2016 e ha raggiunto un valore di 893 milioni di euro (dati Istat, nel rapporto Puglia di Bankitalia). Incremento inferiore a quello del 2016 (+5,9%) ma in linea con gli

    – di Vincenzo Rutigliano

    • News24

    Islanda: Halldorsson, il portiere-videomaker che ha ipnotizzato Messi

    Grazie alla prima, storica partecipazione al Mondiale, l'Islanda ha regalato una serie di storie di vita all'intero globo. La dimostrazione anche oggi, in Russia: al debutto assoluto in questa competizione, Bjarnason e compagni hanno fermato sull'1-1 l'Argentina vice campione del mondo. Parte del

    – a cura di Datasport

    • News24

    Il videogioco è show-business quasi miliardario

    Uno show business quasi miliardario. E' quello degli «esports», fenomeno per nativi digitali ed entusiasti dei videogame che sta diventando internazionale. Quest'anno in tutto il mondo il giro d'affari legato a questo nuovo filone dell'economia digitale dovrebbe superare i 900 milioni di dollari

    – di Enrico Netti

    • News24

    Fake news e hate speech, 6 aziende su 10 sentono il brand fuori controllo

    Per sei aziende su dieci è difficile avere il controllo della propria brand image online, soprattutto sui social. Per intervenire contro fake news e hate speech gli mancano soprattutto competenze (42%), ma anche risorse umane (30%), approccio mentale e culturale al fenomeno (24%), investimenti

    – di Alessia Maccaferri

    • Agora

    Avete tenuto il vino alla giusta temperatura? Ve lo dice l'etichetta intelligente (inventata a scuola)

    Questo progetto si chiama OKelvin: provate a mettere l'accento sull'ultima sillaba, e scoprirete il gioco di parole che ha senso anche in friulano. Si tratta dell'etichetta magica messa a punto dall'istituto Malignani di Udine: il progetto imprenditoriale già vincitore dell'edizione Fvg della Fiera Impresa In Azione Junior Achievement, recentemente svoltasi in Camera di Commercio di Udine, è arrivata ora sul gradino più alto del podio anche nella competizione nazionale, la Biz Factory 2018 di M...

    – Barbara Ganz

1-10 di 991 risultati