Aziende

Cnn

La Cable News Network, meglio nota con la sigla Cnn, è l’emittente televisiva fondata dal magnate americano Ted Turner nel 1980. Sfruttando la tecnologia statunitense delle trasmissioni televisive via cavo, la Cnn è stata il primo canale tv a trasmettere solamente notiziari televisivi (in inglese news) per ventiquattro ore al giorno sul territorio americano. Attualmente è inoltre attiva anche la versione internazionale del canale all-news della Cnn, che viene vista in 212 paesi del mondo.

Nel 1991, durante la prima guerra del Golfo, la Cnn ha rivoluzionato le trasmissioni di corrispondenza annunciando in diretta da Baghdad l’inizio delle ostilità dato dal bombardamento americano sulla capitale irachena. La sede principale della Cnn, che ha redazioni e sezioni distaccate in oltre trenta città del mondo (tra le quali, Pechino in Cina, Dubai negli Emirati Arabi, Johannesburg in Sudafrica, Gerusalemme in Israele, Nuova Delhi in India, Sydney in Australia e Tokyo in Giappone), è situata nella città statunitense di Atlanta. Qui sono impiegati circa 600 dipendenti, tra redattori e staff. Tra i programmi più visti e più longevi del network americano va segnalato sicuramente il The Larry King Show: condotto dal popolare giornalista e conduttore americano è strutturato come un talk show nel quale intervengono e sono intervistati in diretta personalità del mondo della politica e dello spettacolo, americani e mondiali. Per soli quattro anni, tra il 1999 e il 2003, la Cnn ha trasmesso il suo segnale in Italia non solo con il canale internazionale ma anche con una tv in lingua italiana, creata in collaborazione con il gruppo editoriale L’Espresso. In Italia invece è attualmente possibile ricevere il canale Cnn International via satellite, sulla piattaforma Sky, oppure sulle IpTv via internet di Fastweb, Infostrada e Alice. Esiste infine anche la versione web che è visibile in tutto il mondo tramite il sito internet cnn.com.

Ultimo aggiornamento 09 gennaio 2017

Ultime notizie su Cnn
    • Agora

    Sciroppo, babbuini e sessismo: la trap «fatta a pezzi» dal rapper vecchia scuola

    Di cosa parliamo quando parliamo di trap? Ce lo siamo chiesti a lungo e ancora continuiamo a chiedercelo qui a «Money, it's a gas!» di fronte a misteri senza fine belli come gli exploit dei vari Ghali, Sfera Ebbasta, Dark Polo Gang e Young Signorino. Abbiamo deciso allora di girare la domanda a chi di cultura Hip-Hop e affini ne sa più di noi: Kento, (nella foto di Pierpaolo Lo Giudice), al secolo Francesco Carlo, rapper calabrese trapiantato a Roma con una lunga storia di militanza di sinistra ...

    – Francesco Prisco

    • News24

    Iran, il «falco» di Trump minaccia sanzioni ad aziende europee

    Le sanzioni Usa contro il regime di Teheran potrebbero colpire anche l'Europa. Più che un monito, quello del consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, il "superfalco" John Bolton, suona come una vera e propria minaccia. Perché l'amministrazione Trump non ha alcuna intenzione di fare

    • News24

    Oculus Go: cosa sa di noi la realtà virtuale portatile di Mark Zuckerberg?

    La realtà virtuale di Mark Zuckerberg non poteva che assomigliare a un social network. Dopo aver acquisto nel 2014 per tre miliardi di dollari Oculus, il più popolare produttore di caschetti per la Vr, il numero uno del social network più popolare de mondo non ha smesso di credere nel business

    – di Luca Tremolada

    • Econopoly

    Il Bitcoin non se la passa bene e anche per comprare casa meglio essere cauti

    L'autrice di questo post è Kateryna Fedorova, advisor presso uno studio legale milanese e cultrice della materia informatica giuridica presso l'Università degli Studi di Milano - Sul tema criptovalute e bitcoin è stato scritto tanto. Tutti noi sappiamo, più o meno, di cosa si tratta, alcuni di noi considerano le criptovalute una bolla destinata a scoppiare, altri, invece, hanno comprato qualche bitcoin per provare il brivido di diventare investitori, altri ancora ci stanno pensando. In breve, ...

    – Econopoly

    • Agora

    Turchia, un duro colpo alla pluralità di informazione

    Un ulteriore passo avanti verso un regime autoritario sul Bosforo dove non c'è rispetto per i diritti delle minoranze e la pluralità dell'informazione. L'adesione a un concetto rozzo della democrazia, vista solo come un modo per contare i voti nel momento delle elezioni e non un sistema di garanzie, separazione dei poteri e rispetto dei diritti di tutti i cittadini dello Stato. Questo è il significato profondo della vendita che la holding del magnate turco Aydin Dogan, bandiera della laicità sul...

    – Vittorio Da Rold

    • News24

    Le (non) risposte di Zuckerberg che fanno storcere il naso

    Si è preso cinque giorni di tempo, Mark Zuckerberg, prima di fornire la sua versione dei fatti sullo scandalo Cambridge Analytica. Cinque giorni durante i quali il malumore attorno a Facebook è cresciuto costantemente, e lo stesso ceo è finito nel mirino di regolatori e politici che lo hanno

    – di Biagio Simonetta

    • News24

    Datagate, parla Zuckerberg: «Abbiamo sbagliato, sono io responsabile»

    «Sono responsabile di quello che è successo»: Mark Zuckerberg rompe il silenzio sullo scandalo dei dati personali raccolti su Facebook. «Abbiamo fatto degli errori, c'è ancora molto da fare», scrive in un post. E' la prima parte della risposta, visto che alle 2 della notte, ora italiana, Zuckerberg

1-10 di 1365 risultati